Episodi di R.I.S. - Delitti imperfetti (seconda stagione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: R.I.S. - Delitti imperfetti.

La seconda stagione della serie televisiva R.I.S. - Delitti imperfetti è stata trasmessa in Italia dal 9 gennaio al 20 febbraio 2006 su Canale 5, con 2 episodi a serata per 7 settimane consecutive, sempre di lunedì (tranne la prima settimana, in cui è stata trasmessa anche di martedì, e la quinta settimana in cui è stata trasmessa di martedì). Cast: Lorenzo Flaherty, Nicole Grimaudo, Filippo Nigro, Stefano Pesce, Ugo Dighero, Romina Mondello, Nino D'Agata, Paolo Maria Scalondro, Gea Lionello e Leonardo Treviglio.

Titolo Prima TV Italia
1 Testimone silenzioso 9 gennaio 2006
2 Insospettabile 9 gennaio 2006
3 Colpevoli o innocenti? 11 gennaio 2006
4 L'ora del veleno 11 gennaio 2006
5 L'ultimo saluto 16 gennaio 2006
6 Inganni della scienza 16 gennaio 2006
7 Bella da morire 23 gennaio 2006
8 La trappola 23 gennaio 2006
9 Follia omicida (prima parte) 30 gennaio 2006
10 Follia omicida (seconda parte) 30 gennaio 2006
11 Fuoco incrociato 6 febbraio 2006
12 Una sorpresa per il Capitano 6 febbraio 2006
13 Ossessione 13 febbraio 2006
14 La mano del diavolo 12 febbraio 2006
15 Delitto a camera chiusa 20 febbraio 2006
16 L'ultima prova 20 febbraio 2006

Testimone silenzioso[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il generale Tosi, presenta al capitano Riccardo Venturi la nuova arrivata :il tenente Giogia Levi dal RIS di Cagliari,(Romina Mondello),psicologa specializzata in profili di serial killer,affiancherà la squadra del Ris di Parma nel caso delle bombe. Finalmente l'uomo delle bombe ha un volto:quello ripreso dalle telecamere del supermercato dove ha incrociato Venturi e dove in extremis il Ris ha evitato la strage.La Levi decide di ripartire dalle cassette,sperando di trovarvi un messaggio da parte del folle criminale:un'immagine sfocata di un portachiavi in mano all'uomo porta lei e il maresciallo De Biase ad un autonoleggio dove c'è una lettera per Venturi.Una sola frase ossessiva,che Giorgia cerca di decifrare come se fosse un indovinello...Nel frattempo,l'uomo delle bombe piazza qualcosa nella macchina del tenente Anna Giordano, la collega di cui Venturi è innamorato. Anna è triste perché avverte che Riccardo cerca di evitarla. Il caso a cui lavora Testi si rivela essere lo stesso che impena il capitano Edoardo Rocchi della territoriale,Venturi e Martinelli e vede protagonista la testimone di un omicidio una giovane moldava,Anya,ricoverata sotto shock in ospedale.La ragazza ha assistito all'omicidio di un noto sfruttatore di prostitute,Giacomo Greco,avvenuto nel suo appartamento.Rocchi vuole arrestarla perché la ritiene colpevole ma Venturi la sottopone ad uno speciale test che conferma che Anya ha solo assistito ad un omicidio.La verità si scoprirà molto più scomoda:l'assassino è la madre di Anya che ha tentato di preservare la figlia dal mondo della prostituzione ed ha ucciso sia Greco sia Sergio Bonezzi.Intanto la Levi,anagrammando la frase scritta dall'uomo delle bombe,è arrivata a decodificare un nome,è quello di Anna Giordano. Anna sta per mettere in moto la sua auto,quando Venutri la raggiunge per spiegarle il suo strano comportamento.Il colloquio fra i due salverà entrambi:proprio in quel momento una telefonata di Martinelli avverte Venturi del potente ordigno che sta per farli saltare in aria...

Insospettabile[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il Capitano Riccardo Venturi ed il Tenente Anna Giordano, proprio durante la dichiarazione del primo, si sono salvati dal potente ordigno piazzato dall'Uomo delle Bombe, il Serial Killer che ormai sembra aver preso di mira Anna. Gli artificieri disattivano ed estraggono la bomba, che consegnano al Maresciallo Vincenzo De Biase. Ma per Anna e Riccardo non c'è un momento di tranquillità: una chiamata d'urgenza dal Capitano della Territoriale li fa correre in una strada periferica, dove una ragazza è stata trovata cadavere, probabilmente vittima di un pirata della strada. Nel frattempo, il Sottotenente Davide Testi, il Tenente Fabio Martinelli e la nuova Tenente Giorgia Levi sono chiamati in un lussuoso albergo: la sera prima c'è stata una festa in maschera e, nell'ascensore, è stato rinvenuto il corpo pugnalato di una ragazza. Mentre Riccardo ed Anna scoprono che la ragazza frequentava spesso un suo amico meccanico, Fabio, Davide e Giorgia scoprono che alla festa, la vittima era con un ragazzo vestito da Frate, che risulta scomparso e diviene il sospettato numero uno. Quando il suo cadavere viene rinvenuto, però, i R.I.S. dovranno cercare altre tracce fin quando giungeranno al vero assassino: il barman della serata. Invece, l'assassino della ragazza si scopre essere un ragazzo di colore che, guidando un'auto, accidentalmente l'ha investita e, con l'amico della vittima, l'ha scaricata lì sull'asfalto, senza sapere che in realtà potevano salvarla: è morta due ore dopo...Invece, Vincenzo scopre, tra i resti della bomba, la scheda madre di una fotocopiatrice dei laboratori, cambiata un po' di tempo fa. Intanto, dagli Stati Uniti ritorna una Francesca guarita, in grado di camminare con le proprie gambe, che però comunica tristemente al padre e a Davide, non ha intenzione di intraprendere relazioni amorose per il momento e vorrebbe stare ancora un po' in America. Venturi si dichiara definitivamente ad Anna. I due vengono, però, interrotti da Vincenzo che comunica altre informazioni riguardanti la bomba: il tubo di una lavatrice presente solo in una zona di Parma. Venturi si precipita lì: nella casa non trova nessuno, quando vede l'Uomo delle Bombe attraversare il vicolo. Il Capitano entra in casa e punta la pistola in faccia all'assassino: è in arresto.

  • Ascolti Italia: telespettatori 6.407.000

Colpevoli o innocenti?[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In seguito al suo arresto Luca Grassi (Leonardo Treviglio), sospettato di essere l'uomo delle bombe, rivendica la propria incredulità ed innocenza ai RIS. Il procuratore Di Maio (Diego Ribon) invita il Capitano Venturi (Lorenzo Flaherty) a fornirgli prove concrete entro 48 ore, pena il rilascio di Luca Grassi. Intanto il Capitano Rocchi (Paolo Maria Scalondro) convoca i colleghi del RIS dove è avvenuta una rapina in una villa, in cui sono stati imbavagliati e legati i padroni di casa con i loro figli; ma il figlio piccolo è morto per asfissia. I ladri hanno poi forzato e svuotato la cassaforte. I ladri vengono subito individuati, confessano il furto ma negano di aver imbavagliato i ragazzi. Si scoprirà poi che il figlio piccolo è stato soffocato per errore dalla sorella, che per evitare che le sue urla attirassero i ladri, gli ha tappato la bocca con un maglione.

  • Ascolti Italia: telespettatori 6.749.000[1]

L'ora del veleno[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Anna nel giorno del suo compleanno è vittima dell'ennesimo tentativo omicida dell'uomo delle bombe e stavolta il bersaglio è lei e riuscirà ad ucciderla tra le braccia del capitano, questa volta l'uomo delle bombe ha inviato un messaggio facendo finta di essere Venturi e ha fatto recapitare un pacco con una giostra giocattolo con all'interno un bracciale dove ha innescato dentro del veleno facendo così morire il tenente Giordano e portando via la persona più importante del Capitano Venturi

  • Ascolti Italia: telespettatori 6.304.000[1]

L'ultimo saluto[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Venturi, distrutto dalla morte di Anna, non se la sente di seguire le indagini e si reca in Veneto per indagare sulla scomparsa di un parroco. Nel frattempo nella sede di Parma, De Biase e Testi si occupano di analizzare la scena del crimine e gli oggetti che Anna ha toccato prima di morire, secondo il medico legale, infatti, è il contatto con un oggetto avvelenato la causa della sua morte. In Veneto Venturi scopre che il prete scomparso è morto, e con l'aiuto di Vincenzo riesce a risolvere il caso: i sospetti ricadono in un primo momento su un ragazzo che ce l'aveva con il parroco poiché quest'ultimo aveva messo incinta la sua compagna, ma successivamente si scopre che i due hanno solo litigato violentemente ma la morte del prete non è un omicidio bensì una terribile disgrazia; il prete infatti sale nella torretta per riparare la campana ma la ringhiera si rompe e lui precipita nel vuoto. L'episodio si conclude con il funerale di Anna Giordano, presenti tutti i suoi colleghi per l'ultimo saluto.

  • Ascolti Italia: telespettatori 6.512.000[2]

Inganni della scienza[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Uno sessantenne viene trovato morto nel fiume Adda avvolto nel sacchetto di plastica i RIS credono che la sospettata è la moglie ma quest'ultima viene trovata morta anche lei. Venturi torna sul luogo in cui è morta Anna in cui vengono trovati i frammenti di vetro del carillon che Anna ha fatto cadere a terra prima di morire, sull'oggetto potrebbero trovarsi le impronte dell'uomo che ha ucciso Anna. La Levi intanto scopre che l'assassino dei coniugi è il figlio che ha ucciso il padre poiché questo aveva avuto una relazione con la sua ragazza. Venturi scopre che i frammenti di vetro che cerca si trovano sui suoi vestiti, sono rimasti attaccati quando teneva stretto tra le braccia il corpo ormai senza vita della donna che amava, così il capitano si sente in colpa per aver contaminato la scena del crimine. Una volta ricostruiti i pezzi e le impronte Venturi non ha dubbi, è stato Luca Grassi ad aver ucciso Anna, ma Vincenzo trova un messaggio nella segreteria da cui è partito l'sms per Anna, registrato dopo l'arresto di Luca Grassi, non può essere lui l'assassino, anche se secondo Riccardo non è possibile. Rianalizzando le impronte nota che quella di Grassi è speculare rispetto a quella trovata sul carillon, solo i gemelli monozigoti hanno le impronte speculari, Luca Grassi ha un fratello, è lui il vero assassino di Anna e non quello che si trova in carcere.

  • Ascolti Italia: telespettatori 6.206.000[2]

Bella da morire[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Una ragazza con cui Testi aveva una relazione viene trovata morta strangolata a casa sua e Testi viene in un primo momento sospettato di omicidio ma in realtà il colpevole è il proprietario del locale che la ragazza frequentava. Nel frattempo Martinelli e la Levi si occupano di un caso di un istruttore di tango morto in modo sospetto, i sospetti ricadono sulla moglie gelosa, ma le cose sono andate in maniera molto differente. Alla fine dell'indagine Giorgia e Fabio finiscono col fare l'amore. Venturi continua ad indagare sulla morte di Anna e grazie ad una trappola tesa grazie ai giornali, riescono ad ascoltare la voce del ero uomo delle bombe, il fratello gemello di Luca Grassi.

  • Ascolti Italia: telespettatori 6.575.000[3]

La trappola[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un attraente studente di venticinque anni viene assassinato. Interrogata dagli inquirenti, un'avvenente docente universitaria quasi cinquantenne dichiara di aver avuto un rapporto sessuale con la vittima poco prima della sua morte. La donna da tempo aveva intrecciato una relazione clandestina con il ragazzo e i carabinieri in un primo momento ipotizzano che se ne sia sbarazzata a causa dei crescenti sospetti del marito e del figlio, ques'ultimo si scoprirà essere l'assassino del ragazzo, lo aveva ucciso per punire la madre. Intanto Grassi elude la sorveglianza e si reca alla diga, lì trova suo fratello gemello, l'uomo delle bombe. Venturi e la sua squadra si recano così alla diga e la circondano, l'uomo delle bombe non ha scampo e così si getta nella diga. Sarà davvero morto?

  • Ascolti Italia: telespettatori 6.373.000[3]

Follia omicida (prima parte)[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un uomo viene trovato carbonizzato nel bagagliaio di un'auto guidata da un ladro, l'uomo era stato accoltellato e poi bruciato, si tratta di un professore universitario. I Ris indagano sull'accaduto, poco dopo anche una tossicodipendente viena trovata morta accoltellata e con la faccia mezza carbonizzata, nella stessa giornata la sera un uomo viene trovato morto con la stessa tecnica e la stessa bruciatura.

  • Ascolti Italia: telespettatori 6.646.000[4]

Follia omicida (seconda parte)[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Due allievi della prima vittima vengono trovati morti e Venturi scopre che il serial killer è il collega della prima vittima. Nel frattempo il pm vuole archiviare il caso dell'uomo delle bombe certo che sia morto quando si è lanciato dalla diga nel vuoto, ma Riccardo non si dà pace anche perché il suo corpo non è stato ritrovato, tra mille dubbi chiude il caso.

  • Ascolti Italia: telespettatori 6.340.000[4]

Fuoco incrociato[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Una rapina al supermercato è andata male con una guardia giurata e un rapinatore uccisi e il secondo ferito. I Ris indagano sull'accaduto scoprendo che è stato un rapinatore a uccidere il suo complice per poi scappare con la refurtiva. Viene ritrovato il covo dei rapinatori con gli ultimi due rapinatori uccisi e si scopre che la donna del supermercato, loro complice, ha poi ucciso gli altri due per scappare con i soldi. Intanto De Biase e Martinelli seguono il caso della morte di fotomodello ucciso dalla scossa elettrica. Testi risponde ad una telefonata della madre di Martinelli ed è costretto ad informare il collega della morte del padre da tempo malato.

  • Ascolti Italia: telespettatori 6.828.000[5]

Una sorpresa per il Capitano[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il RIS viene coinvolto nell' indagine che riguarda una giovane studentessa violentata nel proprio appartamento. L'ex fidanzato della vittima viene sospettato dello stupro, ma durante l' interrogatorio arriva la notizia di un'altra aggressione ai danni di una ventenne. Venturi con la Levi indagano e scoprono il vero responsabile che però muore nell'ufficio di Riccardo dopo che quest'ultimo lo ha aggredito durante l'interrogatorio dopo che l'uomo ha confessato le due violenze. Nel frattempo Testi e De Biase seguono il caso di Placido, un uomo il cui corpo è stato trovato su un autobus con il cranio sfondato. Le indagini portano presto a sospettare dei due fratelli della vittima, che lo hanno ucciso per impossessarsi di una sua recente vincita al Superenalotto. Venturi rientrato a casa trova uno smile nel bagno.

  • Ascolti Italia: telespettatori 6.330.000[5]

Ossessione[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un infermiera viene trovata morta nel suo ufficio mezza nuda. Giorgia e Fabio indagano sul caso e scoprono che la colpevole è un'altra infermiera da tempo innamorata della collega ma respinta. Intanto Venturi indaga su un smile che l'uomo delle bombe aveva gettato per terra prima di lanciarsi dalla diga e che Riccardo ha trovato appeso allo specchio del suo bagno. Venturi è ossessionato dall'uomo delle bombe nonostante tutti continuano a ripetergli che è morto e così fa analizzare minuziosamente casa sua e il suo ufficio senza trovare nulle. Il generale Tosi decide che è meglio per il capitano andare in licenza fin quando non si sarà calmato.

  • Ascolti Italia: telespettatori 6.164.000[6]

La mano del diavolo[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

I due componenti di una setta sono stati trovati morti e hanno a che fare con una ragazza scomparsa, si occupano del caso Testi e Martinelli che è momentaneamente diventato capitano al posto di Venturi. Intanto la Levi e De Biase indagano su un caso di suicidio di un commercialista. Venturi torna alla diga e analizza un pezzo di silicone trovato lì. Adesso ha la prova che l'uomo delle bombe è vivo, si è lanciato con un giubbotto di silicone dalla diga e quindi è sopravvissuto. I suoi colleghi non gli credono e lui glielo dimostra lanciandosi allo stesso modo dalla diga.

  • Ascolti Italia: telespettatori 5.513.000[6]

Delitto a camera chiusa[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Mentre le squadra è alle prese con due casi di omicidio, Riccardo vuole interrogare il gemello dell'uomo delle bombe, l'unica persona che può portarlo a lui. Luca Grassi viene convocato ma poco dopo che lascia il Ris Riccardo e Vincenzo si rendono conto che avevano davanti l'uomo delle bombe e non il fratello gemello. Riccardo va a casa di Luca Grassi ma ne nasce un conflitto a fuoco. Quando i Ris arrivano trovano l'uomo ucciso e il capitano a terra ferito.

  • Ascolti Italia: telespettatori 5.922.000[7]

L'ultima prova[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il comando generale manda un nuovo capitano a capo della squadra poiché Venturi è troppo coinvolto sul caso. La squadra però disobbedendo agli ordini del nuovo capo continua ad indagare sull'omicidio Grassi e prova l'innocenza di Riccardo. L'uomo delle bombe infatti ha teso una trappola a Venturi, lo ha ferito, anestetizzato e così ha avuto il tempo di prendere il fratello che da tempo teneva prigioniero, ucciderlo con la mano di Riccardo per far ricadere la colpa su di lui. Nel garage del palazzo Riccardo trova più di un centinaio di bombe pronte ad esplodere, ma riesce a disinnescarle mentre l'uomo delle bombe scappa di nuovo. Il capitano lo trova, lo insegue e durante l'inseguimento lo spietato criminale va a finire con la macchina addosso ad un camion. Il capitano gli salva la vita tirandolo fuori dalla macchina che stava per esplodere. Finalmente l'uomo delle bombe è al Ris, faccia a faccia con il capitano. Gli confessa però di aver messo un'ultima bomba, in un luogo pubblico, è una corsa contro il tempo, sta ai Ris trovarla prima che faccia una strage. Analizzando i vestiti e il corpo dell'uomo delle bombe capiscono che l'ordigno si trova nella fontata dove è morta Anna. Arrivati sul posto trovano una sacca che però è vuota, contiene solo l'ultimo messaggio per il capitano. L'uomo delle bombe vuole provare a suicidarsi ma Riccardo riesce a impedirlo.

  • Ascolti Italia: telespettatori 5.864.000[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Ascolti Tv dell'11 gennaio 2006
  2. ^ a b Ascolti Tv del 16 gennaio 2006
  3. ^ a b Ascolti Tv del 23 gennaio 2006
  4. ^ a b Ascolti Tv del 30 gennaio 2006
  5. ^ a b Ascolti Tv del 6 febbraio 2006
  6. ^ a b Ascolti Tv del 13 febbraio 2006
  7. ^ a b Ascolti Tv del 20 febbraio 2006
Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione