Rocky (serie di film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Rocky è una popolare saga cinematografica sul pugilato che narra le gesta del personaggio cinematografico Rocky Balboa, ideato ed interpretato dall'attore/regista Sylvester Stallone. La saga si sviluppa in un arco temporale che va dal 1976 al 2006.

L'intera saga fu distribuita nelle sale cinematografiche dalla United Artists.

Film della serie[modifica | modifica wikitesto]

  1. Rocky (1976), di John G. Avildsen
  2. Rocky II (1979), di Sylvester Stallone
  3. Rocky III (1982), di Sylvester Stallone
  4. Rocky IV (1985), di Sylvester Stallone
  5. Rocky V (1990), di John G. Avildsen
  6. Rocky Balboa (2006), di Sylvester Stallone
  7. Creed (2015), di Ryan Coogler

Cenni sulla trama dei film[modifica | modifica wikitesto]

Rocky[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Rocky.

Ad un giovane pugile sconosciuto di origini italo-americane, Rocky Balboa, data la mancanza di avversari, viene concessa la possibilità di sfidare il campione del mondo Apollo Creed grazie al suo nome, in un incontro che tutti pensano sia solo un'esibizione. Rocky invece prenderà questa occasione come opportunità di riscatto dalla sua insoddisfacente vita.

Rocky II[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Rocky II.

Dopo lo storico incontro con Apollo, Rocky tenta la strada di una vita da normale lavoratore. Ma la sua vita è la boxe, e complice l'orgoglio che spinge Apollo Creed a concedergli una rivincita, sommata alla nascita di suo figlio, portano Rocky a rimettersi in gioco.

Rocky III[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Rocky III.

Rocky, ormai saziato dalle facili vittorie, dal successo e dai soldi conduce una vita da star imborghesita. Clubber Lang, un giovane pugile di colore, è invece affamato come lo era Rocky prima di emergere. Questo porterà Clubber a spodestare Balboa, ma Rocky punto nell'orgoglio e negli affetti è pronto a tornare sul trono.

Rocky IV[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Rocky IV.

Rocky si è ritirato da due anni dal mondo della boxe, dall'Unione Sovietica arriva il "pugile perfetto" di nome Ivan Drago. Viene subito lanciata una sfida all'America. Apollo anch'esso ritirato da anni, vuole riaprire la sua carriera affrontando in un incontro d'esibizione l'atleta sovietico, Rocky non vuole che il suo amico rischi così tanto, ma ogni parola è nulla. E per questo Apollo Creed muore sul ring. Sarà compito di Rocky vendicarlo.

Rocky V[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Rocky V.

Dopo l'incontro con il russo Ivan Drago, Balboa è costretto per motivi di salute ad abbandonare la boxe. Anche i suoi beni sono dilapidati e così Rocky torna nel quartiere in cui viveva quando era sconosciuto. Un giovane promettente pugile, Tommy Gunn, gli chiede di fargli da manager. Rocky è entusiasta, vedendo in lui se stesso da giovane, ma dovrà fare i conti con il "dorato" mondo della boxe.

Rocky Balboa[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Rocky Balboa (film).

Un Rocky non più giovane gestisce un ristorante, ha un rapporto conflittuale con il figlio, e vive nell'ombra di quello che è stato. Tutto questo lo porta a rimettersi di nuovo in gioco. Da una simulazione al computer con l'attuale campione del mondo, tornerà di nuovo sul ring.

Spin-off[modifica | modifica wikitesto]

Creed[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 luglio 2013 è stato annunciato che la MGM ha offerto al regista Ryan Coogler di dirigere uno spin-off della saga. Il film si intitolerà Creed[1] e sarà incentrato sul nipote di Apollo Creed, che avrà come mentore il pugile, ormai in pensione, Rocky Balboa. Il ruolo del nipote di Creed è andato all'attore Michael B. Jordan, mentre Sylvester Stallone riprenderà il ruolo del famoso pugile Rocky Balboa, in una sceneggiatura co-scritta da Ryan Coogler e Aaron Covington[2]. Le riprese sono iniziate a gennaio 2015 a Filadelfia[3].

Tempo trascorso tra una pellicola e l'altra[modifica | modifica wikitesto]

Box office negli USA[modifica | modifica wikitesto]

  1. Rocky 117,2 milioni di dollari
  2. Rocky II 85,2 milioni di dollari
  3. Rocky III 125,0 milioni di dollari
  4. Rocky IV 127,9 milioni di dollari
  5. Rocky V 40,9 milioni di dollari
  6. Rocky Balboa 70,3 milioni di dollari

Box office nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

  1. Rocky 225 milioni di dollari
  2. Rocky II 200,2 milioni di dollari
  3. Rocky III 270 milioni di dollari
  4. Rocky IV 300,5 milioni di dollari
  5. Rocky V 120 milioni di dollari
  6. Rocky Balboa 155,7 milioni di dollari

Classifica incassi saghe del cinema[modifica | modifica wikitesto]

L'intera saga di film su Rocky è al 12º posto nella classifica dei più grandi incassi delle saghe del cinema, con un record di incassi totale di 2.965.471.850 dollari[4].

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

A "Rocky" furono dedicati diversi videogiochi. Negli anni 80 compaiono un gioco per Coleco ispirato al terzo film, e uno per Sega Master System che riprende i primi quattro film. Nel nuovo millennio escono Rocky e Rocky Legends, nel 2002 e nel 2004 per PlayStation 2, XBox (entrambi), Gamecube e Gameboy Advance (solo il primo). Recentemente, precisamente a inizio del 2007, è uscito Rocky Balboa, esclusivamente per PlayStation Portable e ispirato all'ultima pellicola. Questo gioco è identico a quelli precedenti, tranne per due nuovi personaggi: Rocky 2005 e Mason Dixon e una grafica stilizzata per la PlayStation Portable.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Creed (2016)
  2. ^ "'Fruitvale Station' Duo Ryan Coogler And Michael B. Jordan Team With Sly Stallone on MGM 'Rocky' Spinoff 'Creed'
  3. ^ [1]
  4. ^ (EN) Classifica incassi saghe, buzzfeed.com. URL consultato il 01-07-2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]