Wärtsilä

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Wärtsilä
Logo
Stato Finlandia Finlandia
Tipo Public company
Borse valori OMXWRT1V
Fondazione 1834
Sede principale Helsinki
Persone chiave Presidente del Consiglio di amministrazione:
Mikael Lilius
Amministratore delegato:
Björn Rosengren
Prodotti Centrali elettriche, sistemi di propulsione marina, servizi di assistenza tecnica
Fatturato 4,72 miliardi €[1] (2012)
Risultato operativo 515 milioni €[1] (2012)
Utile netto 344 milioni €[1] (2012)
Dipendenti 18.900[2] (2012)
Sito web www.wartsila.com

Wärtsilä è un'azienda finlandese con quartier generale a Helsinki, specializzata soprattutto nella fabbricazione di sistemi di propulsione e generazione d'energia per uso marino e centrali elettriche

Nel 1997 Wärtsilä ha assorbito New Sulzer Diesel, società costituita nel 1990 in seguito allo spin-off della divisione motori diesel della Sulzer dall'azienda principale.

Storia[modifica | modifica sorgente]

  • 1834: fondazione dell'azienda con il primo stabilimento, una segheria, impiantata nel comune di Värtsilä nella Carelia settentrionale, facente parte all'epoca dell'Impero Russo; la località oggi denominata Wärtsilä fa parte del comune finlandese di Tohmajärvi che ha ereditato lo stemma di Värtsilä.
  • 1851: l'azienda apre una ferriera.
  • 1898: La società viene rinominata Wärtsilä Ab
  • 1907: La società viene rinominata Wärtsilä Oy Ab
  • 1935: la sede centrale della società viene trasferita a Helsinki.
  • 1936: acquisizione della fabbrica di motori Onkilahti a Vaasa.
  • 1938: viene siglato un accordo per la costruzione su licenza del gruppo Krupp Germaniawerft di motori diesel e il primo motore diesel viene costruito a Turku nel 1942
  • 1978: Acquisizione del 51% della svedese NOHAB, le cui rimanenti quote sono acquisite nel 1984.
  • 1981: costruzione dell'hovercraft Larus
  • 1984: la società viene quotata alla borsa di Londra.
  • 1989: Wärtsilä acquisisce SACM e Stork BV Werkspoor. L'azienda viene rinominata Stork BV-Wärtsilä Diesel
  • 1990: l'azienda viene inglobata nella Lohja Corporation, in seguito rinominata Metra Corporation.
  • 1991: dalla divisione Ovako AB, tra i suoi proprietari Metra e SKF viene creata la Imatra Steel.
  • 1995: viene siglato un accordo di joint venture tra Wärtsilä Diesel e Cummins Engine Company Inc.
  • 1997: Nel mese di aprile viene costituita Wärtsilä NSD, in seguito all'acquisizione da parte di Wärtsilä Diesel della New Sulzer Diesel. Il riferimento al nome di "Sulzer" dura fino al 2006 e viene utilizzato per i motori Wärtsilä ereditati dall'assorbimento di New Sulzer Diesel.
  • 1999: Wärtsilä acquisisce la Grandi Motori Trieste e viene posta fine alla joint-Wärtsilä Cummins.
  • 2000: in seguito ad un accordo tra "Wärtsilä NSD" e "John Crane-Lips", il gruppo Metra viene rinominato Wärtsilä Corporation.
  • 2001: Wärtsilä vende la sua partecipazione in Sanitec ed assume la proprietà della società di servizi Ciserv AB e Sermet Oy.
  • 2002: Il gruppo Ciserv, guidato da Mr. Pierpaolo Barbone, amplia la propria attività a Singapore, Danimarca e Canada.
  • 2003: l'azienda è coinvolta nel cosiddetto caso Gotland, ed accusata di corruzione in Svezia, viene riconosciuta non colpevole.
  • 2004: viene avviata in Cina la produzione di eliche.
  • 2005: Wärtsilä acquisisce Deutz-Marine.
  • 2006: Il gruppo Ciserv viene integrato in Wartsila Services. I marchi Ciserv e Sulzer vengono abbandonati, entrambi i marchi proseguono la loro attività come Wärtsilä.
  • 2007: Wärtsilä Ship Power viene riorganizzata in cinque segmenti di clientela: Merchant, Offshore, Cruise & Ferry, Navy e Special vessels.
  • 2008: Wärtsilä acquisisce Vik-Sandvik e Conan Wu & Associates Pte Ltd (CWA), società di progettazione navale di Singapore.
  • 2009: Wärtsilä entra a far parte di UN Global Company, la più grande iniziativa mondiale di Responsabilità sociale d'impresa.
  • 2012: Wärtsilä acquisisce Hamworthy PLC, azienda britannica di ingegneria specializzata nei settori marino e oil & gas.
  • 2013: Wärtsilä riceve la commessa per costruire e operare l'assistenza alla più grande centrale elettrica tri-fuel al mondo, in Giordania.

Wärtsilä Italia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Wärtsilä Italia.

L'azienda ha rilevato nel 1999 da Fincantieri la Grandi Motori Trieste che ora è denominata Wärtsilä Italia.

L'azienda, oltre ai motori per uso navale, produce motori Diesel o bi-fuel gasolio/gas naturale, motori per generatori di corrente per centrali elettriche da 1 fino a 500 MW, motori per la propulsione e gruppi elettrogeni.

Lo stabilimento della Wärtsilä Italia a Trieste


Wärtsilä-Sulzer RTA96C[modifica | modifica sorgente]

L'azienda produce il più potente motore al mondo, il Wärtsilä-Sulzer RTA96C[3][4]. Si tratta di un motore due tempi Diesel, disponibile in versioni da 6 fino a 14 cilindri in linea, per uso navale, prevalentemente in grandi navi portacontainer. La versione a 14 cilindri ha una cilindrata di 25.460 litri, eroga la potenza di 110.800 cavalli, con una coppia massima di oltre 7,6 milioni di N·m al regime di 100 giri/minuto, che coincide con quello di potenza massima. Il peso è di 2.086 tonnellate, il consumo di massima economia è di 6.000 litri/ora di gasolio ed ha un rendimento di oltre il 50% che ne fa anche il motore più efficiente al mondo. Per ridurre lo stress laterale sulle pareti, i pistoni non sono connessi direttamente alla biella. Il motore va abbinato a un generatore di vapore, che sfruttando il calore dei gas di scarico attiva un turboalternatore a vapore che genera energia elettrica per tutte le necessità di bordo, oltre a fornire direttamente vapore per altri servizi, migliorando ulteriormente il rendimento energetico.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Wärtsilä's Financial Statement bulletin January-December 2012. URL consultato il 14-01-2012.
  2. ^ Company Overview. URL consultato il 14-01-2012.
  3. ^ informazioni sul sito del produttore. URL consultato il 16-01-2012.
  4. ^ The Most Powerful Diesel Engine in the World!. URL consultato il 29-11-2007.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

aziende Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende