Too Big to Fail - Il crollo dei giganti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Too Big to Fail - Il crollo dei giganti
Too Big to Fail.JPG
Logo del film
Titolo originale Too Big to Fail
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2011
Formato film TV
Genere drammatico
Durata 98 min
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 16:9
Colore colore
Audio sonoro
Crediti
Regia Curtis Hanson
Soggetto Andrew Ross Sorkin
Sceneggiatura Peter Gould
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Fotografia Kramer Morgenthau
Montaggio Plummy Tucker, Barbara Tulliver
Musiche Marcelo Zarvos
Scenografia Franckie Diago
Produttore Ezra Swerdlow
Produttore esecutivo Curtis Hanson, Paula Weinstein, Jeffrey Levine
Casa di produzione HBO Films
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Data 23 maggio 2011
Rete televisiva HBO
Prima TV in italiano (pay TV)
Data 30 ottobre 2011
Rete televisiva Sky Cinema 1

Too Big to Fail - Il crollo dei giganti (Too Big to Fail) è un film per la televisione del 2011 diretto da Curtis Hanson, basato sul best-seller Il crollo - Too Big to Fail di Andrew Ross Sorkin, giornalista ed economista del New York Times.

Il film si focalizza sulla crisi economica del 2008, quando la crisi dei mutui subprime fece crollare Wall Street in un crac finanziario di vaste proporzioni.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato trasmesso sul canale via cavo HBO il 23 maggio 2011. In Italia il film TV è stato presentato in anteprima nel corso della 6ª edizione del Festival Internazionale del Film di Roma,[1] successivamente è stato trasmesso su Sky Cinema 1 il 30 ottobre 2011.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha vinto un Writers Guild of America Award per la miglior sceneggiatura non originale per una miniserie o film TV e ha ottenuto 11 candidature agli Emmy Award, senza però aggiudicarsi nessun premio.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luca Volpe, Festival di Roma, Too Big to Fail proiettato in anteprima, MyMovies. URL consultato il 24 settembre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione