Ray Austin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ray Austin, al secolo Raymond Austin conosciuto anche con lo pseudonimo di Ray Austen o con il titolo nobiliare di Barone DeVere-Austin di Delvin (Londra, Inghilterra, 5 dicembre 1932), è un regista, produttore televisivo, attore, stunt man e scrittore britannico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Austin ha studiato al Brighton College.[1]

Egli è sposato dal 1984 con la scrittrice di romanzi Wendy DeVere Knight-Bisley con la quale dalla fine degli anni '80 si è trasferito permanentemente nella loro casa a Fox Haven, Charlottesville, nelle campagne della Virginia[1] e inoltre hanno un'altra residenza a Bath in Inghilterra.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ray Austin ha lavorato come regista per episodi di oltre 50 serie diverse tra il 1968 e il 1998, ma è una curiosità il fatto di come lui nella sua carriera abbia fatto i lavori più umili come ad esempio l'autista di Cary Grant.[2]

Egli ha cominciato la sua carriera come stuntman in alcuni film come Intrigo internazionale (1959) e Spartacus (1960). Successivamente è stato coordinatore degli stuntman tra il 1965 e il 1967 per 50 episodi della serie Agente speciale, ma fu coinvolto come regista della seconda unità per la serie televisiva Tris d'assi. Successivamente egli divenne regista a tutti gli effetti. Forse per le sue basi professionali come stuntman, il suo stile di regia è molto visuale e fisico con grande quantità di movimento. Nel 1967 lui era uno degli stuntman più pagati al mondo.

Il suo lavoro come regista per la televisione include episodi di Agente speciale (1968), Il mio amico fantasma (1969-1970) e Spazio 1999, Gli infallibili tre (1976-1977) e Visitors (1984). Egli ha anche diretto diversi film televisivi, incluso Organizzazione U.N.C.L.E. (1983). Insolitamente per un regista televisivo, egli ha lavorato estensivamente sia negli Stati Uniti che nel Regno Unito. Egli ha diretto gli episodi pilota per molti spettacoli televisivi.

Austin ha diretto una manciata di film, Messe nere per le vergini svedesi (1972) e il film fantascientifico House of the Living Dead (1973). Egli ha girato quarantanove degli ottontatotto episodi di Zorro girati a Madrid, in Spagna tra il 1989 e il 1992 per il canale televisivo americano ABC Family.

Austin tenne lezioni su cinema e televisione anche alla Università della California di Los Angeles, alla LA Actors Play House e alla London Film School[1]

Nell'ottobre del 2009 fu accusato di aver rubato "numerosi oggetti" tra cui statue in ghisa di Humpty Dumpty, un cane e una testa di cavallo (valutati nell'insieme un totale di $ 740.52) dal centro commerciale di Antiquer a Ruckersville, in Virginia.[3] Riconosciuto colpevole di piccolo furto gli fu data una pena, sospesa, di sei mesi di carcere e una multa di $1.000.[4]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • The Eagle Heist
  • Dead Again
  • Your Turn To Die
  • Find Me A Spy
  • Catch Me A Traitor

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

Serie TV[modifica | modifica wikitesto]

Controfigura[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

Serie TV[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Serie TV[modifica | modifica wikitesto]

Regia[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

Film TV[modifica | modifica wikitesto]

Serie TV[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatura[modifica | modifica wikitesto]

Serie TV[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) http://raymondaustin.com/ Home Page di Raymond Austin
  2. ^ http://www.imdb.com/name/nm0042500/ Ray Austin su Internet Movie Database
  3. ^ (EN) Baron charged with stealing Greene antiques in The Daily Progress, 31 ottobre 2009. URL consultato il 2 febbraio 2013.
  4. ^ (EN) Baron convicted of stealing from antique mall in The Daily Progress, 4 febbraio 2010. URL consultato il 2 febbraio 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 76510276

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie