Rashard Lewis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rashard Lewis
Rashard Lewis Wizards 2.jpg
Lewis con la maglia dei Washington Wizards
Dati biografici
Nome Rashard Quovon Lewis
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 208 cm
Peso 104 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Ala grande
Squadra No flag.svg Free agent
Carriera
Giovanili
Alief Elsik High School
Squadre di club
1998-2007 Seattle S.Sonics Seattle S.Sonics 617
2007-2010 Orlando Magic Orlando Magic 257
2010-2012 Wash. Wizards Wash. Wizards 60
2012-2014 Miami Heat Miami Heat 115
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 22 luglio 2014

Rashard Quovon Lewis (Pineville, 8 agosto 1979) è un cestista statunitense.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Fu scelto nel draft del 1998 dai Seattle Supersonics, nei quali ha giocato per ben nove anni. Dal 2000 è diventato la stella della squadra, riuscendo ad avere sempre medie ottime. Nel 2002-03 ha realizzato 18,1 punti ed ha catturato 6,5 rimbalzi a partita, mentre nel 2006-07 ha realizzato 22,4 punti a partita con 6,6 rimbalzi. Alla fine della stagione 2006-07 si è trasferito agli Orlando Magic, firmando un contratto di cinque anni per circa 80 milioni di dollari.

Nell'agosto 2009 viene sospeso per 10 partite in seguito alla positività a un test antidoping[1].

Nel dicembre 2010 viene ceduto ai Washington Wizards in cambio di Gilbert Arenas. Nel giugno 2012 viene ceduto ai New Orleans Hornets insieme alla 46ª scelta del draft 2012 in cambio di Trevor Ariza ed Emeka Okafor.

Il 30 giugno viene tagliato. Il 10 luglio passa ai Miami Heat scegliendo la casacca numero 9. In stagione gli Heat riescono a vincere 27 gare di fila, diventando così la seconda franchigia con la serie positiva più lunga della storia. La franchigia di Miami arriva prima in Regular season (66-16), e ai NBA playoffs supera prima i Milwaukee Bucks (4-0), poi i Chicago Bulls orfani di Derrick Rose, e in finale di conferece gli Indiana Pacers di Paul George e arriva alle finals contro i San Antonio Spurs. Miami e San Antonio danno il via ad una combattutissima serie che porta sino a gara 7 dove Miami bisserà il titolo battendo gli Spurs 95-88. Per Lewis è il primo anello NBA.

Il 15 luglio 2014 firma un contratto annuale al minimo salariale con i Dallas Mavericks, salvo poi essere rescisso pochi giorni dopo a causa di un'operazione chirurgica dello stesso Lewis.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Miami Heat: 2013

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ espn.go.com

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]