Tre trattati tedeschi di alchimia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«La singolarità più interessante di questi documenti, tuttavia, va cercata altrove. Tutti e tre fanno riferimento alla misteriosa fratellanza ermetica, la Rosacroce d'Oro»

(Paolo Lucarelli)

Nel 1625 esce in Germania il Musaeum Hermeticum che riuniva una serie di scritti in latino tradotti dal tedesco. Fra questi:

  • il Tractatus Aureus de Lapide Philosofico ab Anonymo vero tamen Lapidis Possessore Conscriptus
  • l'Aureum Secolum Redivivum Henrici Mathadani
  • e l'Hydrolitus Sophicus, seu Aquarium sapientum.

I tre trattati che troviamo tradotti da Paolo Lucarelli e che si intitolano rispettivamente: Trattato Aureo della Pietra Filosofale di Anonimo; Aureo Secolo Redivivo di Enrico Madhatanus e Idrolito Sofico o L'Acquario dei Saggi di Anonimo vengono attribuiti alla Rosacroce d'Oro (Golden und Rosenkreutz) che non va confusa con il cosiddetto movimento rosacruciano, movimento celeberrimo per i suoi due manifesti. Questi tre libri di Alchimia assumono particolare valore perché "si incomincia a perdere il laboratorio in favore dell'oratorio", vale a dire che inizia in essi quella tendenza deleteria che porta il necessario spirito sperimentale a cedere il passo al solo spirito devozionale.