The Karate Kid - La leggenda continua

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Karate Kid - La leggenda continua
Thekaratekidremake.JPG
I due protagonisti in una scena del film
Titolo originale The Karate Kid
Lingua originale inglese, cinese
Paese di produzione Cina, USA
Anno 2010
Durata 140 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere azione, drammatico
Regia Harald Zwart
Soggetto Robert Mark Kamen
Sceneggiatura Christopher Murphey
Produttore Will Smith, James Lassiter, Jada Pinkett Smith, Ken Stovitz, Jerry Weintraub
Produttore esecutivo Dany Wolf, Susan Ekins
Casa di produzione Overbrook Entertainment, Columbia Pictures, Jerry Weintraub Productions
Distribuzione (Italia) Sony Pictures
Montaggio Joel Negron
Effetti speciali Joey Bonander
Musiche James Horner
Scenografia Second Chan
Costumi Jack Tung
Trucco Camille Friend
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Karate Kid - La leggenda continua è un film del 2010 diretto da Harald Zwart. Si tratta del quinto film della serie The Karate Kid, di cui segna il reboot.
Pur avendo alcuni punti in comune con il primo film, questa pellicola non è un remake, in quanto trama, personaggi ed ambientazione si differenziano. Inoltre, a dispetto del titolo, nel film non si usa il karate, ma il kung fu.

Inoltre, vista l'età del protagonista (un ragazzino più che un ragazzo), la trama (il ragazzino apprende le arti marziali in pochissimo tempo e quasi senza allenamento) ed altri elementi come il modo in cui sono presentati molti bambini prodigio sia di arti marziali che di musica, lo rendono un film adatto ad un pubblico meno vasto di quello dei film precedenti della serie e più mirato ai bambini.

L'uscita è avvenuta l'11 giugno 2010 negli Stati Uniti, mentre in Italia è stato distribuito il 3 settembre 2010. In Cina il film è noto come The Kung Fu Kid, che più si adatta alle tecniche usate nel film.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dre Parker è un ragazzino di Detroit che, dopo aver perso il padre, è costretto a trasferirsi in Cina insieme alla madre per motivi di lavoro.

In breve tempo Dre inizia a fare amicizia con la sua compagna di classe Mei Ying, ma le differenze culturali rendono questa amicizia quasi impossibile, specialmente a causa del padre di Mei Ying. A peggiorare le cose c'è Cheng, un bullo compagno di classe di Dre, prodigio del Kung Fu, che si ingelosisce per i suoi sentimenti nei confronti dell'amica.

Dre conosce solo qualche tecnica di karate, capoeira e di Ju jitsu e così Cheng lo mette al tappeto con facilità. Senza amici, in un paese di cui non conosce la lingua, Dre non si sente a suo agio se non con Mr. Han, il responsabile della manutenzione del suo condominio, che si scoprirà essere un maestro di Kung Fu dopo aver salvato Dre da un'aggressione di gruppo ad opera di Cheng e degli altri.

Per risolvere la questione con i ragazzi che lo hanno aggredito, Dre si reca con il signor Han dal maestro di Cheng che obbliga Dre a partecipare ad un famoso torneo locale, e fino all'inizio dell'evento potrà essere lasciato in pace. A quel punto Han, accetta di allenare il ragazzo.

Mentre lo allena , Han insegna al ragazzo che il kung fu non è una disciplina solo di pugni e abilità, ma anche maturità e calma. Nel film si scopre che anche Mr. Han ha la grossa perdita della sua famiglia alle spalle (a causa di un incidente automobilistico per colpa sua) ma grazie a Dre, riesce a ritrovare la serenità, come lui faceva per l'allievo.

Dre per non essere più tartassato dai compagni della sua scuola deve partecipare a un torneo di Kung Fu. Durante la gara il maestro dei ragazzi-rivali ordina a uno di questi di far male a Dre. Il ragazzo viene squalificato per una mossa scorretta mentre Dre sembra non essere più in grado di gareggiare. All'ultimo momento però Mr. Han lo aiuta, dopo varie insistenze di Dre, utilizzando la tecnica della coppettazione, permette a Dre di rimettersi almeno in piedi.

