Isabella Cortese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Isabella Cortese (... – fl. 1561) è stata un'alchimista e scrittrice italiana.

Copertina del libro di Isabella Cortese

Nel 1561 diede alle stampe a Venezia il proprio libro intitolato I secreti della signora Isabella Cortese che fu il primo testo a divulgare l'alchimia. In esso si descrivevano vari cosmetici, si davano consigli per le pulizie di casa e si dissertava sulla possibilità di trasformare il metallo in oro. Il testo ottenne un grande successo e venne ristampato a più riprese per tutto il XVII secolo.

Poiché, oltre al libro, non si sono trovate altre tracce documentali relative ad Isabella Cortese,[1] si è ipotizzato che il suo nome possa essere uno pseudonimo. Secondo questa ipotesi, il probabile vero autore che si cela dietro lo pseudonimo è Timoteo Rossello. A favore dell'ipotesi ci sono il fatto che gli stessi argomenti sono trattati in La summa di secreti di Rossello, inoltre i due testi sono stati affidati al medesimo tipografo, Giovanni Bariletto, e vi è una corrispondenza anche nella dedica a Mario Chaboda, arcidiacono di Ragusa. Tuttavia alcune significative differenze nello stile di scrittura lasciano un margine di dubbio.[2] [3]

Le è stato dedicato un cratere di circa 28 km, il cratere Cortese su Venere [4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il suo nome non è menzionato in nessuno dei numerosi testamenti del XVI secolo conservati all'archivio di Venezia. Nella genealogia della più famosa famiglia Cortese, quella di Modena, non appare nessuna Isabella coeva dell'opera. Non è citata in nessun repertorio di biografie di medici e dottori.
  2. ^ (FR) Claire Lesage, La litterature des "secrets" et I secreti d'Isabella Cortese in Chroniques italiennes, Universita di Parigi III – 1993.
  3. ^ Massimo Rizzardini, Lo strano caso della Signora Isabella Cortese, professoressa di secreti.
  4. ^ (EN) Cortese
Controllo di autoritàVIAF: (EN217536980 · GND: (DE173046762