Solenopsis (zoologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Solenopsis
Solenopsis.jpg
Solenopsis sp.
(regina - in alto, maschio - a destra, operaia - a sinistra)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Hymenopteroidea
Ordine Hymenoptera
Sottordine Apocrita
Sezione Aculeata
Superfamiglia Vespoidea
Famiglia Formicidae
Sottofamiglia Myrmicinae
Tribù Solenopsidini
Genere Solenopsis
Westwood, 1840
Serie tipo
Solenopsis mandibularis
Westwood, 1840
Sinonimi

vedi testo

Specie
vedi testo

Solenopsis Westwood, 1840 è un genere di formiche appartenente alla sottofamiglia Myrmicinae.[1][2]

Le specie di questo genere, in particolare le invasive S. invicta e S. richteri, sono note con il nome comune di formiche di fuoco (fire ants) e sono di particolare interesse medico-sanitario in alcune aree del mondo in quanto le loro punture possono produrre gravi reazioni allergiche nell'uomo.[3]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Primo piano di operaia di Solenopsis abdita

Caratteristiche comuni a tutte le specie del genere sono un peziolo bisegmentato, l'assenza di spine sul propodeo e la presenza di lunghe setole al centro del clipeo (subito al di sopra delle mandibole). Le operaie si caratterizzano per il numero di articoli delle antenne, che sono dieci, gli ultimi due claviformi. La maggior parte delle specie ha occhi piccoli o rudimentali e mandibole strette, armate di 3-4 denti.[4][5]

I maschi sono alati, privi di pungiglione, di dimensioni maggiori di quelle delle operaie ma inferiori a quelle delle regine. Le regine sono alate, e si caratterizzano per un gastro notevolmente voluminoso; subito dopo l'accoppiamento perdono le ali.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Formano colonie di migliaia di esemplari, talora poliginiche, cioè con più di una regina per nido.[6]

Nidificano nel terreno, spesso in vicinanza di aree umide quali le rive dei fiumi o degli stagni. L'ingresso dei nidi si trova spesso al riparo di oggetti quali tronchi, rocce, mattoni; in caso contrario le formiche ereggono tumuli a forma di cupola, alti sino a 40 cm[7]. Alcune specie (p.es. S. fugax) costruiscono i nidi nei pressi di quelli di altre specie di formiche (Lasius spp. e Formica spp.) creando comunicazioni con queste attraverso gallerie che permettono loro di saccheggiarne le riserve di cibo.

La maggior parte delle specie sono onnivore e si nutrono principalmente di vegetali e semi; sono tuttavia anche dei predatori molto aggressivi, in grado di attaccare prede anche molto più grandi di loro quali cavallette, libellule e talora anche piccoli vertebrati.

I postumi di un assalto di formiche di fuoco sulla gamba di un essere umano

Difendono aggressivamente il nido da tutto ciò che può rappresentare una minaccia: se disturbate fuoriescono in massa dal nido e assaltano l'intruso risalendo lungo le sue gambe. Il loro morso provoca un forte dolore nell'essere umano, sensazione simile a quella di una bruciatura, da cui il nome comune di "formiche di fuoco". A differenza di molte altre formiche che mordono e poi spruzzano acido formico sulla ferita, le formiche di fuoco usano le mandibole solo come ancoraggio e quindi utilizzano il pungiglione per iniettare un veleno, un alcaloide chiamato solenopsina, appartenente alla classe delle piperidine, con proprietà emolitiche e citotossiche. Il veleno ha anche proprietà insetticide e antibiotiche, e viene spruzzato sulle larve per proteggerle dall'aggressione di microrganismi. Viene inoltre utilizzato come repellente nelle interazioni con altre specie.[8]

Sintomi del morso nell'uomo[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Puntura di formiche di fuoco.

La puntura della formica di fuoco provoca un dolore urente che regredisce dopo 20 minuti; in seguito nel sito della puntura compare una vescica sierosa, circondata da un'area edematosa e molto calda. Le vesciche molto spesso si ulcerano e tendono a sovrainfettarsi. [9]

In alcuni soggetti, ipersensibili al veleno, possono aversi fenomeni di anafilassi, che comprendono dolore toracico, nausea, sudorazione profusa, dispnea, edema della glottide, il cui esito può anche essere fatale se non si interviene tempestivamente con le cure appropriate.[10].

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Specie[modifica | modifica sorgente]

Il genere Solenopsis comprende le seguenti specie viventi:[1]

Sono state inoltre descritte le seguenti specie fossili:[1]

Sinonimi[modifica | modifica sorgente]

Sono stati riportati i seguenti sinonimi:[2]

  • Bisolenopsis Kusnezov, 1953
  • Diagyne Santschi, 1923
  • Euophtalma Creighton, 1930
  • Euophthalma Creighton, 1930
  • Euopthalma Creighton, 1930
  • Granisolenopsis Kusnezov
  • Labauchena Santschi, 1930
  • Lilidris Kusnezov
  • Octella Forel, 1915
  • Oedaleocerus Creighton, 1930
  • Oedalocerus Creighton, 1930
  • Oligomyrmex (Octella) Forel, 1915
  • Paranamyrma Kusnezov
  • Solenapsis Westwood, 1840
  • Solenopsis (Diplorrhoptum) latroides bogatshevi Arnol'di, 1948
  • Solenopsis amica Eidmann, 1936
  • Solenopsis bogatshevi Arnol'di, 1948
  • Solenopsis callida Smith, 1915
  • Solenopsis latroides subsp. bogatshevi Arnol'di, 1948
  • Solenopsis manni Creighton, 1930
  • Solonopsis Westwood, 1840
  • Sonelopsis Westwood, 1840
  • Synsolenopsis Forel, 1918

Lotta biologica[modifica | modifica sorgente]

Operaia di Solenopsis sp. decapitata da Pseudacteon sp. (Phoridae)

Le formiche del genere Solenopsis sono spesso parassitate dalle larve dei ditteri del genere Pseudoacteon (Phoridae). Questi ditteri si riproducono deponendo le loro uova nel torace delle formiche. Le larve di I°stadio migrano nella testa dell'insetto e, nutrendosi dell'emolinfa, del tessuto muscolare e del tessuto nervoso, portano rapidamente a morte la formica, provocando il distacco della testa dal resto del corpo. A questo punto le larve si impupano all'interno di ciò che rimane della testa della formica, emergendone dopo circa due settimane.[11]

Nei paesi nordamericani in cui la invasione delle formiche di fuoco sudamericane è divenuto un problema di salute pubblica, i foridi sono stati utilizzati come mezzo di lotta biologica. Il loro interesse risiede nella selettività della relazione trofica: in particolare, è stato riscontrato che fra le specie di Pseudoacteon che parassitizzano il genere Solenopsis, alcune, di origine neotropicale, sono strettamente associate alle formiche sudamericane del gruppo S. saevissima, mentre altre, a distribuzione neartica, sono associate alle formiche del gruppo S. geminata, diffuse nel Nord e Centro America. Introdotti artificialmente negli USA, alcuni Pseudoacteon di origine sudamericana si sono rivelati efficaci nel controllo biologico delle formiche di fuoco esotiche mentre ignorano quelle autoctone, a loro volta controllate dagli Pseudoacteon indigeni. [12].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Solenopsis in AntWeb. URL consultato l'8 febbraio 2013.
  2. ^ a b HOL - Hymenoptera Online. URL consultato il 7 luglio 2013.
  3. ^ Stafford CT, Hypersensitivity to fire ant venom in Annals of allergy, asthma, & immunology 1996; 77(2): 87–99, DOI:10.1016/S1081-1206(10)63493-X.
  4. ^ Emery C., Fauna Entomologica Italiana - Hymenoptera - Formicidae in Boll. Soc. Entom. Ital. 1916; 47: 79-275, pp. pp.163-167.
  5. ^ Solenopsis richteri in Animal Diversity Web. URL consultato l'8 febbraio 2013.
  6. ^ Kintz-Early J, Parris L, Zettler J, and Bast J, Evidence of polygynous Red Imported Fire Ants (Hymenoptera: Formicidae) in South Carolina in Florida Entomologist 2003; 86(3): 381-382.
  7. ^ Fire Ants in Local Pest Control Services, USA.
  8. ^ Obin MS, Vander Meer RK, Gaster flagging by fire ants (Solenopsis spp.): Functional significance of venom dispersal behavior in Journal of Chemical Ecology 1985; 11 : 1757–1768, DOI:10.1007/BF01012125.
  9. ^ deShazo RD, Butcher BT, Banks WA, Reactions to the stings of the imported fire ant in N Engl J Med 1990; 323(7): 462–6.
  10. ^ Prahlow JA, Barnard JJ, Fatal anaphylaxis due to fire ant stings in Am J Forensic Med Pathol 1998; 19: 137-42.
  11. ^ Ehrenberg R, Ant Venom Attracts Decapitating Flies in Science News 18 settembre 2009.
  12. ^ Lloyd W. Morrison, Pseudoacteon spp. (Diptera: Phoridae) in Biological Control: A Guide to Natural Enemies in North America, Cornell University.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Walter R. Tschinkel, The Fire Ants, Cambridge, Harvard University Press, 2006, ISBN 0-674-02207-6.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]