STS-41-B

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
STS-41-B
Emblema missione
Sts-41-b-patch.png
Dati della missione
Shuttle Challenger
Luogo lancio Kennedy Space Center, complesso 39, PAD A
Lancio 3 febbraio 1984 13:00:00 UTC
Atterraggio 11 febbraio 1984 12:15:55 UTC Kennedy Space Center
Durata 7 giorni, 23 ore, 15 minuti e 55 secondi
Numero orbite 128
Apoapside 316 km
Periapside 307 km
Inclinazione orbitale 28,5°
Distanza percorsa 5 329 150 km
Carico 15 362 kg
Equipaggio
Membri equipaggio 5
STS-41-B crew.jpg
in piedi (da sinistra): Stewart, McNair e McCandless
seduti (da sinistra): Brand e Gibson
Programma Space Shuttle
Missione precedente Missione successiva
STS-9 STS-41-C

L'STS-41-B è una missione del Challenger lanciata dal Kennedy Space Center in Florida il 3 febbraio 1984.

Durante la missione vennero posizionati due satelliti artificiali di comunicazione nonché eseguite manovre rendezvous per testare per la prima volta degli appositi sensori e dei programmi di volo computerizzati.

Questa missione segnalò il primo impegno della Manned Maneuvering Unit (MMU) e del Manipulator Foot Restraint (MFR). Bruce McCandless eseguì il primo volo nello spazio in assoluta libertà usando uno dei due MMU a bordo della navicella spaziale.

Dopo otto giorni in orbita, l'11 febbraio 1984, il Challenger eseguì il primo atterraggio sulla pista del Kennedy Space Center.

Equipaggio[modifica | modifica sorgente]

Tra parentesi il numero di voli spaziali completati da ogni membro dell'equipaggio, inclusa questa missione.

Parametri della missione[modifica | modifica sorgente]

Passeggiate spaziali[modifica | modifica sorgente]

McCandless durante l'EVA

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica