Trapper

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un trapper mostra le sue pelli

I trapper erano dei cacciatori ed esploratori che percorrevano le montagne del nord America, specialmente le Montagne Rocciose, nella seconda metà del XVIII secolo e nella prima del XIX. Il lemma, di lingua inglese, è riferito a coloro che svolgevano l'attività di caccia ad animali selvatici ponendo trappole (animal trapping) per catturarli. La principale attività di sostentamento dei trapper era la cattura di tassi, opossum o castori mediante trappole, per non rovinarne le pregiate pellicce, che vendevano al ritorno nelle città, durante il periodo invernale. Vestivano abitualmente indumenti confezionati con pelli di daino, la medesima usata per cucire abiti dai nativi americani. Inoltre indossavano un copricapo in pelliccia ornato con la lunga coda dell'animale catturato. Furono tra i primi esploratori del "selvaggio west" e servirono spesso come guide per gli ufficiali dell'esercito durante le guerre indiane e nella guerra di secessione.

Il trapper Jim Bridger

Questa figura è tipica del nord America ed è più conosciuta negli Stati Uniti con i termini - più corretti - di "mountain man" o "frontiersman" (uomo delle montagne o uomo di frontiera). In Italia la denominazione trapper ha avuto diffusione in particolare dagli anni sessanta in conseguenza del successo editoriale del fumetto Il grande Blek, che narra le avventure - a sfondo patriottico - di questi cacciatori presenti sulle montagne e nelle città costiere dell'America nord-orientale ai confini con il Canada durante la guerra d'indipendenza.

Tra i trapper più conosciuti - oltre ai celebri Kit Carson e David Crockett - si ricordano Jim Bridger, scopritore del Grande Lago Salato, Mangiafegato Johnson, che ha ispirato il film Corvo rosso non avrai il mio scalpo, e Osborne Russell, poi divenuto membro del governo provvisorio dell'Oregon, che raccontò le sue avventure nel libro Journal of a Trappe". Non va dimenticato neppure lo scrittore francese Gustave Aimard, che trattò il tema di questi esploratori, mentre Raviolo Kid è il nome di un trapper creato dalla fantasia dell'autore di fumetti Renato Bianconi e disegnato da Luciano Gatto e Giovan Battista Carpi.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

(in lingua inglese)

  • Fred R. Gowans, Rocky Mountain Rendezvous (Layton, Utah: Gibbs M. Smith, 1985), 13.
  • LeRoy R. Hafen, Fur Trappers and Traders of the Far Southwest. 1965, Utah State University Press, Logan, Utah, (1997 reprint). ISBN 0-87421-235-9.
  • Orville C. Loomer, "Fort Henry," Fort Union Fur Trade Symposium Proceedings September 13-15, 1990 (Williston, Friends of Fort Union Trading Post, 1994), 79.
  • Dennis McLelland, The Avenging Fury of the Plains, John "Liver-Eating" Johnston, Exploding the Myths - Discovering the Man,
  • Dale L. Morgan, Jedediah Smith and the Opening of the American West. Bison Books, University of Nebraska Press, 1964. ISBN 0-8032-5138-6

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]