Solenopsis invicta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Solenopsis invicta
Fire ants02.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Arthropoda
Classe Insecta
Ordine Hymenoptera
Sottordine Apocrita
Superfamiglia Vespoidea
Famiglia Formicidae
Sottofamiglia Myrmicinae
Tribù Solenopsidini
Genere Solenopsis
Specie S. invicta
Nomenclatura binomiale
Solenopsis invicta
Buren, 1972

La formica di fuoco o formica guerriera (Solenopsis invicta Buren, 1972) è una formica appartenente alla sottofamiglia Myrmicinae.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È una formica di colore bruno rossastro di piccole dimensioni, con una lunghezza che va dai 2mm ai 6 mm nelle operaie. Sono dotate di un pungiglione velenoso che infligge punture dolorose, come si dice, quanto un fiammifero acceso conficcato sotto la pelle.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Originaria del Brasile[2], S. invicta è stata introdotta e si è naturalizzata in Antigua e Barbuda, Australia, Bahamas, Isole Vergini britanniche, Isole Cayman, Cina, Hong Kong, Malesia, Nuova Zelanda, Paraguay, Porto Rico, Singapore, Taiwan, Trinidad e Tobago, Turks e Caicos, Stati Uniti meridionali e Isole Vergini.[3]

È stata inserita dagli specialisti della IUCN nell'elenco delle 100 tra le specie invasive più dannose al mondo.[4]

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

L’alimentazione preferenziale della S. invicta è costituita dalle sostanze proteiche che ricava dagli insetti che preda [5] In ogni caso, la dieta può contemplare varie componenti di origine animale (invertebrati e vertebrati) o vegetale, incluse sostanze oleose e zuccherine, sebbene non consumi spesso nettare extrafloreale e non eserciti raramente attività di raccolta.[5]

Lotta biologica[modifica | modifica wikitesto]

I Phoridae, ditteri parassitodi appartenenti alle specie Pseudacteon tricuspis and Pseudacteon curvatus, sono spesso impiegati nella lotta biologica contro le S. invicta.

Genomica[modifica | modifica wikitesto]

Il genoma della formica di fuoco è stato sequenziato nel 2010.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Solenopsis invicta in AntWeb. URL consultato il 10 marzo 2013.
  2. ^ Holway et al., The Causes and Consequences of Ant Invasions in Annu. Rev. Ecol. Syst.; 33: 181-233., 2002.
  3. ^ Solenopsis invicta in ISSG. URL consultato il 10 marzo 2013.
  4. ^ Lowe S. J., M. Browne and S. Boudjelas (2000) 100 of the World's Worst Invasive Alien Species IUCN/SSC Invasive Species Specialist Group (ISSG), Auckland, New Zealand.
  5. ^ a b Ness, J.H & Bronstein, J.L., The Effects of Invasive Ants on Prospective ant Mutualists in Biological Invasions, vol. 6, nº 4, 2004, pp. 445–461, DOI:10.1023/B:BINV.0000041556.88920.dd.
  6. ^ Wurm et al., The genome of the fire ant Solenopsis invicta in PNAS, vol. 108 no. 14 5679-5684, 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi