Victor Ciorbea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Victor Ciorbea

Primo ministro della Romania
Durata mandato 12 dicembre 1996 –
30 marzo 1998
Presidente Emil Constantinescu
Predecessore Nicolae Văcăroiu
Successore Gavril Dejeu

Sindaco di Bucarest
Durata mandato 10 giugno 1996 –
12 dicembre 1998
Predecessore Crin Halaicu
Successore Viorel Lis

Presidente del Partito Nazionale Agrario Cristiano Democratico
Durata mandato 2002 –
2004
Predecessore Andrei Marga
Successore Gheorghe Ciuhandu

Dati generali
Partito politico Partito Nazionale degli Agricoltori Cristiano Democratico
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Alma mater Università di Bucarest
Professione avvocato

Victor Ciorbea (Ponor, 26 ottobre 1954) è un politico e avvocato rumeno. È stato sindaco di Bucarest dal 1996-1998, dopo le sue dimissioni dalla carica, è divenuto Primo Ministro della Romania dal 12 dicembre 1996 al 30 marzo 1998.

Il 18 giugno 2011, partecipa ad un congresso straordinario dei cristiano-democratici convocato per porre fine alle divisioni interne nel partito, eletti come presidente del partito. Ha raccolto 529 voti favorevoli e 4 contrari. 34 voti sono stati dichiarati nulli.

Nell'ottobre 2012, si iscrisse al Partito Nazionale Liberale, è stato nominato a ricoprire il ruolo di senatore per il Senato nel mese di luglio negli elenchi universitari dell'Unione Social-Liberale (USL). È stato eletto a maggioranza dei voti espressi, ottenendo la sua prima legislatura.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato nel Distretto di Alba, intraprese studi di giurisprudenza, arrivando a laurearsi nel 1979 presso l'Università di Cluj-Napoca. Lavorò come giudice presso il tribunale di Bucarest e come docente universitario della facoltà di legge nella capitale. Nel 1992 ottenne il dottorato presso la Case Western Reserve University negli Stati Uniti.

Attualmente esercita la professione di avvocato insieme alla moglie Lacrima Ciorbea.

Attività politica[modifica | modifica sorgente]

Negli anni novanta fu attivo nel sindacalismo e membro del Partito Nazionale degli Agricoltori. Dopo essere stato sindaco di Bucarest fu scelto come candidato premier nel 1996 dalla Convenţia Democrată Română (Convenzione Democratica Romena), che vinse le elezioni. Nel ricoprire la carica di primo ministro Ciorbea si rese promotore di decisive misure volte a favorire la transizione del suo Paese da un'economia di matrice statalista al libero mercato, adottando tra l'altro una rigida linea di gestione del bilancio statale. Il suo mandato si concluse nel 1998.

Si è dimesso a seguito di un conflitto con il leader del PNŢCD Ion Diaconescu, passando per fondare il partito minore dell'Alianta Nationala Crestin Democrata (Alleanza Nazionale Cristiano Democratica), (ANCD), che fuse il passato PNŢCD dopo che quest'ultimo perse le elezioni del 2000, e poco dopo divenne il leader del partito riunito.

Di fronte al compito di riconquistare la fiducia degli elettori, Ciorbea rassegnò le proprie dimissioni dal partito nel 2004, in favore di Gheorghe Ciuhandu, il sindaco di Timişoara. Dopo la nomina di quest'ultimo, il partito è diventato il Partito popolare cristiano-democratico.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Dan Pavel, Iulia Huia, <<Nu putem reuși decît împreună.>> O istorie analitică a Convenției Democratice, 1989-2000, Editura Polirom, Iași, 2003

Bibliografia supplementare[modifica | modifica sorgente]

  • Nicolescu, Nicolae C. (2006), Enciclopedia șefilor de guvern ai României (1862-2006), București: Editura Meronia, pp. 109-113

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Interviste

Controllo di autorità VIAF: 13229502 LCCN: no2005063850