Antigone (Euripide)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antigone
Tragedia di cui restano frammenti
Rappresentazione artistica di Antigone
Rappresentazione artistica di Antigone
Autore Euripide
Titolo originale Ἀντιγόνη
Lingua originale Greco antico
Ambientazione Tebe
Prima assoluta tra il 420 a.C. e il 406 a.C.
Teatro di Dioniso, Atene
 

Antigone (Ἀντιγόνη) è una tragedia in parte perduta scritta da Euripide tra il 420 e il 406 a.C. Di quest'opera conosciamo alcuni frammenti ed alcune informazioni di Aristofane di Bisanzio, bibliotecario della biblioteca di Alessandria d'Egitto. Oltre all'opera omonima di Sofocle è nota anche una Antigone di Astidamante, che vinse le Dionisie del 341 a.C.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

I frammenti della Antigone euripidea non ci aiutano nel capire la trama, ma Aristofane di Bisanzio ha scritto che il dramma di Euripide differiva da quello sofocleo in tre punti:[1][2]

  • Emone era scoperto con Antigone mentre seppellivano simbolicamente Polinice
  • Emone e Antigone erano sposati
  • Emone e Antigone avevano un figlio, Meone

Gli studiosi moderni interpretano questo commento per indicare che il dramma di Euripide si sviluppasse grosso modo sulle linee di quello sofocleo, a parte questi tre particolari e che, probabilmente, si avesse un lieto fine piuttosto che le morti di Emone e Antigone come in Sofocle. Un frammento contiene una preghiera al dio Dioniso, suggerendo la possibilità che Dioniso fosse il deus ex machina che salvava Antigone ed Emone e preannunciava la nascita di Meone. Molti altri frammenti concernono amore e matrimonio, tanto da condurre molti studiosi ad ipotizzare che Antigone ed Emone fossero sposati in segreto.[2] Inoltre, due scene riportate su vasi attici indicherebbero che, invece, fosse Eracle il dio che salvava i due giovani, anche se sussiste forte la possibilità che tali scene derivassero non da Euripide, ma dall'omonimo dramma di Astidamante.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Collard, C. & Cropp, M. (a cura di), Euripides Fragments: Aegeus–Meleager, Harvard University Press, 2008, pp. 156–169, ISBN 978-0-674-99625-0.
  2. ^ a b Huddilston, J.H., An Archaeological Study of the Antigone of Euripides in American Journal of Archaeology, III, 2,3, 1899, pp. 183–201.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]