Anima mia (programma televisivo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anima mia
Paese Italia
Anno 1997
Genere varietà
Lingua originale italiano
Crediti
Conduttore Fabio Fazio, Claudio Baglioni, Sabina Ciuffini, Natalia Estrada, Orietta Berti
Ideatore Fabio Fazio, Marco Posani, Pietro Galeotti, Massimo Martelli, Tommaso Labranca
Regia Paolo Beldì
Rete televisiva Rai 2

Anima mia è stato un programma televisivo di Rai 2 del 1997, ideato e condotto da Fabio Fazio e Claudio Baglioni, assieme a Sabina Ciuffini, Natalia Estrada ed Orietta Berti. Trasmesso dal 24 gennaio 1997, inizialmente il programma era articolato in quattro puntate ma, dato il successo, la durata venne estesa a sei puntate.

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

Il programma era centrato sull'immaginario collettivo degli anni settanta (per la precisione, prendeva in esame gli anni dal 1968 al 1983), e rievocava i vari miti e le mode della cultura di massa italiana (soprattutto televisiva) di quegli anni, affrontandone la rilettura tramite il ricordo nostalgico[1], seppur accompagnato da notevoli dosi di ironia[1], in notevole controtendenza sull'approccio generalmente diffuso con cui veniva affrontata la memoria di quell'epoca, fino a quel momento tradizionalmente nota come Anni di piombo.

Il titolo era preso a prestito dall'omonimo grande successo del Complesso musicale de I Cugini di Campagna, ospiti fissi in studio, così come Tommaso Labranca, celebre ideologo del trash, nel ruolo di consulente socio-culturale della trasmissione, dove commentava quale esperto i principali argomenti trattati in ogni puntata. Pietro Galeotti rivestiva il ruolo di inviato speciale, mentre ad un personaggio del Mondo dello spettacolo era affidata la "missione" in esterna, ovvero ricercare "icone" d'epoca (Moira Orfei, Afric Simone, Zed, etc.) a questi inizialmente ignote, insieme alle quali compiere un viaggio in auto con destinazione lo studio televisivo, ove essi giungevano nella parte finale del programma.

La trasmissione ebbe come ospiti molti protagonisti dell'epoca; oltre ai citati Cugini di Campagna, alla prima puntata infatti presero parte Mal dei Primitives, Le Orme, Mita Medici, Paola Pitagora, Nino Castelnuovo, il Mago Silvan, Georges Descrières (Arsenio Lupin nell'omonima serie televisiva), Serena Dandini, Maurizio Costanzo, Fabrizio Frizzi, Pier Luigi Pizzaballa, Diego Abatantuono e Donatella Raffai[1].

Ascolti TV
Puntata Data Telespettatori Share
1
24 gennaio 1997 6.143.000 25,42%
2
31 gennaio 1997 6.743.000 27,49%
3
7 febbraio 1997 6.004.000 24,93%
4
14 febbraio 1997 6.166.000 27,01%
5
28 febbraio 1997 7.550.000 29,97%
6
7 marzo 1997 N.D. N.D.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c > Aldo Grasso, Bravi Fazio e Baglioni ma troppi ospiti, in Corriere della Sera, 26 gennaio 1997, p. 27. URL consultato il 13 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il pre 1/1/2016).
Precedente Telegatto come "Trasmissione dell'anno" Successivo
Il maresciallo Rocca 1997 La corrida