Santiago García

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo calciatore uruguaiano nato nel 1990, vedi Santiago Damián García.
Santiago García
Santiago García.jpg
Santiago García (a sinistra) in azione durante CSKA Mosca-Palermo del 4 novembre 2010
Dati biografici
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 191 cm
Peso 89 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore
Squadra Werder Brema Werder Brema
Carriera
Giovanili
Rosario Central Rosario Central
Squadre di club1
2008-2010 Rosario Central Rosario Central 14 (0)[1]
2010-2011 Palermo Palermo 3 (0)
2011-2012 Novara Novara 21 (1)
2012-2013 Palermo Palermo 32 (1)
2013- Werder Brema Werder Brema 11 (2)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 21 dicembre 2013

Santiago García (Rosario, 8 luglio 1988) è un calciatore argentino, difensore del Werder Brema.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Possiede il passaporto spagnolo. Suo fratello gemello Manuel è anch'egli un calciatore,[2][3] di ruolo portiere.[4]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

È un terzino molto rapido e resistente, attento in fase difensiva e dotato di un fisico possente che gli permette di essere pericoloso in fase d'attacco anche grazie alla sua velocità.[5][6][7] Può giocare anche da difensore centrale.[8]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Rosario Central[modifica | modifica wikitesto]

Ha esordito con la maglia del Rosario Central nel Torneo di Apertura 2008, giocando titolare nella partita persa per 0-1 contro il Gimnasia y Esgrima La Plata.[9] Ha poi giocato da titolare il Torneo di Clausura 2010.

Palermo[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 luglio 2010 viene ufficializzato il suo passaggio a titolo definitivo alla squadra italiana del Palermo, con cui ha firmato un contratto quinquennale a 450.000 euro a stagione[10] e di cui veste la maglia numero 29.[11] Il cartellino del giocatore è costato 1.200.000 dollari americani, pari a circa un milione di euro.[12][13] Esordisce con la maglia del Palermo nella seconda giornata della fase a gironi di Europa League contro gli svizzeri del Losanna disputata il 30 settembre: la squadra ha vinto 1-0 e García è uscito per infortunio al 61' lasciando il posto a Federico Balzaretti;[14][15] tale incontro gli è valso anche il debutto assoluto nelle competizioni europee. Il 12 gennaio, in Palermo-Chievo Verona (1-0) valida per gli ottavi di finale di Coppa Italia (quarta presenza in rosanero, dopo tre in Europa), ha rimediato uno stiramento del legamento peroneo-astragalico dell'articolazione tibio-tarsica sinistra.[16] Il 6 febbraio 2011 debutta nel campionato italiano in Lecce-Palermo (2-4) valida per la 24ª giornata, subentrando all'infortunato Matteo Darmian dopo 32 minuti.[17] Chiude la stagione con 3 presenze in campionato, una in Coppa Italia (persa in finale contro l'Inter per 3-1) e 3 in Europe League, per un totale di 7 apparizioni.

Novara[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 luglio 2011 passa al Novara in prestito con diritto di riscatto per la metà del cartellino.[18][19]

Esordisce con la nuova squadra in Udinese-Novara (3-0) dell'ottava giornata di campionato, giocando titolare.[20] In seguito è sempre negli undici di partenza concludendo la stagione con 21 presenze in Serie A più 2 in Coppa Italia. Segna il primo ed unico gol stagionale, sia in massima serie (conclusa con la retrocessione) che con la maglia del Novara, nell'ultima partita di campionato persa per 2-1 in casa del Milan disputata il 13 maggio: il suo è il gol che apre le marcature.

Ritorno al Palermo[modifica | modifica wikitesto]

Rientrato al Palermo, torna a giocare in maglia rosanero il 18 agosto 2012, nel terzo turno di Coppa Italia vinto per 3-1 sulla Cremonese. Nella partita Sampdoria-Palermo della 31ª giornata di campionato, disputata il 7 aprile 2013, segna il gol del definitivo 1-3 per la sua squadra, il primo in maglia rosanero.

La stagione si conclude con la retrocessione dei rosanero, sancita il 12 maggio 2013 dalla sconfitta esterna per 1-0 contro la Fiorentina della 37ª giornata. In quella partita viene ammonito e successivamente squalificato per una giornata, concludendo così la stagione con 32 presenze in campionato e 2 in Coppa Italia.

Seppur convocato per il ritiro estivo in vista della stagione 2013-2014,[21] il 15 luglio Martin Gonzales, agente del giocatore, afferma che il suo assistito «è un giocatore libero, il suo rapporto con il Palermo è finito per vari conflitti», tant'è che non ha raggiunto il resto della squadra in Austria.[22] La risposta ufficiale del Palermo è arrivata il giorno successivo, in cui dichiara «che sta procedendo nelle competenti sedi al fine di tutelare i propri diritti contro manovre malcelatamente pretestuose e strumentali, messe evidentemente in atto al solo fine di pervenire ad una rottura contrattuale anticipata del tutto illegittima ed arbitraria», continuando dicendo che il rapporto contrattuale «mai è stato messo in discussione».[23]

Werder Brema[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º settembre 2013 si è trasferito alla società tedesca del Werder Brema con la formula del prestito oneroso con diritto di riscatto.[24][25] Dopo 12 partite e 2 gol in Bundesliga, il 5 marzo 2014 s'infortuna in allenamento riportando la rottura parziale del legamento collaterale mediale del ginocchio destro.[26]

Il 30 aprile 2014 il riscatto viene esercitato e il giocatore firma un contratto triennale.[27]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 12 maggio 2013.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2008-2009 Argentina Rosario Central PD 1 0 - - - - - - 1 0
2009-2010 PD 13+2[28] 0 - - - - - - 15 0
Totale Rosario Central 14+2 0 - - - - - - 16 0
2010-2011 Italia Palermo A 3 0 CI 1 0 UEL 3 0 - - 7 0
2011-2012 Italia Novara A 21 1 CI 2 0 - - - - 23 1
2012-2013 Italia Palermo A 32 1 CI 2 0 - - - - - - 34 1
ago.-set. 2013 B 0 0 CI 0 0 - - - - - - 0 0
Totale Palermo 35 1 3 0 3 0 - - 41 1
set. 2013-2014 Germania Werder Brema BL 0 0 CG 0 0 - - - - - - 0 0
Totale carriera 70+2 2 5 0 3 0 - - 80 2

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 16 (0) se si considera lo spareggio per la retrocessione.
  2. ^ GARCIA: "Mi chiamano Melli, vi spiego perché" Mediagol.it
  3. ^ Angela Attardo, la Repubblica, 23 dicembre 2010.
  4. ^ Profilo di Manuel García su Transfermarkt.it
  5. ^ Mercato: la scheda di Santiago Garcia Mediagol.it
  6. ^ SKY: Palermo, colpo argentino nella notte Mediagol.it
  7. ^ Gazzetta: la schede tecniche delle nuove promesse Mediagol.it
  8. ^ Santiago Garcia in rampa di lancio, Krausz a Palermo24: "Da terzino farà fatica, meglio da centrale" Palermo24.net
  9. ^ Rosario Central-Gymnasia La Plata 0-1 Transfermarkt.it
  10. ^ Milone - Saladini, Tuttosport, 17 luglio 2010.
  11. ^ Santiago Garcia al Palermo Ilpalermocalcio.it
  12. ^ Garcia, l'agente a ITASPORTPRESS.IT: "Chiusa la trattativa, è un giocatore del Palermo" Itasportpress.it
  13. ^ Palermo: preso Santiago Garcia stadionews.miller.it
  14. ^ Il Palermo si rilancia con Migliaccio it.uefa.com
  15. ^ Brando de Leonardis, Palermo, Santiago Garcia: "Emozionato per l'esordio", 30 settembre 2010. URL consultato il 1º gennaio 2010.
  16. ^ Indagini strumentali per Garcia Ilpalermocalcio.it
  17. ^ Lecce-Palermo 2-4 Ilpalermocalcio.it
  18. ^ Ufficialità per l'arrivo di Garcia Novaracalcio.com
  19. ^ Garcia ceduto al Novara Ilpalermocalcio.it
  20. ^ Udinese-Novara 3-0 Legaseriea.it
  21. ^ Ritiro: partono in venticinque Palermocalcio.it
  22. ^ Ag. Garcia: "Minacciato dagli ultras, libero dal Palermo" Palermocalcio.it
  23. ^ Garcia: comunicato della società Palermocalcio.it
  24. ^ (DE) Werder holt Linksverteidiger Santiago Garcia.
  25. ^ Garcia ceduto al Werder Brema Palermocalcio.it
  26. ^ Werder Brema, tegola Garcia. Problema al collaterale per il difensore Tuttomercatoweb.com
  27. ^ (DE) Werder zieht Option: Garcia bleibt drei weitere Jahre Werder.de
  28. ^ Spareggio retrocessione.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]