Sergio Staino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sergio Staino nel 2010 sul palco con i Têtes de Bois per la Festa dei lavoratori a Trento.

Sergio Staino (Piancastagnaio, 8 giugno 1940) è un fumettista e regista italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo essersi laureato in architettura insegna nella provincia di Firenze e, per questo, si stabilisce a Scandicci. Successivamente si dedica al mondo dei fumetti debuttando con il personaggio che lo ha reso famoso, Bobo - per molti somigliante ad Umberto Eco, è invece dichiaratamente ispirato a se stesso - che pubblica per la prima volta nel 1979 sulla rivista Linus diretta da Oreste del Buono.

Negli anni Ottanta collabora con i quotidiani Il Messaggero e l'Unità (con la quale ancora lavora); nel 1986 fonda e dirige il settimanale satirico Tango, su cui compaiono alcune delle più importanti firme della satira del periodo, da Gino e Michele a David Riondino, da Michele Serra a Lorenzo Beccati, da Francesco Tullio Altan a Ellekappa, da Daniele Panebarco ad Andrea Pazienza, oltre ad ospiti d'eccezione come Francesco Guccini. Nel 1987, forte del successo ottenuto dalla versione cartacea del settimanale, Staino porta su Raitre Teletango.

Successive collaborazioni con la televisione pubblica, nel 1990 e nel 1993, danno vita ad un varietà satirico condotto da Claudio Bisio e Athina Cenci, Cielito lindo. Durante quello stesso periodo, Sergio Staino si cimenta inoltre anche con la regia e la sceneggiatura, prima con il film Cavalli si nasce, interpretato da Paolo Hendel e David Riondino, e poi con Non chiamarmi Omar, sviluppato a partire da un racconto di Altan e realizzato con un notevole cast (Gastone Moschin, Stefania Sandrelli e Ornella Muti). Nel 2007 realizza "M", "periodico di filosofia da ridere e politica da piangere", in edicola ogni lunedì come supplemento a l'Unità con cadenza settimanale, continuando le sue collaborazioni anche con televisione, cinema e teatro.

Tra i premi ricevuti, ricordiamo il Premio Satira Politica Forte dei Marmi (1984), lo Yellow Kid al Salone Internazionale del Fumetto, il Premio Tenco (1986) e il Premio Persea (2002). Dal 2003 Sergio Staino è presidente onorario dell’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti e pubblica sull'organo stampa dell'associazione, L'Ateo, alcune sue vignette. Nel 2009 è candidato per Sinistra e Libertà alle elezioni europee pur essendo iscritto al PD. È socio onorario dell'associazione "Suoni dalla Terra" con sede a Capaci (PA).

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Berlino amore mio. Wir Berliner, wir Berliner sind anders, Berlin, Detlef Heikamp Verlag, 1981.
  • Aldiqua dell'aldilà, con Massimo Cavezzali, Bologna, L'isola trovata, 1982. ISBN 88-7225-009-9.
  • Bobo, Milano, Milano libri, 1982.
  • Coppia a perdere, su testi di Gianni Carino, Milano, L'isola trovata, 1983.
  • Bobo triste un mattin d'aprile..., Milano, Milano libri, 1983.
  • Bobo nell'anno del sorpasso. Vignette e cronache da l'Unità, Roma, l'Unità, 1984.
  • Bobo e dintorni. Antologica su Sergio Staino, Milano, Milano libri, 1985.
  • Le domeniche di Bobo, Roma, Editori Riuniti, 1987. ISBN 88-359-3131-2.
  • Bobo. Le storie, Roma, Editori Riuniti, 1988. ISBN 88-359-3237-8.
  • Tempeste, Milano, GUT edizioni, 1992. ISBN 88-7930-007-5.
  • Non chiamarmi Omar, con Francesco Tullio Altan, Milano, Baldini & Castoldi, 1992. ISBN 88-85988-40-7.
  • Amori, Montepulciano, Editori del Grifo, 1993; Roma, Minimum fax, 1996. ISBN 88-86568-20-7.
  • ...150, la Coop canta.... 8 storie a fumetti ispirate ai 150 anni di storia della cooperazione di consumo, Montepulciano, Editori del Grifo, 1994.
  • Famiglia mia..., Milano, Biblioteca Universale Rizzoli, 1995. ISBN 88-17-11203-8.
  • L'Unità: le vignette e le storie più belle del 2001, Roma, Nuova Iniziativa Editoriale, 2001.
  • Pinocchio Novecento. 25 tavole a colori, Milano, Feltrinelli, 2001. ISBN 88-07-42094-5.
  • Il romanzo di Bobo', Milano, Feltrinelli, 2001. ISBN 88-07-81665-2.
  • Racconto di Natale, con Adriano Sofri e Isabella Staino, Torino, Einaudi, 2002. ISBN 88-06-16490-2.
  • Montemaggio. Una storia partigiana. Liberamente ispirato alla testimonianza di Vittorio Meoni, Roma-Colle Val D'Elsa, l'Unità-Comune di Colle Val d'Elsa, 2003.
  • Pecciolo contro Talquale, il mostro spazzatura, Modena, F. Panini ragazzi, 2003. ISBN 88-8290-624-8.
  • Fino all'ultima mela, Torino, Einaudi, 2003. ISBN 88-06-16624-7.
  • Gli angeli del cortile, con Adriano Sofri e Isabella Staino, Torino, Einaudi, 2003. ISBN 88-06-16738-3.
  • Bobo, Roma, la Repubblica, 2004.
  • La guerra di Peter, Bologna, Coconino press, 2004. ISBN 88-7618-001-X.
  • L'impero delle cicale. Il terzo racconto di Natale, con Adriano Sofri e Isabella Staino, Bologna, Coconino press, 2004. ISBN 88-7618-007-9.
  • Bobo. Bobo novecento, Modena-Roma, Panini-la Repubblica, 2005.
  • Il fucile e la rosa. Episodi della resistenza marchigiana, con Gianni Carino, Falconara Marittima, Comune, 2005.
  • Cento Candeline CGIL, Roma, Ediesse, 2006. ISBN 88-230-1163-9.
  • Il mistero BonBon, Milano, Feltrinelli, 2006. ISBN 88-07-84062-6.
  • Pecciolo e Talquale e una bandiera per l'ambiente', Modena, F. Panini ragazzi, 2007. ISBN 978-88-8290-961-1.
  • Nuova gente. Un dipinto di Plinio Nomellini nella Galleria d'arte moderna di Genova, Firenze, Maschietto, 2007. ISBN 978-88-88967-79-0.
  • Spaghetti di mezzanotte, con Claudio Nobbio, Palermo, Flaccovio, 2007. ISBN 978-88-7758-755-8.
  • Maccheroni a mezzogiorno, con Claudio Nobbio, Palermo, Flaccovio, 2009. ISBN 978-88-7758-905-7.
  • All together, Bobo! Un anno vissuto disperatamente, Milano, BUR Rizzoli, 2009. ISBN 978-88-17-03728-0.
  • A chi troppo e a chi niente. Bobo colpisce ancora, Milano, BUR Rizzoli, 2010. ISBN 978-88-17-04555-1.
  • Staino terapia dell'amore. La miglior cura per la coppia inizia con una risata, Milano, Salani, 2011. ISBN 978-88-625-6605-6.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]