Filioque

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Spirazione dello Spirito Santo in una rappresentazione del 1450 circa a Boulbon (Provence, Francia), ora nel Museo del Louvre
La Santissima Trinità affresco del monastero di Vatopedi

L'espressione latina Filioque significa "e dal Figlio".[1] Nel contesto della frase qui ex Patre Filioque procedit (che procede dal Padre e dal Figlio), essa esprime la dottrina della Chiesa cattolica che lo Spirito Santo proviene dal Padre e da Figlio congiuntamente, provenienza che secondo la stessa dottrina può essere descritta anche come qui ex Patre per Filium procedit (che procede dal Padre per mezzo del Figlio).[2][3][4]

A tale dottrina si dà il nome di filioquismo, mentre alla dottrina contraria, secondo la quale lo Spirito Santo procede unicamente dal Padre, si dà il nome di monopatrismo.[5][6][7][8][9][10][11]

Dottrina[modifica | modifica wikitesto]

San Massimo il Confessore

La dottrina che lo Spirito Santo procede dal Padre e dal Figlio faceva parte della tradizione latina già nel III e nel IV secolo. Ne danno testimonio Tertulliano (160 circa – 220 circa), Novaziano (220 circa – 258), Ilario di Poitiers (315 circa – 367) Sant'Ambrogio (338 circa – 397), San Girolamo (347420) e Sant'Agostino (354430).[12][13][14]

Tale dottrina (che doveva più tardi essere espressa anche nel Simbolo atanasiano, probabilmente dell'anno 500 circa)[13] è stata confessata dogmaticamente dal papa San Leone Magno nel 447, quattro anni prima del Concilio di Calcedonia, nel quale ha avuto un ruolo decisivo il suo Tomus ad Flavianum.[15] Nella sua Epistola XV egli infatti ha condannato la negazione da parte dei Priscilliani, della distinzione tra le tre Persone della Trinità: il Padre che ha generato, il Figlio che è stato generato, e lo Spirito proceduto da entrambi.[16]

Così, quando il patriarca Paolo II di Costantinopoli, sostenitore del monotelismo, motivo per il quale il papa Teodoro I (642649) l'ha scomunicato nel 647, ha lanciato accuse contro Teodoro o papa Martino I (649653) per avere espresso la tradizione latina, san Massimo il Confessore ha scritto che "i romani si sono appellati alle testimonianze unanimi dei Padri latini, come pure a quella di Cirillo di Alessandria nel sacro studio che egli fece sul vangelo di san Giovanni".[17][18]

Infatti, anche Cirillo di Alessandria dichiara: "Lo Spirito procede dal Padre e dal Figlio; è evidente che esso è di sostanza divina, procedendo sostanzialmente in essa e da essa."[19][20]

Uno studio sulla questione aggiunge: "San Cirillo testimonia con ciò di una dottrina trinitaria comune a tutta la scuola d'Alessandria da sant'Atanasio, il quale scriveva: "Come il Figlio dice "tutto quello che il Padre possiede è mio" (Gv 16,15), così troveremo che, per mezzo del Figlio, tutto ciò è anche nello Spirito" (Lettere a Serapione , III, 1, 33, PG 26, 625B). Sant'Epifanio di Salamina ( Ancoratus , VIII, PG 43, 29C) e Didimo il Cieco (Trattato dello Spirito Santo , CLIII, PG 34, 1064A) coordinano il Padre e il Figlio con la stessa proposizione ἐκ nella comunicazione allo Spirito Santo della divinità consustanziale."[20]

È da notare che simili affermazioni dei Padri greci, secondo i quali lo Spirito Santo procede dal Padre e dal Figlio usano il verbo πρόειμι, il cui significato, come pure quello del verbo latino procedo, è più generico di quello del verbo προέρχομαι, che "può caratterizzare soltanto una relazione d'origine al principio senza principio della Trinità: il Padre", e che perciò non è mai usato in relazione alla provenienza dello Spirito Santo dal Figlio.[20]

È il verbo προέρχομαι che si usa della processione dello Spirito Santo dal Padre nel testo originale greco del Credo niceno-costantinopolitano. Così la Chiesa cattolica, che dichiara corretto aggiungere "e dal Figlio" alla professione di fede in congiunzione con il verbo procedo, esclude tale aggiunta in combinazione con il verbo προέρχομαι. Perciò la versione greca del Messale romano in uso in Grecia non contiene il Filioque.[20][21] Similmente i papi Pio XI, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI hanno personalmente omesso tale frase in celebrazioni pubbliche in lingua greca.[22][23]

Infatti, come dichiara il Pontificio Consiglio per la Promozione dell'Unità dei Cristiani, nella dottrina della Chiesa cattolica, "soltanto il Padre è il principio senza principio (ἀρχὴ ἄναρχος) delle due altre persone trinitarie, l'unica fonte (πηγή) e del Figlio e dello Spirito Santo. Lo Spirito Santo trae dunque la sua origine soltanto dal Padre (ἐκ μόνου τοῦ Πατρός) in modo principiale, proprio e immediato."[20]

Aggiunta al Simbolo niceno-costantinopolitano[modifica | modifica wikitesto]

Un simbolo della fede adottata nel 410 da un concilio tenuto a Seleucia-Ctesifonte, allora capitale dell'Impero persiano sasanide, è trasmesso in due versioni. Quello che sembra essere il testo originale dichiara che lo Spirito Santo è "dal Padre e dal Figlio". la versione più tardiva attribuisce allo stesso concilio l'adozione senza alterazioni del Simbolo niceno-constantinopolitano.[24]

L'inserzione dell'espressione Filioque nel Simbolo niceno-costantinopolitano nell'Occidente è spesso attribuita al Concilio di Toledo III del 589, che ordinò che nelle liturgie eucaristiche si cantasse il Credo, come era già l'uso in Oriente. Non tutti i manoscritti degli atti di questo concilio inseriscono tale espressione nel testo del Simbolo, mentre tutti la mettono nella professione di fede pronunciata dai convertiti dal arianesimo al cattolicesimo. In relazione ai Concili di Toledo VIII (653) e successivi, tutti i relativi manoscritti includono il Filioque nel testo del Simbolo.[25] Non è chiaro se il Filioque sia stato discusso al Concilio di Gentilly nel 796.[26] Così, la prima indiscutibile testimonianza dell'inserimento del Filioque nel Simbolo niceno-costantinopolitano (da distinguere da altre professioni fede nella processione dello Spirito Santo dal Padre e dal Figlio, come, per esempio, il Simbolo atanasiano) risale solo al Concilio di Cividale del Friuli nel 796/797.[27]

La frase Filioque inserita nel Credo è la seguente[28]:

Testo originale del Simbolo niceno-costantinopolitano in greco:

(GR)

« Καὶ εἰς τὸ Πνεῦμα τὸ Ἅγιον, τὸ κύριον, τὸ ζωοποιόν, τὸ ἐκ τοῦ Πατρὸς ἐκπορευόμενον »

(IT)

« E [crediamo] nello Spirito Santo, il Signore, il vivificatore, dal Padre procedente. »

Versione latina:

(LA)

« Et in Spiritum Sanctum, Dominum, et vivificantem: qui ex Patre Filioque procedit »

(IT)

« E [credo] nello Spirito Santo, Signore, e vivificatore, che dal Padre e dal Figlio procede. »

Con il Filioque, si dice che lo Spirito Santo procede da ambedue il Padre e il Figlio. Il testo del Concilio del 381 dichiara che lo Spirito procede dal Padre, senza aggiungere né "e dal Figlio" né "solo".[29]

Inoltre, come già osservato, i due verbi qui tradotti con l'unico termine "procedere" hanno significati alquanto diversi.

Sulla processione dello Spirito anche dal Figlio si insisteva prima contro il modalismo di Priscilliano e poi, nei Concili di Toledo del VII secolo, contro l'arianesimo che veniva allora eliminato dal regno visigoto a seguito della conversione del re Recaredo I al cattolicesimo nel 587.[30][31] Il Filioque infatti insisteva che il Figlio non è né inferiore al Padre né di diversa natura, come sostenevano gli ariani.[12]

Carlo Magno e Leone III[modifica | modifica wikitesto]

Incoronazione di Carlo Magno da Leone III

Nell'809 , Papa Leone III (795816) riceve una lettera con la quale dei monaci latini di Gerusalemme l'informano di essere stati accusati di eresia dal monaco Giovanni di un vicino monastero greco a motivo del loro uso del Filioque nel canto del Credo. Essi hanno controbattuto che con simile accusa Giovanni stava accusando di eresia anche la santa sede apostolica. Chiedono al papa di investigare fra i Padri greci e latini la fonte dell'espressione "che procede dal Padre e dal Figlio". Lo pregano anche di informarne l'imperatore Carlo Magno, nella cui cappella hanno sentito cantare il Credo con tale frase.[32] Infatti Carlo Magno lo faceva cantare così dal 794.[33] Ai monaci latini Leone III invia una professione di fede, Symbolum orthodoxae fidei Leonis papae, diretta "a tutte le Chiese orientali", e contenente la frase Spiritum sanctum a Patre et a Filio aequaliter procedentem[34], mentre rimette la documentazione per informazione all'imperatore senza formulare alcuna richiesta al riguardo.[35][36][37][13][38]`[39]

Nel novembre dello stesso anno 809, Carlo Magno convocò un concilio ad Aquisgrana, che declarò il Filioque dottrina della Chiesa e ordinò il canto del Credo con tale inciso nella messa.[40]

Una delegazione inviata dall'imperatore arrivò a Roma nel 810 per chiedere l'approvazione papale per le decisioni del Concilio di Aquisgrana. Leone III affermò l'ortodossia del Filioque e il suo uso nella catechesi e nelle professioni di fede personali, ma si oppose chiaramente alla sua inclusione nel Simbolo niceno-costantinopolitano. Dichiarò facoltativa la recita del Credo nella messa, ma raccomandò alla corte imperiale di non usarla al fine di evitare scandalo. Per sottolineare il suo atteggiamento sulla questione, mise nella Basilica di San Pietro due targhe di argento recanti in greco e in latino il testo del Simbolo del 381 senza il Filioque.[13][38][41]

Fozio[modifica | modifica wikitesto]

Patriarca Fozio sul suo trono

Nel dicembre 858, l'imperatore Michele III esiliò il patriarca Ignazio I di Costantinopoli, nominando al suo posto Fozio I di Costantinopoli. Il papa Niccolò I dichiarò anticanonica tale azione e riconosceva ancora Ignazio come patriarca legittimo. Complicava la situazione anche la rivalità fra Roma e Costantinopoli per la giurisdizione sulla nuova Chiesa cristiana della Bulgaria, dove erano attivi missionari latini che adoperavano un testo del Simbolo niceno-costantinopolitano con il Filioque. Nell'867 Fozio tenne un sinodo a Costantinopoli, che scomunicò e depose il papa, ma nello stesso anno Michele III fu assassinato e il nuovo imperatore depose Fozio e reinstallò Ignazio, situazione confermata dal Concilio di Costantinopoli dell'869–870. Alla morte di Ignazio nell'877 Fozio diventò di nuovo patriarca di Costantinopoli, riconosciuto come tale da papa Giovanni VIII. Nell'886 un nuovo imperatore rimosse Fozio e lo esiliò in Armenia, dove morì nell'893.[42][43][44][45] Fozio si oppose fortemente sia alla dottrina del Filioque sia all'inserimento dell'espressione nel Simbolo niceno-costantinopolitano, praticato dai missionari latini in Bulgaria ma non ancora accettato a Roma. In una enciclica diretta ai patriarchi orientali, Fozio denunciò l'inserimento come una bestemmia.[46] La dottrina, a suo parere, presupponeva per lo Spirito Santo due cause, diminuiva la "monarchia" (unica origine, ἀρχή)[47] del Padre e la distinzione tra le Persone della Trinità, delle quali confondeva le mutue relazioni. In una lettera dell'883 o dell'884 al patriarca di Aquileia, come pure nella sua Mistagogia dello Spirito Santo, egli elaborò ulteriormente le sue obiezioni teologiche.[13][48] La dottrina filoquista – egli affermava – è una forma di modalismo: Sabellio confondeva tutte e tre le Persone della Trinità, il filoquismo ne confonda due: il Padre e il Figlio, e così può essere chiamato semisabellianismo.[49]

Fozio non dimostrò di conoscere la tradizione patristica latina sottostante la dottrina del Filioque.[13] Sostenne che lo Spirito Spirito Santo procede solo dal Padre, rigettando la dottrina di altri Padri greci che lo Spirito Santo procede dal Padre mediante il Figlio.[37][50]

L'attribuzione a Fozio di trattati bizantini anti-romani di epoca posteriore gli hanno aumentato la fama presso alcuni circoli greci e allo stesso tempo l'hanno denigrato presso certi occidentali.[51]

Alcuni studiosi caratterizzano il Concilio di Costantinopoli del 879–880, che annullò la condanna di Fozio nel concilio di dieci anni prima, come un modello di equilibrio. Senza menzionare esplicitamente l'espressione Filioque, descritta come forma infelice di esprimere la fede trinitaria ma nondimeno suscettibile di un'interpretazione ortodossa, esso definì inaccettabile aggiungere qualunque testo al Simbolo niceno-costantinopolitano, mentre dichiarava accettabile una diversità di usi locali dentro della Chiesa.[52] Non condanò l'uso del Filioque fuori del Simbolo niceno-costantinopolitano.[53]

A questo concilio parteciparono legati di papa Giovanni VIII (872882), che desiderava ristabilire l'unità,[51][54] desiderio anche del patriarca. Così il testo greco delle lettere del papa è stato redatto di comune accordo fra Fozio e i legati, per adattarlo alle sensibilità greche.[51][55]

Si conserva inoltre come appendice agli atti conciliari il testo in greco di una presunta lettera di Giovanni VIII diretta a Fozio sulla questione del Filioque.[51] Francis Dvornik, i cui studi hanno dimostrato che l'immagine negativa di Fozio che da secoli prevaleva nell'occidente era basata su interpretazioni errate dei documenti storici,[56] considera del tutto improbabile che Giovanni VIII abbia scritto tale missiva e ha dichiarato che, al massimo, il testo conservato, anche se eventualmente basato su una genuina lettera del papa, è stato alterato a fondo da un polemista del XIV secolo.[57] Il teologo ortodosso John S. Romanides, al contrario, ne afferma l'autenticità.[58]

Nella presunta lettera, Giovanni VIII avrebbe scritto: "La tua fraternità sa che, quando a noi è giunto colui che recentemente essa ha inviato, egli ci ha interpellato riguardo al sacro Simbolo, e ha trovato che lo conserviamo inalterato, tale quale ci è stato consegnato dall'inizio, senza aggiungervi né togliervi nulla, sapendo con esattezza che per quelli che osano agire in tale maniera è riservata una condanna pesante che li attende. E perciò, affinché la tua reverenza abbia di nuovo informazioni su di noi riguardo a questa espressione, a causa della quale sono sorti scandali in mezzo alle chiese di Dio, dichiariamo che non solo non la pronunciamo ma consideriamo quelli che prima nella loro sciocchezza hanno osato farlo come trasgressori delle parole divine e falsari della dottrina di Cristo il Signore e degli Apostoli e degli altri Padri che riuniti in concilio hanno consegnato il Simbolo. Noi li classifichiamo con Giuda perché hanno osato agire come lui: anche se non hanno consegnato alla morte il corpo del Signore, hanno diviso e frazionato i fedeli, che sono le membra del suo corpo. Così hanno spedito alla morte eterna per strangolamento quelli, e soprattutto se stessi, come ha fatto il menzionato ingiusto discepolo. Ma pensiamo che anche la tua sacralità, così intelligente e piena di saggezza, non ignora che persuadere gli altri vostri vescovi a pensarla così ci presenta grande difficoltà, perché nessuno potrebbe con facilità accettare una cosa più sacra così rapidamente, anche se si trattasse di qualcosa iniziato da poco e non consolidato da molti anni. Perciò ci è parso bene che nessuno sia da noi costretto ad abbandonare l'inserimento da lui già aggiunto al Simbolo, ma piuttosto preparare tali persone con mitezza e discernimento, esortandoli gradualmente ad astenersi dalla bestemmia".[59].

In effetti, nonostante le intenzioni di papa Giovanni VIII, in varie parti dell'Europa occidentale si continuava a cantare il Credo con il Filioque.[13]

Causa di scisma[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1014, per decisione di un sinodo tenuto a Roma dopo l'incoronazione dell'imperatore germanico Enrico II il Santo, il Credo è stato per la prima volta cantato in una messa papale, e il testo usato includeva il Filioque.[13][12][60] Nello stesso secolo è sopraggiunto il tuttora perdurante Grande Scisma fra la Chiesa occidentale e quella orientale, per il cui inizio si indica convenzionalmente l'anno 1054. Già prima di queste due date, nel 1009, il patriarca Sergio II di Costantinopoli ha escluso dai dittici costantinopolitani (la lista dei patriarchi, vivi o defunti, riconosciuti come ortodossi) il nome di papa Sergio IV, apparentemente per avere espresso nella lettera con la quale egli annunciava la sua elezione la sua adesione alla dottrina del Filioque, come avevano fatto anche diversi suoi predecessori nei secoli anteriori.[61][62][63]

Il teologo ortodosso[64] A. Edward Siecienski osserva che nell'occidente si può rintracciare indietro almeno fino al V secolo la dottrina del Filioque intesa come affermazione esplicita della processione dello Spirito Santo dal Padre e dal Figlio, ma che solo nel VII secolo è stata mossa da monoteliti la prima obiezione orientale, da san Massimo il Confessore giudicata infondata, che solo nel IX secolo sono state formulate le prime risposte teologiche orientali, e che solo nel XI secolo Costantinopoli ha interrotto la comunione con un papa per avere dato espressione a tale dottrina.[61]

All'inizio del Grande Scisma, destinato ad essere consolidato soprattutto a seguito della Quarta Crociata,[13] il patriarca Michele I Cerulario di Costantinopoli trattava la questione del Filioque, così centrale al tempo di Fozio, meramente come una delle tante pratiche scorrette dei latini, non come la più importante.[65][66]

Michele VIII Paleologo

Il problema del Filioque cominciò ad essere visto come centrale solo intorno al tempo del Concilio di Lione II (1274) e continua ad essere trattato così ancora oggi.[67]

A tale concilio, per l'insistenza dell'imperatore Michele VIII Paleologo, una delegazione della Chiesa orientale ha dovuto accettare, senza discussione, una professione di fede che conteneva il Filioque e, a condizione di poter continuare nelle proprie liturgie a recitare il Credo come prima, i membri hanno cantato tre volte di seguito la relativa clausola inserita nel Simbolo niceno-costantinopolitano.[68] Però la chiesa orientale non ha accolto la decisione di Lione e nel 1285 sotto il successore di Michele, Andronico II Paleologo, un concilio tenuto nel suo Palazzo delle Blacherne dichiarò che in nessun senso il Figlio è causa dello Spirito Santo ma lo manifesta eternamente.[69]

Si svilupparono fra i bizantini tre diversi atteggiamenti riguardanti il Filioque. Quello unionista, rappresentato da Giovanni XI Bekkos, patriarca di Costantinopoli dal 1275 al 1282, considera equivalenti nella sostanza l'espressione διὰ τοῦ Υἱοῦ (per mezzo del Figlio) usata da molti Padri greci e l'espressione Filioque (e dal Figlio). La veduta anti-unionista, di gran lunga maggioritaria, insiste semplicemente sulla processione ἐκ μόνου τοῦ Πατρός (da solo il Padre). La terza opinione, quella di Gregorio II di Cipro, patriarca dal 1283 al 1289 e autore della dichiarazione adottata dal Concilio di Blacherne del 1285, e di Gregorio Palamas (12961359), mentre esclude qualsiasi ruolo causativo del Figlio nell'origine ipostatica dello Spirito, ammette una possibile interpretazione ortodossa del Filioque come espressione dell'effusione o manifestazione eterna – e non solo nell'economia della salvezza – dello Spirito per mezzo del Figlio o dal Figlio.[70][71][72][73][74]

Giovanni VIII Paleologo

Al Concilio tenutosi a Ferrara e a Firenze nel 14381439, si è avuta una lunga e accanita discussione teologica tra i più alti rappresentanti della Chiesa cattolica e di quella ortodossa sulla dottrina del Filioque e sull'inserimento dell'espressione nel Simbolo.[75] Da parte ortodossa erano presenti, oltre all'imperatore Giovanni VIII Paleologo (14251448), il patriarca Giuseppe II di Costantinopoli, vescovi, dotti e teologi del suo patiarcato, e rappresentanti degli altri tre patriarchi d'Oriente.[76][77] Nel corso della discussione, i greci negarono che, nel dire che lo Spirito procede dal Padre escludessero il Figlio. Affermarono di astenersi dal dire che lo Spirito proceda dal Padre e dal Figlio perché tale espressione pareva loro indicare una processione come da due principi e due spirazioni. Da parte loro i latini affermarano che nel dire che lo Spirito procede dal Padre e dal Figlio non intendevano negare né che il Padre sia fonte e principio di tutta la deità, cioè del Figlio e dello Spirito Santo, né che sia dal Padre che il Figlio riceve che lo Spirito procede da Lui. Affermarono inoltre di non postulare due principi o due spirazioni ma di sostenere invece esserci come un solo principio e una sola spirazione dello Spirito Santo.[78] La discussione si è conclusa così con la firma di un accordo che, riguardo alla processione dello Spirito Santo, dichiarava equivalenti la formula latina "e dal Figlio" e quella greca "mediante il Figlio".[77][79] E riguardo all'inserimento della clausola Filioque nel Credo, esso è stato dichiarato lecito e ragionevole come affermazione della verità in vista dell'imminente necessità al tempo dell'aggiunta.[15][78]

Il documento di unione delle Chiese in data 6 luglio 1439 reca le firme del papa, dell'imperatore, dei rappresentanti di tutti i patriarchi orientali con eccezione di quello di Costantinopoli, morto il precedente 10 giugno, e di tutti i vescovi greci presenti con l'unica eccezione di Marco di Efeso (13921444), noto anche come Marco Eugenico.[80][77]

In oriente l'unione ha incontrato accanita opposizione soprattutto da parte dei monaci, mentre l'imperatore, tornato da Firenze solo il 1º febbraio 1440 e in profondo lutto per la morte di sua sposa, rimaneva inattivo senza mai promulgare il decreto. Una cerimonia di promulgazione è stata tenuta sotto il suo successore, Costantino XI Paleologo, il 12 dicembre 1452, pochi mesi prima della caduta della città nelle mani degli ottomani il 29 maggio 1453. Poi sotto la dominazione turca (e per insistenza turca)[81] un sinodo tenuto a Costantinopoli nel 1472, ha rigettato ufficialmente l'unione delle Chiese.[80][82][83]

Attuale inclusione nel Credo[modifica | modifica wikitesto]

Attualmente, il Filioque fa parte del Credo recitato nelle liturgie della Chiesa latina dovunque non si adopera la lingua greca. Nelle Chiese cattoliche orientali generalmente non viene incluso. La Santa Sede incoraggia quelle che avevano introdotto il Filioque a "ritornare alle proprie radici", che non significa negare la dottrina di cui il Filioque è espressione.[84]

Le altre Chiese cristiane orientali, sia quelle di tradizione bizantina sia le Chiese orientali antiche sia la Chiesa assira d'Oriente, non adoperano il Filioque. Quella armena però non parla affatto della processione dello Spirito Santo nella sua versione del Simbolo niceno-costantinopolitano,[85] ma ci inserisce molte altre frasi: "Crediamo anche nello Spirito Santo, l'increato e perfetto, che ha parlato nella Legge e nei Profeti e nei Vangeli, che discese sul Giordano, predicò negli apostoli e dimorò nei santi".[86][87] Tutte le Chiese orientali antiche, e non solo quella armena, conservano la forma originale plurale dei verbi "Crediamo", "Confessiamo", "Aspettiamo", senza modificarli in "Credo", "Confesso", "Aspetto", come fanno le Chiese calcedoniane sia ortodossa che cattolica.[88]

Le Chiese della Riforma protestante e affini generalmente includono il Filioque nella recita del Credo[89][90][91]

La Chiesa anglicana include il Filioque nel Credo, ma ne permette l'omissione "in occasioni ecumeniche appropriate".[92] Le Conferenze Lambeth decennali di tutti i primati anglicani tenute nel 1978 e nel 1988 raccomandarono alle singole Chiese anglicane di omettere il Filioque. Quelle del 1998 e del 2008 non ne hanno parlato.

Le Chiese della Riforma protestante e affini generalmente includono il Filioque nella recita del Credo[93][94][95]

Nel 1875, i vetero-cattolici accettarono la posizione della Chiesa ortodossa negando che lo Spirito Santo proceda dal Figlio.[96]

Sviluppi recenti[modifica | modifica wikitesto]

Il teologo ortodosso Siecienski osserva che negli ultimi decenni si notano significativi passi verso una situazione in cui il Filioque non sia più un ostacolo alla piena comunione fra le Chiese cattolica e ortodossa. Il Pontificio consiglio per la promozione dell'unità dei cristiani pubblicò nel 1995 il documento Le tradizioni greca e latina riguardo alla processione dello Spirito Santo,[20] generalmente ben accolto in ambienti ortodossi, che forniva chiarimenti della posizione cattolica e ne spiegava il contesto. Poi, nel 2003, una Dichiarazione congiunta di teologi cattolici e ortordossi degli Stati Uniti,[13] oltre a ripetere che con il Filioque i cattolici non intendono la ἐκπόρευσις dello Spirito uscito dal Padre fonte unica della Trinità, ma la sua προϊέναι (processio) nella comunione consostanziale del Padre e del Figlio, domandò se la Chiesa ortodossa non potesse accettare la legittimità di tale interpretazione della processio e se la Chiesa cattolica non potesse accettare di omettere il Filioque dalla recita del Credo.[97] Nello stesso libro Steven R. Harmon menziona inoltre lo spazio dedicato in un simposio vaticano del 1982 a tale idea di omettere il Filioque, come hanno concretamente fatto alcuni papi recenti nella recita in greco, e il fatto che per i cattolici latini in Grecia il testo del Simbolo niceno-costantinopolitano in greco è identico a quello degli ortodossi greci.[98]

Nell'Encyclopedia of Eastern Orthodox Christianity Marcus Plested osserva che i teologi ortodossi, mentre si oppongono unanimamente all'inclusione del Filioque nel Simbolo niceno-costantinopolitano, hanno scoperto possibili maniere di riavvicinamento in materia di dottrina e di fraseologia.[41]

Già Sergej Nikolaevič Bulgakov (18711944) dichiarò che il Filioque non deve essere considerato né un dogma né una eresia ma un "theologoumenon", un'amissibile opinione teologica.[99] Sia Karl Barth che Yves Congar affermano che questa opinione è condivisa dalla maggioranza dei teologi ortodossi.[100][101]

Non tutti i teologi ortodossi sono di questo avviso. Oltre alle numerose "colombe" ci sono anche – osserva il vescovo ortodosso Kallistos (Timothy) Ware[102][103][104] – i "falchi", per i quali il Filioque è eresia.[71] Uno dei più prominenti di questi è stato Vladimir Nikolaevič Losskij (19031958), il quale nel Filioque vedeva la radice di tutta la problematica dogmatica delle relazioni fra Oriente e Occidente[105] e declarò che la questione della processione dello Spirito Santo è l'unica ragione dogmatica per la separazione fra l'Oriente e l'Occidente; gli altri dissensi dottrinali non ne erano che la conseguenza.[106][107]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pascal Marson, Conoscere le religioni e le loro feste (Paoline 2001 ISBN 978-88-315-2191-8), p. 97
  2. ^ Enchiridion symbolorum, definitionum et declarationum de rebus fidei et morum, 1300–1301
  3. ^ Tommaso d'Aquino, La somma teologica. Testo latino e italiano, Volume 3 (Studio Domenicano 1985 ISBN 978-88-7094-067-1), p. 199
  4. ^ Carlo Boyer, Chiesa cattolica romana e Chiesa ortodossa (Università Gregoriana Editrice 1977 ISBN 978-88-7652-269-7), p. 10
  5. ^ Andrea Pacini, Lo Spirito Santo nella Trinità (Città Nuova 2004 ISBN 978-88-311-3273-2), p. 99
  6. ^ Giuseppe Ferraro, "L'origine dello Spirito Santo nella Trinità secondo le tradizioni greca e latina" nella Civiltà Cattolica (anno 147 (1996), vol. I, quaderno 3495), p. 230
  7. ^ Lucas Francisco Mateo-Seco, Teología Trinitaria: Dios Espíritu Santo (Rialp 2005 ISBN 978-84-321-3527-9), p. 144
  8. ^ Lucas Francisco Mateo-Seco, "The Paternity of the Father and the Procession of the Holy Spirit: Some Historical Remarks on the Ecumenical Problem" in Giulio Maspero, Robert J. Vozniak, Rethinking Trinitarian Theology: Disputed Questions and Contemporary Issues in Trinitarian Theology (Bloomsbury 2012 ISBN 978-0-567-56092-6), p. 102
  9. ^ Santiago del Cura Elena, "¡Muestranos al Padre!: Cometido de Teo-logía" in Dios Padre de Jescristo (Universidad de Deusto 2009 ISBN 978-84-9830-926-3), p. 62
  10. ^ Nicola Ciola, Cristología y Trinidad (Secretariado Trinitario 2005 ISBN 978-84-88643-02-5), p. 92
  11. ^ John Pantaleimon Manoussakis, For the Unity of All: Contributions to the Theological Dialogue between East and West (Wipf and Stock 2015 ISBN 978-1-4982-0043-1), p. 17
  12. ^ a b c Giovanni Marchesi, "La questione del «Filioque» oggi" in La Civiltà Cattolica, n. 3180 (18 dicembre 1982), pp. 538–540
  13. ^ a b c d e f g h i j "The Filioque: A Church Dividing Issue?: An Agreed Statement" (Dichiarazione congiunta di teologi cattolici e ortodossi degli Stati Uniti, 25 ottobre 2003)
  14. ^ Frank Leslie Cross, Elizabeth A. Livingstone (a cura di), The Oxford Dictionary of the Christian Church (Oxford University Press 2005 ISBN 978-0-19-280290-3), p. 508
  15. ^ a b Catechismo della Chiesa Cattolica, 247–248
  16. ^ Primo itaque capitulo demonstratur quam impie sentiant de Trinitate divina, qui et Patris, et Filii, et Spiritus sancti unam atque eamdem asserunt esse personam, quamquam idem Deus nunc Pater, nunc Filius, nunc Spiritus sanctus nominetur; nec alius sit qui genuit, alius qui genitus est, alius qui ex utroque procedit (Patrologia Latina 54, col. 680–681).
  17. ^ Συμφώνους παρήγαγον χρήσεις τῶν Ῥωμαίων Πατέρων· ἔτι γε μὴν τοῦ Κυρίλλου Ἀλεξανδρείας ἐκ τῆς πονηθείσης αὐτῷ εἰς τὸν εὐαγγελιστὴν ἅγιον Ἰωάννην ἱερᾶς πραγματείας (Migne, Patrologia Greca 91, 136A)
  18. ^ versione inglese
  19. ^ Πρόεισι δὲ καὶ ἐκ Πατρὸς καὶ Υἱοῦ. πρόδηλον ὅτι τῆς θείας ἐστὶν οὐσίας, οὐσιαδῶς ἐν αὐτῇ καὶ ἐξ αὐτῆς προϊόν (Cirillo d'Alessandria, Thesaurus, PG 75, 585A)
  20. ^ a b c d e f Consiglio per la Promozione dell'Unità dei Cristiani, "Sul Filioque" (L'Osservatore Romano, 13 settembre 1995)
  21. ^ Andrea Pacini, Lo Spirito Santo nella Trinità. Il Filioque nella prospettiva teologica di Sergej Bulgakov (Città Nuova 2004 ISBN 978-88-311-3273-2), p. 116
  22. ^ Matthew Levering, "Rationalism or Revelation: St Thomas Aquinas and the Filioque" in Jeffrey W. Barbeau, Beth Felker Jones (a cura di), Spirit of God: Christian Renewal in the Community of Faith (InterVarsity Press 2015 ISBN 978-0-8308-9775-9), p. 60
  23. ^ John Panteleimon Manoussakis, For the Unity of All: Contributions to the Theological Dialogue Between East and West (Wipf and Stock 2015 ISBN 978-1-4982-0043-1), p. 15
  24. ^ Wilhelm Baum, Dietmar W. Winkler, The Church of the East. A Concise History (Routledge 2010 ISBN 978-0-415-60021-7), p. 16
  25. ^ "La questione storica nella controversia del «Filioque»" nella Civiltà Cattolica, Anno 81 (1930), vol. I, pp. 313–316
  26. ^ Thomas F.X. Noble, "Kings, clergy and dogma: the settlement of doctrinal disputes in the Carolingian world" in Stephen David Baxter (a cura di), Early Medieval Studies in Memory of Patrick Wormald (Ashgate 2009 ISBN 978-0-7546-6331-7), pp. 237–241
  27. ^ James I. Cook, The Church Speaks: Papers of the Commission on Theology, Reformed Church of America, 1984-2000 (Eerdmans 2002 ISBN 978-0-8028-0980-3), pp. 93–94
  28. ^ Vedi Heinrich Denzinger – Adolfus Schönmetzer, (a cura di), Enchiridion symbolorum definitionum et declarationum de rebus fidei et morum, Herder, Barcinone – Friburgi Brisgoviae – Romae – Neo-Eboraci 1967, 34 ed., p. 66
  29. ^ Il teologo e vescovo ortodosso Kallistos Ware osserva che il testo originale "non esclude la possibilità che lo Spirito Santo possa anche, in un certo senso, procedere dal Figlio" (Kallistos Ware, "Oriente e Occidente, fonti e speranze della Chiesa indivisa" in Philippe Baud, Maxime Egger (a cura di), Le ricchezze dell'Oriente cristiano. Teologia, spiritualità, arte", Paoline 2004 ISBN 978-88-315-2628-9, p. 148).
  30. ^ Giulio Maspero, La Trinità e l'uomo (Città Nuova 2004 ISBN 978-88-311-3274-9), p. 269
  31. ^ Luca Montecchio, I Visigoti e la rinascita culturale del secolo VII (Graphe 2010 ISBN 978-88-89840-70-2), pp. 37–39
  32. ^ Migne, Patrologia Latina, 129, 1257–1259
  33. ^ Battista Mondin, Storia della teologia: Epoca scolastica (Studio Domenicano 1996 ISBN 978-88-7094-243-9), p. 22
  34. ^ Mignre, Patrologia Latina, 129, 1260
  35. ^ Migne, Patrologia Latina, 129, 1259–1260
  36. ^ Giosuè Musca, Carlo Magno e Hārūn al-Rashīd (Dedalo 1996 ISBN 978-88-220-0542-7), p. 107
  37. ^ a b Paolo Gamberini, Un Dio relazione: breve manuale di dottrina trinitaria (Città Nuova 2007 ISBN 978-88-311-3293-0), pp. 61–62
  38. ^ a b Andrea Sterk, "The Silver Shields of Pope Leo III: A Reassessment of the Evidence" in Comitatus: A Journal of Medieval and Renaissance Studies, vol. 19 (1988), n. 1 (UCLA ISSN 0069-6412), p. 2
  39. ^ Karl Rahner, Encyclopedia of Theology (A&C Black 1975 ISBN 978-0-86012-006-3), p. 646
  40. ^ [https://books.google.it/books?id=3hIOknwls4YC&pg=PA163&dq=Filioque+Aquisgrana+Carlo&hl=en&sa=X&ved=0CDkQ6AEwA2oVChMI9cfSlJ_-xgIVAS_bCh1IlAYi#v=onepage&q=Filioque%20Aquisgrana%20Carlo&f=false Battista Mondin, La Trinità mistero d'amore (Studio Domenicano 2010 ISBN 978-88-7094-751-9), p. 163}
  41. ^ a b M|arcus Plested, "Filioque" in John Anthony McGuckin, The Encyclopedia of Eastern Orthodox Christianity (John Wiley & Sons 2010 ISBN 978-1-4443-9254-8), p. 251–252
  42. ^ Enrico Morini, La chiesa ortodossa: storia, disciplina, culto (Studio Domenicano 1996 ISBN 978-88-7094-237-8), pp. 70–78
  43. ^ Karl-Heinz Golzio, Who's who delle religioni (Arkeios 2003 ISBN 978-88-86495-69-1), p.174
  44. ^ Ludwig Hertling, Angiolino Bulla, Storia della Chiesa (Città Nuova 2001 ISBN 978-88-311-9258-3), p. 157
  45. ^ Battista Mondin, Dizionario dei teologi (Studio Domenicano 1992 ISBN 978-88-7094-111-1), p. 245
  46. ^ Aidan Nichols, Rome and the Eastern Churches: A Study in Schism (Ignatius Press 2010 ISBN 978-1-58617-282-4), p. 241
  47. ^ Aidan Nichols, Rome and the Eastern Churches: A Study in Schism (Ignatius Press 2010 ISBN 978-1-58617-282-4), p. 257
  48. ^ Giorgio Pasini, Il monachesimo bizantino (EDUCatt 2014 ISBN 978-88-6780-351-4), pp. 93–94
  49. ^ John Meyendorff, La teologia bizantina: Sviluppi storici e temi dottrinali (Lampi di stampa 1999 ISBN 978-88-488-0022-8), p. 77
  50. ^ Battista Mondin, Dizionario dei teologi (Studio Domenicano 1992 ISBN 978-88-7094-111-1). p. 246
  51. ^ a b c d Aidan Nichols, Rome and the Eastern Churches: A Study in Schism (Ignatius Press 2010 ISBN 978-1-58617-282-4), p. 245
  52. ^ Enrico Morini, La chiesa ortodossa: storia, disciplina, culto (Studio Domenicano 1996 ISBN 978-88-7094-237-8), p. 76
  53. ^ John S. Romanides, "The Filioque in the Dublin Agreed Statement 1984 (Anglican Orthodox Dialogue, SPCK 1985)", 6
  54. ^ J.M. Hussey, The Orthodox Church in the Byzantine Empire (Oxford University Press 2010 ISBN 978-0-19-161488-0)
  55. ^ M. Basil Pennington, The Monks of Mount Athos: A Western Monk's Extraordinary Spiritual Journey on Eastern Holy Ground (SkyLights Paths Publishing 2003 ISBN 978-1-893361-78-2), p. 161
  56. ^ Aidan Nichols, Rome and the Eastern Churches: A Study in Schism (Ignatius Press 2010 ISBN 978-1-58617-282-4), p. 227
  57. ^ Francis Dvornik, The Photian Schism: History and Legend (Cambridge University Press 1948, ristampa 1970), p. 198
  58. ^ John S. Romanides, "The Filioque: Historical Background"
  59. ^ Mansi, 17, 525 A– D
  60. ^ Adrian Fortescue, The Mass: A Study in the Roman Liturgy (Longmans, Green 1937), p. 288
  61. ^ a b A. Edward Siecienski, The Filioque: History of a Doctrinal Controversy (Oxford University Press 2010 ISBN 978-0-19-537204-5), p. 9
  62. ^ John Meyendorff, The Orthodox Church: Its Past and Its Role in the World Today (St Vladimir's Seminary Press 1981 ISBN 978-0-913836-81-1), p. 47
  63. ^ José Orlandis Rovida, Historia de la Iglesia I: La Iglesia antigua y medieval (Palabra 2013 ISBN 978-84-9840-769-3), p. 197
  64. ^ Intervista di A. Edward Siecienski
  65. ^ Aidan Nichols, The Latin Clerk: The Life, Work, and Travels of Adrian Fortescue (Casemate 2011 ISBN 978-0-7188-9274-6), pp. 86–87
  66. ^ Sergius Bulgakov, The Comforter (Eerdmans 2004 ISBN 978-0-8028-2112-6), p. xi
  67. ^ Tia M. Kolbaba, "Byzantine Perceptions of Latin Religious "Errors"" in Angeliki E. Laiou, Roy P. Mottahedeh (a cura di), The Crusades from the Perspective of Byzantium and the Muslim World (Dumbarton Oaks 2001 ISBN 978-0-88402-277-0), pp. 130–143
  68. ^ J.A. Watt, "The Papacy" in David Abulafia (a cura di), The New Cambridge Medieval History, V (c. 1198–c. 1300), p. 151
  69. ^ Dale T. Irvin, Scott Sunquist, History of the World Christian Movement: Volume 1: Earliest Christianity To 1453 (A&C Black 2002 ISBN 978-0-567-08866-6), pp. 444–445
  70. ^ A. Edward Siecienski, The Filioque: History of a Doctrinal Controversy (Oxford University Press 2010 ISBN 978-0-19-537204-5), pp. 133–134
  71. ^ a b Timothy Ware (Kallistos di Dioclea), The Orthodox Church: An Introduction to Eastern Christianity (Penguin 1993 ISBN 978-0-14-192500-4)
  72. ^ Aidan Nichols, Rome and the Eastern Churches: A Study in Schism (Ignatius Press 2010 ISBN 978-1-58617-282-4), p. 262
  73. ^ Joost van Rossum, "Athanasius and the Filioque" in Studia Patristica, XXXII (Peeters, Lovanio 1997 ISBN 978-90-6831-854-8), pp 57–58
  74. ^ Hubert Cunliffe-Jones, A History of Christian Doctrine (Bloomsbury 2006 ISBN 978-0-567-35921-6), p. 210
  75. ^ Hans-Georg Beck, Storia della Chiesa: Tra Medioevo e Rinascimento (Jaca Book 1993 ISBN 978-88-16-30245-7), pp. 231–233
  76. ^ Roy M. Haines, "The representation of the universitas fidelium in the councils of the conciliar period" in G.J. Cuming, Derek Baker (a cura di), Councils and Assemblies (Cambridge University Press 1971 ISBN 978-0-521-08038-5), p. 193
  77. ^ a b c Philip Schaff, History of the Christian Church, Volume IV: Mediaeval Christianity A.D. 590–1073, chapter V, §72
  78. ^ a b Bolla Laetentur caeli del 6 luglio 1439
  79. ^ Jean Galot, "Chi è lo Spirito Santo?" in Civiltà Cattolica , quaderno 3023 (5 giugno 1976), p. 428
  80. ^ a b Pio Paschini, "FERRARA-FIRENZE, Concilio di" in Enciclopedia Italiana (Treccani)
  81. ^ Paul Robert Magocsi, "Greek Catholics: Historical Background" in Stéphanie Mahieu, Vlad Naumescu (a cura di), Churches In-between: Greek Catholic Churches in Postsocialist Europe (LIT Verlag Münster 2008 ISBN 978-3-8258-9910-3), p. 39
  82. ^ F. Donald Logan, A History of the Church in the Middle Ages (Routledge 2012 ISBN 978-1-134-78669-5), p. 338
  83. ^ Norman Tanner, "Florence, Council of" in Adrian Hastings, Alistair Mason, Hugh Pyper (a cura di), The Oxford Companion to Christian Thought (Oxford University Press 2000 ISBN 978-0-19-860024-4), p. 243
  84. ^ Chaldean Catholic Diocese of St. Peter the Apostle: "The Reformed Chaldean Mass"
  85. ^ Ted A. Campbell, The Gospel in Christian Traditions (Oxford University Press 2008 ISBN 978-0-19-537063-8), p. 38
  86. ^ Ken Parry (a cura di), The Blackwell Companion to Eastern Christianity (John Wiley & Sons 2010 ISBN 978-1-4443-3361-9), p. 33
  87. ^ Riccardo Pane, La Chiesa armena (Studio Domenicano 2011 ISBN 978-88-7094-769-4), p. 115
  88. ^ Chiesa ortodossa copta: St Basil Liturgy, pp. 13–15 – Chiesa ortodossa etiope e Chiesa ortodossa eritrea: The faith that was formulated at NicaeaChiesa ortodossa malankarese: The Nicene CreedChiesa ortodossa siriaca: title=The Nicene Creed
  89. ^ Credo di Nicea-Costantinopoli della Chiesa luterana in Italia
  90. ^ Chiesa battista
  91. ^ Unione delle chiese congregazionaliste, metodiste e presbiteriane del Canada
  92. ^ Church of England: Creeds and authorized affirmations of faith
  93. ^ Credo di Nicea-Costantinopoli della Chiesa luterana in Italia
  94. ^ Chiesa battista
  95. ^ Unione delle chiese congregazionaliste, metodiste e presbiteriane del Canada
  96. ^ Philip Schaff, The Creeds of Christendom, vol. II |(Baker Book House, Grand Rapids, Michigan, 1919), p. 522
  97. ^ A. Edward Siecienski, "The Filioque: A Brief History" in Myk Habets (a cura di), Ecumenical Perspectives on the Filioque for the 21st Century (Bloomsbury 2014 ISBN 978-0-567-16471-1)
  98. ^ Steven R. Harmon, "Ecumenical Reception of Ecumenical Perspectives on the Filioque" in Myk Habets (a cura di), Ecumenical Perspectives on the Filioque for the 21st Century (Bloomsbury 2014 ISBN 978-0-567-16471-1)
  99. ^ https://books.google.it/books?id=VX6-DWe9AhUC&pg=PA94&dq=Filioque+theologoumenon&hl=en&sa=X&ved=0CDMQ6AEwBGoVChMIqcPQvL-yxwIVQwbbCh3NQwrX#v=onepage&q=Filioque%20theologoumenon&f=false Sergius Bulgakov, The Comforter (Eerdmans 2004 ISBN 978-0-8028-2112-6), p. 94]
  100. ^ Karl Barth, Church Dogmatics, vol. 1, part 1, p. 479
  101. ^ Yves Congar, After Nine Hundred Years (Fordham University Press 1998 ISBN 978-0-8232-1857-8), pp. 147–148
  102. ^ Timothy Ware (Kallistos de Dioclea), The Orthodox Church: An Introduction to Eastern Christianity (Penguin 1993 ISBN 978-0-14-192500-4)
  103. ^ Anthony Dragani, Adrian Fortescue and the Eastern Christian Churches (Gorgias Press 2007 ISBN 978-1-59333-345-4), p. 141
  104. ^ Il vescovo Kallistos Ware, dopo essere stato un oppositore accanito del Filioque, è giunto alla conclusione che il problema è situato non tanto nell'area di fondamentali divergenze dottrinali quanto nel campo della semantica e di enfasi diverse (Kallistos Ware, "Oriente e Occidente, fonti e speranze della Chiesa indivisa" in Philippe Baud, Maxime Egger (a cura di), Le ricchezze dell'Oriente cristiano. Teologia, spiritualità, arte, Paoline 2004 ISBN 978-88-315-2628-9, p. 148 e Catholic Answers: Filioque).
  105. ^ Maria Rigel Langella, Salvezza come illuminazione. Uno studio comparato di S. Bulgakov, V. Lossky, P. Evdokimov (Editrice Pontificia Università Gregoriana 2000 ISBN 978-88-7652-870-5), p. 139
  106. ^ David Guretzki, "The Filioque: Reviewing the State of the Question" in Myk Habets (a cura di), Ecumenical Perspectives on the Filioque for the 21st Century (Bloomsbury 2014 ISBN 978-0-567-16471-1)
  107. ^ Daniel B. Clendenin, Eastern Orthodox Theology: A Contemporary Reader (Baker Academic 2003 ISBN 978-0-8010-2651-5)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]