Teleostei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Teleostei
Acanthurus achilles1.jpg
Pesce chirurgo (Acanthurus achilles)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Ittiopsidi
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Neopterygii
Infraclasse Teleostei
Müller 1846[1]
Superordini

Il termine teleostei fu inizialmente creato per indicare i pesci con uno scheletro osseo vero e proprio, in contrapposizione ai selaci (razze e squali) che presentano uno scheletro interamente cartilagineo.

Con il tempo, gli studiosi hanno giudicato insufficiente questa semplice divisione. Oggi i pesci ossei vengono indicati con le due classi Actinopterygii e Sarcopterygii, mentre il termine teleostei (identico in italiano e in latino) si riferisce a un gruppo di livello tassonomico più basso, all'interno della classe degli Actinopterygii.

Sistematica[modifica | modifica wikitesto]

I Teleostei comprendono oltre 20000 specie - il 96% di tutte le specie di Pesci conosciute e oltre metà delle specie di Vertebrati - divise in circa 400 famiglie e 40 ordini.
Classe Actinopterygii

Storia evolutiva[modifica | modifica wikitesto]

I Teleostei sono comparsi nel Triassico (circa 220 milioni di anni fa).

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

I Teleostei appartengono agli Attinopterigi, a cui rimandiamo per le caratteristiche fisiche comuni a tutta la classe (respirazione a mezzo branchie, scheletro osseo, presenza di pinne ecc.). Una descrizione dettagliata di molte caratteristiche anatomiche si trova anche sotto la voce 'Pesci'.

Sono caratteristiche specifiche dei Teleostei:

  • la colonna vertebrale termina alla base della coda e non si prolunga nel suo lobo superiore;
  • la coda è generalmente omocerca (i due lobi sono uguali);
  • la bocca ha una particolare conformazione per consentire di catturare le prede aspirandole o protendendo le mascelle verso l'esterno; in particolare, è mobile non solo l'osso mascellare, ma anche quello pre-mascellare.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

I Teleostei sono diffusi in tutte le acque del mondo.

Si stima che circa il 40% delle specie viva nelle acque marine in prossimità delle coste temperate e calde (fino a 200 m di profondità) e un altro 40% circa viva nelle acque dolci; solo il 20% è presente, invece, negli altri ambienti marini (acque profonde, acque superficiali oceaniche, acque costiere fredde).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Infraclass Teleostei Müller 1846 (ray-finned fish) in Fossilworks. URL consultato il 13 luglio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci