Mangiafegato Johnson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Statua equestre di Mangiafegato Johnson eretta sulla sua tomba ad Old Trail Town nella città di Cody in Wyoming.

John Johnson detto Mangiafegato (1824 circa – 21 gennaio 1900) è stato un militare e trapper statunitense.

Sulla sua vita è stato modellato il personaggio immaginario Jeremiah Johnson, protagonista del film Corvo rosso non avrai il mio scalpo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Si dice che Johnson sia nato vicino a Little York, nel New Jersey, con il cognome Garrison. Entrò nella Marina degli Stati Uniti nel 1846 e, dopo aver percosso un ufficiale, disertò, cambiò il suo nome in John Johnson e viaggiò verso ovest a cercare l'oro a Alder Gultch, nel Montana, dove divenne un Woodhawk, fornendo di legna i battelli a vapore. Viene descritto come un uomo grosso, alto due metri e pesante oltre 200 libbre.

Ci sono diverse leggende e racconti su John Johnson: la più importante racconta che nel 1847 sua moglie indiana fu uccisa dai Crow e che Johnson cominciò una vendetta durata vent'anni contro quella tribù. Di ogni uomo ucciso Johnson ne avrebbe mangiato il fegato; da ciò derivò il soprannome Mangiafegato Johnson. Questa storia fu riportata da un giornalista dell'epoca.

Boone Helm, un altro uomo di frontiera, racconta che Johnson fu catturato da un gruppo di Piedi neri mentre andava in visita dei suoi parenti tra le Teste piatte. I Piedi neri lo legarono dentro un teepee, con una guardia posta a sorvegliarlo, per venderlo successivamente ai suoi nemici Crow. Dopo essersi liberato con i denti dai legacci, Johnson uscì dalla tenda colpì la guardia negli occhi e le fece lo scalpo, dopo di che prese un coltello e le tagliò una gamba, che portò con sé per nutrirsi durante la fuga. Riuscì a fuggire dai Piedi neri e, dopo un viaggio di 200 miglia, raggiunse la capanna di Del Gue, suo compagno di caccia.

Nel 1864 si arruolò nell'Esercito dell'Unione a Saint Louis come soldato e fu congedato con onore l'anno seguente. Durante gli anni 80 fu nominato vicesceriffo a Coulson e maresciallo di paese a Red Lodge. La sua ultima residenza fu appena fuori da Red Lodge nel Montana.

Nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Crow Killer: The Saga of Liver-Eating Johnson di Raymond W. Thorp e Robert Bunker 1958 Indiana University Press, Bloomington, ISBN 0-253-20312-0) Biografia annotata compilata con interviste alle persone che conobbero Johnson
  • Felton & Fowler's Famous Americans You Never Knew Existed, di Bruce Felton e Mark Fowler, Stein and Day, 1979 ISBN 978-0-8128-2511-4
  • Jon Axline, "In League with the Devil: Boone Helm and 'Liver-Eatin' Johnston'," in, Still Speaking Ill of the Dead: More Jerks in Montana History, edito da Jon Axline e Jodie Foley. Guilford, Connecticut e Helena, Montana: Two Dot,Globe Pequot Press, 2005.
  • Nathan E. Bender, “Perceptions of a Mountain Man: John “Jeremiah Liver-Eating” Johnston at Old Trail Town, Cody, Wyoming.” The Rocky Mountain Fur Trade Journal v.1 (2007): 93-106. Pubblicato dal Museum of the Mountain Man, Pinedale, Wyoming.
  • Nathan E. Bender, “The Abandoned Scout’s Revenge: Origins of the Crow Killer Saga of Liver-Eating Johnson,” Annals of Wyoming v. 78 n. 4 (Autumn 2006): 2-17. Pubblicato da the Wyoming State Historical Society.
  • Nathan E. Bender, “A Hawken Rifle and Bowie Knife of John ‘Liver-Eating’ Johnson,” Arms & Armour: Journal of the Royal Armouries, v. 3 n. 2 (October 2006): 159-170. Pubblicato da the Royal Armouries, Leeds, England.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 26702705

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie