Shoegaze

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Shoegaze
Origini stilistiche Alternative rock
Space rock
Neopsichedelia
Noise rock
Origini culturali Metà anni ottanta nel Regno Unito
Strumenti tipici voce, chitarra, basso, batteria, sintetizzatore
Popolarità fine anni ottanta, primi anni novanta
Generi derivati
Nu gaze
Generi correlati
Noise pop - Post-rock - Indie pop - Dream pop
Categorie correlate

Gruppi musicali shoegaze · Musicisti shoegaze · Album shoegaze · EP shoegaze · Singoli shoegaze · Album video shoegaze

Lo shoegaze (o anche shoegazing) è un sottogenere musicale dell'alternative rock, sviluppatosi nel Regno Unito verso la fine degli anni ottanta.

Tra gli elementi identificativi di questo genere, oltre che un significativo utilizzo di effetti per chitarra (perlopiù distorsore e riverbero), anche un forte senso melodico delle parti vocali che, quasi sognanti, mai enfatizzate e spesso trattate come mero strumento supplementare, combinate con il muro di feedback prodotto dalle chitarre, portano ad un risultato quasi assimilabile a certe produzioni di Phil Spector e ad una versione aggiornata e corretta (con l'utilizzo dell'elemento rumore) del suo Wall of Sound.

Il nome[modifica | modifica sorgente]

« Non volevamo utilizzare il palcoscenico come una piattaforma per il nostro ego, come facevano le big band di allora, come gli U2 o i Simple Minds. Ci siamo presentati come persone normali, volevamo che i nostri fans pensassero che fosse possibile anche per loro fare quello che avevamo fatto noi. »
(Mark Gardener, frontman dei Ride[1])

La genesi del nome è attribuibile alla stampa musicale britannica (soprattutto il NME), che adottò questo termine per descrivere un atteggiamento introspettivo e quasi distaccato da parte dei musicisti di certe band evidenziato, durante le esibizioni dal vivo, dalla loro curiosa tendenza a guardare in basso mentre suonavano, quasi come se stessero guardando le proprie scarpe.

Un comportamento che in realtà, in parte, era dovuto dall'esigenza di controllare gli effetti a pedale della chitarra e del basso, al cui uso massiccio si deve il particolare muro sonoro caratterizzante del genere stesso.[2]

Un'altra definizione della scena shoegaze fu quella coniata dal giornalista del Melody Maker Steve Sutherland che, nel 1990, ebbe a descriverla come The Scene That Celebrates Itself (La Scena che Celebra se Stessa). In un tono ironico e quasi sprezzante, il termine focalizzava l'attenzione sul fatto che, le band coinvolte nella stessa scena, piuttosto che essere (come da tradizione) rivali tra loro, erano spesso visti partecipare gli uni ai concerti degli altri, oltre che impegnati a collaborare in progetti comuni.[3]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Precursori della scena shoegaze furono i Jesus and Mary Chain e i My Bloody Valentine che, per primi sperimentano, seppur in diverso modo tra loro, l'utilizzo straniante del feedback all'interno di strutture melodiche ben definite. Ispirati, i primi, da una certa tradizione garage rock degli anni sessanta e interessati, i secondi, ad una riscoperta del sound psichedelico di quella stessa decade, entrambi i gruppi pagano però un pesante debito creativo al lavoro dei Velvet Underground che, soprattutto con secondo album, White Light, White Heat riscrissero e allargarono i confini della canzone rock tradizionale. Altra band seminale furono certamente anche i Cocteau Twins che, sempre in quegl'anni, imboccarono una strada parallela fatta di melodie squisitamente pop immerse in paesaggi sonori sognanti e atmosfere quanto mai rarefatte e suggestive, create da chitarre riverberate e voci eteree e che porterà, più tardi, anche alla nascita del dream pop.[4]

Con loro sono state poste le basi per una scena, che annovererà gruppi come Ride, Lush, Chapterhouse, Slowdive, Telescopes, Curve, Spiritualized, Catherine Wheel, Moose, Pale Saints, Spacemen 3 e Loop, questi ultimi influenzati anche da certe atmosfere krautrock anni settanta, inserirono un elemento di reiterazione nelle strutture dei brani che, in seguito, li portò ad emanciparsi dalla stessa scena.[5] Fuori dal mondo anglosassone, la band argentina Soda Stereo pubblicò nel 1992 Dynamo, uno dei migliori esempi del shoegaze latinoamericano.

Il fenomeno shoegaze ebbe in realtà una durata molto limitata, scomparendo quasi del tutto nel giro di 3/4 anni. La critica da parte della stampa musicale di una certa auto-indulgenza da parte delle band shoegaze, unita ad un certo fastidio per la discussa provenienza borghese dei componenti stessi cominciò, infatti, molto presto ad essere percepita come in netto contrasto con la nascente nuova ondata di gruppi Britpop che, al contrario, sembrava offrissero testi più intelligibili, con maggior spessore nei contenuti che spesso erano incentrati sui problemi della gente comune e della classe operaia. Molte band cercarono allora nuove possibili strade, virando verso il nascente britpop o, addirittura, ispirandosi alla scena grunge di Seattle.

L'esperienza shoegaze ha trovato, poi, un nuovo sviluppo nei primi anni 2000, sia nella scena indietronica di gruppi come Broadcast, Lali Puna e The Postal Service, che in un certo filone del post-rock e di band quali Flying Saucer Attack, Third Eye Foundation, Hood e Autolux.

Verso la fine di questa decade, invece, tutta una nuova serie di band shoegaze, identificate appunto come Nu gaze, hanno riportato in auge il genere connotandolo dei suoi elementi identificativi originari. Band come Amusement Parks on Fire, Deerhunter, The Horrors, The Pains of Being Pure at Heart, A Place to Bury Strangers, Ulrich Schnauss, Silversun Pickups, Van She salutati con entusiasmo da critici e riviste di settore[6] e che, secondo un articolo del blog Oxford Student, propongono un genere di musica con "riff reiterati, voce tenue e un muro di rumore, creato da chitarre o synth".[7]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Jude Rogers, Diamond gazers, The Guardian, 27 luglio 2007. URL consultato il 29 aprile 2012.
  2. ^ (EN) Shoegaze in Allmusic, All Media Network.
  3. ^ Julian Cope presents Head Heritage | Unsung | Reviews | Slowdive - Souvlaki
  4. ^ Origine e fine di un genere - Distorsioni Blog
  5. ^ 10 Essential Shoegaze Albums - Treblezine
  6. ^ Diamond gazers - The Guardian (27 July 2007)
  7. ^ Hidden Treasures: Nu-Gaze - Oxford Student

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock