Abecedarianismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gli abecedariani erano una setta religiosa, precursori del movimento anabattista sorta in Germania durante il XVI secolo. Venivano soprannominati anche "profeti di Zwickau".[1]

Il fulcro della loro dottrina era l'assoluto disdegno per qualsiasi forma di educazione e di cultura, considerata un ostacolo all'accoglimento della fede: i fedeli abecedariani osservavano perciò una totale ignoranza, spinta fino all'analfabetismo. Il nome abecedariani deriva infatti dalle prime lettere dell'alfabeto (ABC).

Erano persuasi che tutti i messaggi dei Testi Sacri potessero essere trasmessi ed interpretati dai credenti con l'aiuto dello Spirito Santo, che avrebbe concesso loro l'illuminazione e li avrebbe condotti alla conoscenza della verità. Consideravano di conseguenza la teologia una forma di idolatria.

Il gruppo fu costituito a Zwickau, contigua alla Boemia hussita, dal tessitore Nicolas Storch, dal fabbro Thomas Dreschsel e dallo studente Markus Stübner.[1] Essi cominciarono a predicare a Wittemberg nel dicembre 1521, mentre Lutero si trovava a Wartburg, e ottenne grande successo. Colpì anche Filippo Melantone e Andrea Carlostadio.[1] Lo stesso Lutero ne trasse motivo di riflessione nella dottrina battesimale, pur dileggiandoli come "profeti celesti" in un violento pamphlet nel 1525, certo anche per la comunanza con Müntzer, allora capo dell'insurrezione in Germania.[1] Parte della dottrina abecedariana venne inoltre assorbita e riformulata da Andrea Carlostadio.

Il culto venne infine definitivamente assorbito dagli anabattisti.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Lucia Felici, La riforma protestante nell'Europa del cinquecento, Carocci editore, p. 121, ISBN 978-88-430-8462-3.