Tenzing Norgay

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tenzing Norgay

Tenzing Norgay (Namgyal Wangdi, maggio 1914Darjeeling, 9 maggio 1986) è stato un alpinista nepalese-indiano di etnia sherpa. Insieme a Edmund Hillary fu il primo a raggiungere la vetta del monte Everest il 29 maggio del 1953.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Monumento dedicato a Tenzing Norgay

Gioventù[modifica | modifica sorgente]

Nato nella Regione del Solo Kumbu, probabilmente nel maggio 1914, si trasferì a 18 anni nel Darjeeling, in India, stabilendosi nella numerosa comunità sherpa del villaggio di Tsoong Soon Busti. Sposò in prime nozze nel 1933 Dawa Puthi. Dall'unione nacquero due figlie (Pem Pem e Nima) e un maschio (Nima Dorie, morto nel 1939).

Le prime spedizioni[modifica | modifica sorgente]

1935: pur senza esperienza, riesce a farsi ingaggiare come portatore d'alta quota dalla British Everest Expedition, guidata da Eric Shipton, che tentò la scalata dell'Everest dal versante tibetano. Tale spedizione raggiunse i 7.000 metri del colle sud e Tenzing dimostrò subito grandi capacità fisiche e tecniche. Nello stesso anno partecipa alla spedizione che il 18 novembre conquista (in solitario e senza ossigeno) con C.R. Cooke il Kabru nord (7.338 m).

1936: È la volta della seconda spedizione all'Everest, sempre con Eric Shipton. Anche questa non raggiunge la vetta dal versante tibetano.

1937 Sempre con Eric Shipton si reca nel Garwhal (Himalaya Centrale) e partecipa ad una spedizione sul Nanda Devi, conquistato pochi giorni prima da Tilmann e O' Dell. Nell'autunno partecipa al tentativo di J.T.M. Gibson e J.A.K. Martin al Banderpuch (6300 m)

1938 Va per la terza volta sull'Everest conn H.W. Tilmann, arrivando a 8.300 metri circa. Si trasferisce nel Garwhal dove collabora col maggiore Omaston in varie esplorazioni.

1939 Partecipa alla spedizione di Smetton e Ogil al Tirich Mir.

1940 Si trasferisce nel Chitral, oggi facente parte del Pakistan, dove nel periodo di guerra svolge il ruolo di cuoco per l'esercito inglese.

1944 Alla morte della moglie ritorna a Darjeeling.

Il dopoguerra[modifica | modifica sorgente]

1945 Sposa in seconde nozze Ang Lahmu, cugina della prima moglie. In quest'anno accompagna la spedizione di J.H. Taylor in Tibet.

1946 Partecipa ad una spedizione fallita al Banderpuch e ad una esplorazione del Kangchenjunga.

1947 Per la quarta volta si reca sull'Everest, accompagnando l'anglo-canadese Earl Denman in un impossibile tentativo semi-clandestino di scalata dal versante tibetano. Nello stesso anno accompagna una spedizione svizzera nel Garwhal.

1948 Accompagna il celebre etnologo Giuseppe Tucci in un lungo viaggio ai più inaccessibili monasteri tibetani.

1949 Accompagna Tilman in una esplorazione geologica del Nepal.

1950 Scala, primo nella storia insieme a Roy Greenwood e King Chong Tsering, il Banderpuch (6.320 m). Partecipa ad una tragica spedizione al Nanga Parbat.

1951 Partecipa ad una spedizione francese che punta a raggiungere entrambe le vette del Nanda Devi. Raggiunge la vetta est (7.434 m), prima violata solo da una spedizone polacca nel 1939. Tenzing dirà che fu la più difficile scalata della sua carriera, più dell'Everest. In effetti la scalata venne eseguita con l'originario scopo di cercare membri della spedizione scomparsi nel passaggio in cresta dalla cima Ovest a quella Est.

La gloria[modifica | modifica sorgente]

1952: viene ingaggiato come capo dei portatori e come alpinista dalla spedizione svizzera all'Everest diretta da Renè Dittert. Tale spedizione aprì finalmente la via nepalese all'Everest, oltre la seraccata del Solo Khumbu e il ghiacciaio del CWM Occidentale. Con lo svizzero Raymond Lambert raggiunge la quota di 8.600 metri, a soli 250 dalla vetta. Era la massima altezza mai raggiunta da un uomo. Solo la scarsità di viveri e la scarsa qualità dei respiratori impediscono ai due di raggiungere la vetta. Al riguardo Tenzing disse che, se anche fossero riusciti a salire in cima, non sarebbero tornati indietro vivi.

Dopo un altro velleitario tentativo, sempre con gli svizzeri, nell'autunno del 1952 Tenzing, superata una brutta malattia, viene chiamato come alpinista effettivo della seconda grande spedizione britannica, guidata dal colonnello John Hunt.

1953: Svolgendo anche la mansione di sirdar, ossia capo dei portatori, raggiunge la base della cima a 8.400 metri. Dopo un primo tentativo, relativamente velleitario, di Bourdillon e Evans, attacca la vetta insieme a Edmund Hillary, membro neozelandese della spedizione, con cui aveva raggiunto un grande affiatamento. Insieme raggiungono la cima il 29 maggio del 1953.

Tale affiatamento non fu distrutto neppure dalle polemiche montate dai giornalisti e politici nepalesi che sostenevano che fosse stato Tenzing l'elemento determinante dell'impresa e che Hillary fosse stato trascinato in cima. I due firmarono una dichiarazione congiunta in cui affermavano di essere arrivati praticamente insieme ("almost together") alla vetta. Due anni dopo Tenzing affermò, con grande onestà, di essere arrivato in cima subito dietro a Hillary, semplicemente perché in quel momento era il turno di Hillary di "aprire la strada" e che, come ben sa chi va in montagna, non avevano senso quelle polemiche e che non si sentiva affatto sminuito per questo.

Coperto di onorificenze in Nepal e in India, fu accolto in Gran Bretagna con tutti gli onori insieme ai membri britannici e ricevette dalla regina Elisabetta II la "George Medal", massima onorificenza britannica per un non cittadino del Commonwealth Britannico.

Ritiratosi dall'alpinismo attivo, si dedicò a varie attività a favore della comunità sherpa e per la formazione e tutela dei portatori, dirigendo l'Istituto Himalayano di Alpinismo di Darijeeling.

Alla sua morte gli furono tributati funerali di stato e il corteo funebre si dipanò per chilometri nelle strade di Darjeeling.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Pur parlando o comprendendo un gran numero di lingue (Sherpa, Nepalese, Urdu, Hindi, dialetti del Pakistan, Inglese e anche un po' di Italiano e Francese), Tenzing non sapeva quasi scrivere, anche perché la sua lingua natale non ha una forma scritta. La sua autobiografia, pubblicata in Italia col titolo "L'uomo dell'Everest", fu dettata al giornalista americano James Ramsey Ullman.

Sulla vetta dell'Everest lasciò 4 bandiere (Nazioni Unite, Gran Bretagna, Nepal e India), una matita blu e rossa (della figlia Nima) e un pacchetto di caramelle (segno di amicizia), oltre a un gattino di pezza (dato da Hunt a Hillary) e cioccolata e biscotti (come offerta agli dei).

Una delle preoccupazioni di Hillary e Tenzing, una volta in cima, fu quella di cercare tracce lasciate da Mallory e Irvine, gli inglesi periti nel 1924 durante la salita dal versante nord. Infatti rimane il mistero se i due avessero raggiunto la cima prima di scomparire.

Uno dei vanti di Tenzing era quello di non essersi mai infortunato seriamente (salvo una slogatura) durante le scalate. L'unica volta che si ruppe un osso fu sciando in Pakistan.

Viene citato nel film del 2003 dei fratelli Coen "Prima ti sposo, poi ti rovino (Intolerable Cruelty)" da George Clooney (l'avvocato divorzista Miles Massey nel film).

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze nepalesi[modifica | modifica sorgente]

Membro di I Classe dell'Ordine della Stella del Nepal - nastrino per uniforme ordinaria Membro di I Classe dell'Ordine della Stella del Nepal
— 1953

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Padma Bhushan (India) - nastrino per uniforme ordinaria Padma Bhushan (India)
— 1959
George Medal (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria George Medal (Regno Unito)
— 1953
Medaglia dell'Incoronazione di Elisabetta II (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dell'Incoronazione di Elisabetta II (Regno Unito)
— 2 giugno 1953

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 17450816 LCCN: n50013068