Politiche cristiane evangeliche in America Latina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Le politiche cristiane evangeliche in America Latina si riferiscono alla crescente influenza politica e di attivismo della comunità cristiana evangelica in America Latina.[1][2]

Inizialmente marginale, diversi rapporti di notizie e di analisti politici hanno sottolineato l'importante peso che tale comunità ha e il suo impatto nella politica elettorale, aiutando anche nelle vittorie elettorali di candidati.[3][4] Il movimento è generalmente caratterizzato dal suo fermo conservatorismo culturale (anche per gli standard dell'America Latina) con una forte opposizione al matrimonio tra persone dello stesso sesso, ai diritti LGBT, alla legalizzazione dell'aborto, alla legalizzazione delle droghe, alla legalizzazione della marijuana, ideologia di genere, politica identitaria, controllo delle armi e mondialismo. Alcuni possono avere posizioni anti-comuniste e anti-socialiste e approvare il neoliberalismo e il mercato libero capitalista in parte a causa della teologia della prosperità, che molti seguono.[3][5] Alcune teorie del complotto come il marxismo culturale e il Nuovo ordine mondiale potrebbero rivelarsi popolari tra le loro basi. Inoltre tendono a seguire il sionismo cristiano ed essere forti sostenitori di Israele e sostenere il trasferimento delle ambasciate dei loro paesi a Gerusalemme.[6][7][8][9][10]

Alcuni sono stati descritti anche come sostenitori della pena di morte, del "pugno di ferro" sul crimine, del creazionismo (e contro l'insegnamento delle teorie scientifiche dell'evoluzione e del Big Bang nelle scuole)[11][12], punizione corporale per bambini e leggi più severe contro la delinquenza giovanile. I loro avversari più critici li accusano di essere di estrema destra, fondamentalisti, teocratici, anti-democratici e autoritari e che vogliono sostituire la democrazia con la teocrazia.[13][14]

Movimenti simili spesso interconnessi o analoghi secondo alcuni analisti sono il Tea Party, il Teocon o destra cristiana, il neonazionalismo, l'alt-right e l'ondata conservatrice.

I cattolici in America Latina tendono ad essere più di sinistra in economia[15][16] a causa degli insegnamenti tradizionali della dottrina sociale della Chiesa e del cristianesimo democratico. I cristiani evangelici invece provengono principalmente dal neopentecostalismo e quindi dai credenti nella teologia della prosperità, che giustifica la maggior parte delle loro idee economiche neoliberali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ John L. Allen Jr., The dramatic growth of evangelicals in Latin America, su ncronline.org, National Catholic, 18 agosto 2006. URL consultato il 1º novembre 2018.
  2. ^ Tupac Pointu, Evangelici esercitano il potere di voto in tutta l'America Latina, incluso Brasile, The Times of Israel, 6 ottobre 2018. URL consultato il 1º novembre 2018.
  3. ^ a b Javier Corrales, Un matrimonio perfetto: evangelici e conservatori in America Latina, in The New York Times, 17 gennaio 2018. URL consultato il 2 giugno 2018.
  4. ^ Gerardo Lissardy, "La fuerza política más nueva": cómo los evangélicos emergen en el mapa de poder en America Latina, BBC. URL consultato il 2 giugno 2018.
  5. ^ (EN) Chayenne Polimédio, The Rise of the Brazilian Evangelicals, The Atlantic, 24 gennaio 2018. URL consultato il 1º novembre 2018.
  6. ^ Cecila Baeza, Perché l'America Latina ha smesso di difendere la Palestina?, Al Jazeera, 8 giugno 2018. URL consultato il 1º novembre 2018.
  7. ^ Evangelici ispanici tra i più grandi sostenitori di Israele, 4 novembre 2014. URL consultato il 1º novembre 2018.
  8. ^ Loveday Morris, Lunga, inquieta storia d'amore di Israele e Stati Uniti Gli evangelici possono aver raggiunto il picco, The Washington Post, 28 gennaio 2018. URL consultato il 1º novembre 2018.
    «Di fronte al calo del supporto , Israele sta sempre più cercando comunità evangeliche in America Latina, in Africa e altrove per costruire interna supporto Il Guatemala, dove il presidente Jimmy Morales è un evangelico dichiarato, è stato il primo paese a seguire l'esempio dopo il riconoscimento di Gerusalemme da parte degli Stati Uniti.».
  9. ^ Israele e Sud America: Strange Bedfellows or Great Nuovi regali?, Ozy. URL consultato il 1º novembre 2018.
  10. ^ Valery Graff, Sui talloni di Trump, due ambasciate latinoamericane salgono a Gerusalemme, France 24, 2018. URL consultato il 1º novembre 2018.
  11. ^ Paul Brateman, Ribattere il creazionismo in Brasile, su paulbraterman.wordpress.com. URL consultato il 1º novembre 2018.
  12. ^ Antonio Lazacano, Evoluzione in Messico, su ncse.com. URL consultato il 1º novembre 2018.
  13. ^ Paul Freston, Protestantismo evangelico e democratizzazione in America Latina e Asia contemporanea, 2004.
  14. ^ Dennis Smith, Cambiando paesaggi religiosi e comunicazione politica in America Latina, WACC, 29 maggio 2015. URL consultato il 1º novembre 2018.
    «Un commento aggiuntivo sulla teologia politica spesso abbracciato da questi gruppi è necessario. Negli anni '80, un nuovo movimento noto come Dominion Theology o Reconstructionist Movement è emerso tra gli evangelici conservatori. Questo gruppo interpretò la Bibbia - specialmente l'Antico Testamento - come i credenti in comando "per ripristinare" ogni nazione secondo i principi teocratici e per promuovere paradigmi morali evangelici. I ricostruzionisti affermano una visione escatologica e politica fondata sulla convinzione che i cristiani erano destinati a governare il mondo. Molti esponenti politici evangelici in America Latina hanno abbracciato questa ideologia. Cercano di portare gli altri alla loro fede non solo per la loro propensione al proselitismo, ma anche per la loro convinzione che, una volta che una nazione raggiunge una massa critica di credenti, lo Spirito riverserà la giustizia e la prosperità di Dio sulla popolazione (Smith & Campos, 2012). Indubbiamente, questa ideologia è presente, in una forma o nell'altra, in altri contesti e le persone devono essere consapevoli della sua presenza. Vale la pena notare che da nessuna parte i Reconstructionists hanno detenuto il potere o l'influenza - in Guatemala, Brasile, Nicaragua, El Salvador o Perù, per esempio - sono riusciti a modellare un buon governo pubblico, né a risolvere con successo questioni come la corruzione sistemica e la violenza . Ma sono presenti, hanno denaro e spesso hanno accesso ai media e agli opinion leader.».
  15. ^ Julia Young, La Chiesa in America Latina, Commonweal Magazine, 31 marzo 2013. URL consultato il 2 giugno 2018.
  16. ^ Cristianesimo e conflitto in America Latina, Pew Research Centro, 6 aprile 2006. URL consultato il 2 giugno 2018.