Clubber Lang

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Clubber Lang
Clubber Lang contro Rocky Balboa
Clubber Lang contro Rocky Balboa
Universo Rocky
Lingua orig. Inglese
Autore Sylvester Stallone
1ª app. in Rocky III
Ultima app. in Rocky III
Interpretato da Mr. T
Voce italiana Glauco Onorato
Sesso Maschio
Data di nascita 1953
Professione pugile
« Voglio sfidarlo per il titolo, se ha il fegato di incontrarmi sul ring o dovunque voglia lui! Tutta la mia vita l'ho dedicata alla conquista del titolo, a questo e nient'altro! Io vivo da solo, mi alleno da solo e vincerò il titolo da solo! Non può evitarmi sempre, non può continuare a nascondersi! »
(Clubber Lang ai giornalisti)

James "Clubber" Lang è un personaggio cinematografico interpretato da Laurence Tureaud. Clubber Lang è apparso nel terzo film della fortunata serie di Rocky e il suo personaggio è ispirato al leggendario pugile George Foreman anche se per il suo stile di combattimento e per il suo comportamento dentro e fuori dal ring. Lang combatte sul ring puntando soprattutto su forza e brutalità; il suo punto debole è però la resistenza, e sarà proprio questa pecca che gli farà perdere l'ultimo incontro per il titolo dei pesi massimi. Lang compare anche in alcuni spezzoni di archivio in Rocky IV, Rocky V e in Rocky Balboa.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Rocky III.

Allenamento[modifica | modifica sorgente]

Clubber è un pugile dilettante di Chicago che col tempo diviene famoso per la sua brutalità e forza sul ring. Si allena nel proprio appartamento, attrezzato per somigliare ad una palestra, e utilizza ogni oggetto e/o attrezzo possibile per allenarsi; i suoi allenamenti si incentrano soprattutto sul rafforzamento del tono muscolare e sulla portata dei colpi tralasciando però la resistenza.

Presa del titolo[modifica | modifica sorgente]

L'allenatore di Rocky, Mickey, è presente ad alcuni incontri del pugile, e si convince della sua superiorità su Rocky. I due pugili si scontrano per la prima volta durante un discorso pubblico di Rocky, in cui quest'ultimo dichiara il suo ritiro dal mondo della boxe; Lang, presente al discorso, insulta sia Rocky che Mickey; quando però infastidisce anche Adriana, Rocky si decide a combattere contro di lui. Mickey dice a Rocky di aver visto la brutalità e la ferocia di Clubber e in virtù di queste e del fatto che Rocky ormai non ha più fame di vittorie è sicuro della sconfitta del pupillo; Rocky, però, supplica Mickey di allenarlo ancora una volta, e l'anziano manager accetta. Rocky, però, non si allena a dovere ne con la giusta serietà, mentre Clubber, che finalmente ha l'opportunità di combattere per il titolo, si allena in modo tremendamente serio. Prima del fatidico match per il titolo dei pesi massimi, Lang e Balboa hanno un'accesa discussione negli spogliatoi; i giornalisti e le guardie di sicurezza li bloccano, ma Mickey, già debole di cuore, viene scaraventato al muro da Lang e si accascia al suolo. Prima dell'inizio del match, Apollo Creed, che funge da guest star, sale sul ring per parlare coi due pugili; quando va all'angolo di Lang viene anche lui provocato e insultato dallo sfidante. Inizia il primo round, e Rocky si tiene a debita distanza da Lang, mentre quest'ultimo incassa senza troppi problemi i colpi di Balboa. Dopo trenta secondi, però, Clubber si scatena mostrando la portata dei suoi colpi, che mettono Rocky in difficoltà. Nel secondo round, Rocky ha perso il controllo del match e, non tenendosi a distanza da Lang, viene massacrato da una serie di colpi e infine atterrato con un potente gancio. Rocky torna negli spogliatoi vinto e guarda morire il suo vecchio allenatore, mentre Lang festeggia sul ring il suo titolo.

La sconfitta[modifica | modifica sorgente]

Dopo essersi allenato con Apollo, Rocky sfida Lang per il titolo; il nuovo campione accetta, sicuro di infliggere un'ulteriore sconfitta al pugile italo-americano. Prima dell'inizio del match, sul ring scatta quasi la rissa tra Apollo e Clubber, ma il personale ferma i due. Nel primo round, Clubber non riesce a colpire Rocky, molto agile nei suoi movimenti in pieno stile Creed; all'inizio del secondo round si ripresenta la medesima situazione della precedente ripresa, ma Clubber approfitta di un avvicinamento di Balboa per iniziare a colpirlo. Al termine del round il pugile italo-americano nota il "fiatone" di Lang e quindi lo lascia colpire, pur soffrendo per la notevole potenza. Nel terzo round, Clubber è sicuro di sé e si concentra sulla sua potenza, consumando però molta energia; Rocky sta per cedere a causa dei colpi di Lang, ma riesce a liberarsi da una presa di quest'ultimo e inizia a colpirlo furiosamente. Clubber fallisce molti tentativi d'offesa e dopo alcuni minuti di incasso cade a terra sfinito.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]