Aurora consurgens

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo album discografico, vedi Aurora Consurgens (album).

Aurora consurgens, che in latino significa Aurora nascente, è un titolo generalmente assegnato ad alcuni trattati alchemici, il più celebre dei quali è un manoscritto miniato del XV secolo, giunto fino a noi in varie versioni, il cui contenuto è attribuito al filosofo Tommaso d'Aquino.

L'Aurora Consurgens di Tommaso d'Aquino[modifica | modifica sorgente]

L'opera, manoscritta due secoli dopo la presunta stesura in epoca medioevale di Tommaso d'Aquino, vissuto nel XIII secolo, contiene 38 miniature fini in acquerello, piuttosto insolite per un lavoro di questo genere. Il soprannome del filosofo, Doctor Angelicus, è riportato nella parte inferiore del frontespizio. L'attribuzione all'Aquinate è dovuta anche al fatto che nell'opera non vi sono mai riferimenti a personaggi a lui posteriori, ma solamente ad alchimisti e pensatori per lo più del X o XI secolo. Lo stile della prima parte dell'opera è inoltre simile a quello usato generalmente da Tommaso; in essa vi è una trattazione della lapis filosophorum o pietra filosofale, assimilata a Cristo.[1]

Le illustrazioni sono allegorie di elementi alchemici raffigurati in forma umana o animale. Ad esempio, il mercurio è raffigurato come un serpente, l'oro come il sole, e l'argento come la Luna.[2]

Le diverse versioni del manoscritto si trovano nelle seguenti biblioteche:

  • Zurigo, Biblioteca Centrale (Zentralbibliothek), MS. Rhenoviensis 172
  • Parigi, Bibliotheque Nationale, MS. Parigiinus Latinus 14006
  • Glasgow University Library MS. Ferguson 6
  • Leida, MS. Vossiani Chemici F. 29
  • Praga, Universitni Knihovna, MS. VI. Fd. 26
  • Praga, Chapitre Métropolitain, MS. 1663. O. LXXIX
  • Berlino, Staatsbibliothek Preussischer Kulturbesitz, MS. Germ. qu. 848

Galleria d'immagini[modifica | modifica sorgente]

Altri trattati[modifica | modifica sorgente]

Un trattato alchemico con lo stesso titolo è stato scritto dal mistico e filosofo Jakob Böhme intorno al 1618.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Pasquale de Leo, Aurora Consurgens.
  2. ^ Barbara Obrist, Visualization in Medieval Alchemy, "International Journal for Philosophy of Chemistry".

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]