STS-51-L

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
STS-51-L
Emblema missione
STS-51-L.svg
Dati della missione
Operatore NASA
Shuttle Challenger
Luogo lancio Complesso di lancio 39
Lancio 28 gennaio 1986 16:38:00 UTC (11:38am EST)
Atterraggio previsto per il 3 febbraio 1986
16:39:13 UTC
Durata 1 minuto e 13 secondi
previsti: 6 giorni e 34 minuti
Orbita orbita terrestre bassa
Numero orbite volo suborbitale, erano previste 96
Apoapside 295 km (pianificato)
Periapside 285 km (pianificato)
Altezza orbita 280 km (pianificato)
Inclinazione orbitale 28,5°
Equipaggio
Membri equipaggio 7
Challenger flight 51-l crew.jpg
davanti da sinistra a destra:
Michael J. Smith, Francis "Dick" Scobee, e Ronald McNair
dietro da s-d:
Ellison Onizuka, Christa McAuliffe, Gregory Jarvis e Judith Resnik
Programma Space Shuttle
Missione precedente Missione successiva
STS-61-C STS-26

La STS-51-L fu una missione spaziale del Programma Space Shuttle. Tristemente ricordata come la missione in cui il Challenger si disintegró in fase di decollo. In questa missione sono morti gli astronauti a causa dell'esplosione dell'orbiter per un guasto a una guarnizione, detta O-ring, nel segmento inferiore del razzo a propellente solido (Solid-fuel Rocket Booster, SRB) destro. La rottura della guarnizione provocò una fuoriuscita di fiamme dall'SRB che causarono un cedimento strutturale del serbatoio esterno (External Tank, ET) contenente idrogeno ed ossigeno liquidi.

Equipaggio[modifica | modifica wikitesto]

Parametri della missione[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


Astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Astronautica