Arrivati alla finale Dre incontra Cheng, che seguendo un ordine datogli dal suo maestro, colpisce Dre proprio nel punto in cui era stato ferito. Dre però si rialza in piedi e dopo molti sforzi riesce a battere Cheng che ammette la sconfitta e insieme ai suoi compagni capisce che quello che pratica Dre è il vero Kung Fu.

Connessioni con Karate Kid - Per vincere domani[modifica | modifica wikitesto]

Così come nel primo Karate kid, in questo si ha l'incontro di un ragazzo vittima di bulli con un anziano maestro il quale gli insegna le arti marziali anche con modi stravaganti, ed infine c'è la partecipazione ad un torneo che viene vinto nonostante le scorrettezze degli allievi di una scuola di arti marziali con un maestro che insegna a vincere anche usando scorrettezze e con violenza. Il famoso atto di passare la cera del primo film (con tanto di mantra "Dai la cera, togli la cera") diventa un mettersi e togliersi la giubba. Tra le differenze si notano dapprima l'ambientazione che è in Cina, l'arte marziale che non è il karate nonostante il titolo, e l'età molto minore del protagonista. Inoltre il film è caratterizzato da un minore realismo: quasi senza allenamento ed apparentemente in pochi giorni, il protagonista apprende il kung fu che poi perfezionerà fino al torneo. Altra differenza è la maggiore spettacolarità talvolta esasperata dei colpi, grazie anche alle particolari doti atletiche degli attori e l'ampio uso di bambini prodigio (non solo nelle arti marziali, ma nel film compaiono anche bambini che suonano strumenti musicali classici, e l'amichetta stessa del protagonista suona il violino). Ad esempio il colpo finale con il quale il protagonista infortunato vince l'incontro nel primo film era il "colpo della gru", ovvero un calcio dato tenendosi su un solo piede e le mani alzate e colpendo al viso con il piede di appoggio; in quest'ultimo episodio invece, il calcio è una spettacolare capriola a 360°.

Tutte queste differenze sono da vedersi nel pubblico al quale il film è evidentemente riservato, cioè un pubblico molto più giovane. Considerando anche il cambio dell'arte marziale ed il fatto di essere ispirato al primo film (non è quindi una continuazione degli altri, ma un rifacimento) questo episodio non sarebbe propriamente una parte della serie, nonostante il titolo.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

La rivista Variety riportò che un rifacimento di Karate Kid era in sviluppo, con Will Smith produttore e suo figlio Jaden come protagonista.[1] Il 22 giugno 2009, Jackie Chan parlò a un bagno di folla della Chinatown di Los Angeles annunciando la sua prossima partenza per Pechino per le riprese del remake, nel quale avrebbe figurato come mentore di Jaden.[2]

Nei contenuti speciali del DVD è presente un finale alternativo in cui Mr. Han combatte contro il Maestro Li dopo la vittoria di Dre del trofeo.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Il film è uscito negli Stati Uniti l'11 giugno 2010 in 3.663 sale cinematografiche su distribuzione Columbia Pictures incassando 18,8 milioni di dollari il giorno d'apertura per un totale di circa 56 milioni di dollari nel week-end d'apertura, superando un altro film promettente uscito in concomitanza, A-Team.[3] La pellicola ha avuto un buon riscontro dalla parte della critica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Jaden Smith set for 'Karate Kid' redo, Variety, 10 novembre 2008. URL consultato il ì.
  2. ^ (EN) Brian Warmoth. ‘Karate Kid’ Remake Keeping Title, Taking Jaden Smith to China. MTV Movie Blog, 06-05-2009
  3. ^ Weekend Estimates: Karate Kid Defeats A-Team in The-Numbers.com, 13 giugno 2010. URL consultato il 14 giugno 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema