Warren Buffett

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Warren Buffett

Warren Edward Buffett (Omaha, 30 agosto 1930) è un imprenditore ed economista statunitense, soprannominato l'oracolo di Omaha[1]. È considerato il più grande value investor di sempre. Nel 2007 e nel 2008, secondo la rivista Forbes, è stato l'uomo più ricco del mondo, mentre nel 2012, con un patrimonio stimato di 44 miliardi di dollari, sarebbe il terzo uomo più ricco del mondo, dopo Carlos Slim Helù e Bill Gates[2], e il quarantesimo uomo più ricco di tutti i tempi. Buffet è chiamato "il miracolo di Omaha" oppure "il mago di Omaha", per la sua sorprendente abilità negli investimenti finanziari.

È anche un notevole filantropo poiché ha promesso di impegnare il 99% del suo patrimonio in cause filantropiche, in particolare tramite la Gates Foundation. Tra i personaggi più significativi della storia della finanza, viene presentato nei suoi interventi con la formula "Ladies and Gentlemen, the legendary investor Warren Buffett".[3][4][5][6]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato nel 1930 ad Omaha, è il secondo di tre figli, unico figlio del mandatario degli Stati Uniti Howard Buffet. Incominciò la sua istruzione alla Rose Hill Elementary School a Omaha. Nel 1942 suo padre venne eletto al Congresso degli Stati Uniti e dopo essersi trasferito con la famiglia a Washington D.C. , Warren finì la scuola elementare, dopo di che frequentò l' Alice Deal Junior High School, per poi laurearsi Business Administration alla Columbia Business School, l'università dove insegnava il suo idolo Benjamin Graham, autore del noto libro The Intelligent Investor.

Si dedica agli investimenti azionari fin da giovanissimo; leggenda vuole che abbia iniziato a investire già a 11 anni, impiegando i risparmi ottenuti vendendo a scuola le bibite comprate nel negozio di fronte; si riporta anche di un appezzamento di terreno comprato a 14 anni e da lui affittato ai pastori locali. Dopo la laurea accetta l'invito dello stesso Graham a lavorare a New York per la Graham-Newman Corp., considerato da molti il primo vero hedge fund della storia. Nel 1955 Graham va in pensione e gli offre la carica di socio (partner) della società, ma Buffett decide di rifiutare e tornare nella sua città natale. Con il capitale a sua disposizione ritiene, infatti, di poter vivere tranquillamente di rendita grazie alle sue capacità di investimento. Ma tornato ad Omaha, amici e parenti gli chiedono di gestire i loro soldi[7].

Così, quasi per caso, fonda la Buffett Partnership, un fondo d'investimento con il quale applica le strategie d'investimento insegnate da Benjamin Graham, dette del value investing, cioè la ricerca di titoli sottovalutati da comprare e tenere per lunghissimi periodi. Attraverso questa modalità d'investimento, Buffett acquisisce importanti partecipazioni in colossi come Coca Cola, Gillette, McDonald's, Kirby Company e Walt Disney. Successivamente, decide di quotare in borsa[non chiaro] la Buffett Partnership fondendola con una società tessile quotata, la Berkshire Hathaway. Secondo la classifica Condé Nast è il sedicesimo miglior manager di tutti i tempi.[8]

Berkshire Hathaway[modifica | modifica sorgente]

La sua attività finanziaria di alto livello inizia a partire dal 1962, anno in cui comincia ad acquisire partecipazioni della Berkshire Hathaway, industria tessile in declino, di cui assumerà il controllo qualche anno dopo. Con la Berkshire Hathaway, affiancato dal socio Charlie Munger, comincia ad acquistare aziende sottovalutate nei più variegati settori, dai servizi all'industria, dalle assicurazioni alla biancheria, passando per società che offrono proprietà frazionata di jet privati; infine acquisisce la Mid American Holding, attiva nel settore energia, e inizia così ad investire in tubifici.

Il settore assicurativo[modifica | modifica sorgente]

Con la Berkshire Hathaway, nel 1967 acquisisce due compagnie assicurative: la National Fire and Marine Insurance Company e la National Indemnity Company. Il settore delle assicurazioni conquista sempre più spazio all'interno della holding di Buffett, così dal 1985 abbandona definitivamente il settore tessile per dedicarsi esclusivamente a quello assicurativo. Oggi Berkshire Hathaway è il più grande riassicuratore mondiale dopo la svizzera Swiss Re e la tedesca Munich Re.

Filantropia[modifica | modifica sorgente]

Nel 2006 Buffett ha donato 37 miliardi di dollari in azioni benefiche per le popolazioni del Terzo mondo.[9] Nel giugno 2006, ha annunciato un piano per elargire la sua fortuna in beneficenza, con l'83% in favore della Bill & Melinda Gates Foundation.

Si è anche impegnato a donare l'equivalente di circa 10 milioni di azioni di classe B della Berkshire Hathaway alla Bill & Melinda Gates Foundation, per un valore di circa 30 miliardi di dollari. È la più grande donazione nella storia, e rende Buffett uno dei leader del filantropismo capitalista. La fondazione riceverà il 5% del totale della donazione su base annua nel mese di luglio di ciascun anno, a partire dal 2006. Significativo, tuttavia, l'impegno per la fondazione con l'impegno di donare, ogni anno, a partire dal 2009, un importo che è almeno pari al valore del contributo dell'anno precedente, oltre al 5% del patrimonio netto della fondazione. Buffett entrerà a far parte anche del consiglio di amministrazione della Fondazione Gates, anche se non ha intenzione di partecipare attivamente agli investimenti di quest'ultima.

La malattia[modifica | modifica sorgente]

Il 13 aprile 2012, attraverso una lettera inviata agli azionisti della Berkshire Hathaway, Buffett ha annunciato di essere malato di cancro alla prostata. In tale missiva, l'imprenditore ha dichiarato che tale fatto non avrà alcun risvolto nel suo ambito lavorativo.[10]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ How to Make Money The Buffett Way, U.S. News & World Report, 29 luglio 2007.
  2. ^ The Forbes 400, Forbes, 17 settembre 2008.
  3. ^ La lista degli uomini più ricchi al mondo secondo Forbes. E in classifica entra anche il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg, il più giovane e il più ricco - GQItalia.it
  4. ^ Il portafoglio di Warren Buffett aggiornato a Marzo 2012 (29-03-2012)
  5. ^ TOP 10 Richest People of America In 2012
  6. ^ Howard Buffett: Farming and finance - CBS News
  7. ^ Buffett la storia dell'investitore intelligente.
  8. ^ 20 best Ceos, Condé Nast portfolio, 22 aprile 2009.
  9. ^ Buffett donates $37bn to charity, BBC, 26 giugno 2006.
  10. ^ Il miliardario Warren Buffet annuncia:Ho un tumore. Ma non sono in pericolo di vita, Il Corriere della Sera, 18 aprile 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 121622610 LCCN: n85256764