Polygonum aviculare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Correggiola
Polygonum aviculare flower.jpg
Polygonum aviculare
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Caryophyllidae
Ordine Polygonales
Famiglia Polygonaceae
Genere Polygonum
Specie P. aviculare
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Tricolpate basali
Ordine Caryophyllales
Famiglia Polygonaceae
Nomenclatura binomiale
Polygonum aviculare
L., 1753
Sinonimi
(Vedi testo)
Nomi comuni
(Vedi testo)

La Corregiola (Polygonum aviculare L., 1753) è una pianta di tipo arbustivo e strisciante della famiglia delle Polygonaceae.

Sistematica[modifica | modifica sorgente]

La famiglia di questo genere è mediamente numerosa (una cinquantina di generi per circa un migliaio di specie), mentre il genere Polygonum comprende diverse centinaia di specie, di cui almeno 25 circa sono spontanee della nostra flora.
Il Sistema Cronquist assegna la famiglia delle Polygonaceae all'ordine delle Polygonales mentre la moderna classificazione APG la colloca nell'ordine delle Caryophyllales. Sempre in base alla classificazione APG sono cambiati anche i livelli superiori (vedi tabella a destra).
Il genere di questa pianta appartiene alla sottofamiglia delle Polygoneae Rchb (1832) o Polygonoideae Eaton (1836) secondo altri autori, mentre all'interno del genere questa specie è inserita nella sezione denominata dal Fiori (Adriano Fiori, botanico italiano 1865 – 1950) Avicularia (caratterizzata dall'avere fiori in fascetti ascellari; foglie non più lunghe di 4 cm; con stipole guainanti a margine fimbriato ma non cigliato; i cotiledoni sono inoltre incombenti, ossia nel seme la “radicicola” poggia nel verso del cotiledone[1]).

Variabilità[modifica | modifica sorgente]

La specie di questa scheda viene considerata complessa per i suoi caratteri morfologici variabili ed è anche controversa tra i vari botanici; infatti è polimorfica sia nel portamento che nella forma delle foglie, che nella lunghezza degli internodi (le piante gracili hanno internodi più lunghi e si presentano quindi più slanciate; quelle più densamente cespugliose hanno gli internodi più ravvicinati). In altre parole questa pianta è capace di adattarsi spontaneamente, ma in modo temporaneo, alle condizioni ambientali più disparate, per poi riprendere le usuali forme vegetative al ritorno delle normali condizioni. Ad esempio negli ambienti a carattere litorale le foglie sono più grassette (subsp. littorale). Sono presenti inoltre alcune strutture che rendono più facile l'impollinazione incrociata aumentando così la diversità della specie.
Studi recenti hanno dimostrato che il complesso delle sottospecie di questa pianta ha una comune origine allopoliploide[2]. Pignatti negli (anni ottanta) si lamentava che questo gruppo non avesse ricevuto ancora una soddisfacente trattazione sistematica e sospettava che più di qualche segnalazione di questa pianta poteva essere riferibile ad altre specie simili (vedi il paragrafo “Specie simili”). Probabilmente a tutt'oggi la situazione non è ancora cambiata; molti autori suddividono diversamente la specie base in diverse sottospecie, mentre altri considerano alcune sottospecie autonome e le portano a rango di specie.
Nell'elenco che segue sono indicate alcune varietà e sottospecie (l'elenco può non essere completo e alcuni nominativi sono considerati da altri autori dei sinonimi della specie principale o anche di altre specie):

  • Polygonum aviculare L. subsp. aequale Ascherson & Graebner (1913) (sinonimo = P. avivulare subsp. depressum)
  • Polygonum aviculare L. subsp. agrestinum (Jordan ex Boreau) Berher in L. Louis (1887)
  • Polygonum aviculare L. subsp. aviculare : è la specie più comune.
  • Polygonum aviculare L. subsp. bellardii (All.) Bonnier & Layens (1894) (sinonimo = Polygonum bellardii)
  • Polygonum aviculare L. subsp. boreale Lange (sinonimo = Polygonum boreale) : si trova solamente nel Nord America.
  • Polygonum aviculare L. subsp. buxiforme : sottospecie tipica della Groenlandia, Terranova e Labrador.
  • Polygonum aviculare L. subsp. calcatum (Lindman) Thell. (1913) (sinonimo = P. aviculare subsp. depressum)
  • Polygonum aviculare L. subsp. depressum (Meisn.) Arcang
  • Polygonum aviculare L. subsp. erectum Schübler & Martens (1834)
  • Polygonum aviculare L. subsp. heterophyllum (Lindman) Ascherson & Graebner (1913)
  • Polygonum aviculare L. subsp. humifusum (Jordan ex Boreau) Berher in L. Louis (1887)
  • Polygonum aviculare L. subsp. littorale (Link) Ball (1878)
  • Polygonum aviculare L. subsp. littorale H. Gross (1913)
  • Polygonum aviculare L. subsp. microspermum (Jordan ex Boreau) Berher in L. Louis (1887) (sinonimo = P. aviculare subsp. depressum)
  • Polygonum aviculare L. subsp. monspeliense (Pers.) Arcangeli (1882)
  • Polygonum aviculare L. subsp. nanum (Bory) Arcangeli (1882)
  • Polygonum aviculare L. subsp. neglectum (Besser) Arcangeli (1882)
  • Polygonum aviculare L. subsp. pulchellum (Loisel.) O. Bolòs & Vigo (sinonimo = Polygonum arenarium subsp. pulchellum)
  • Polygonum aviculare L. subsp. rectum Chrtek (1956)
  • Polygonum aviculare L. subsp. robertii (Loisel.) O. Bolòs & Vigo (1974) (sinonimo = Polygonum robertii)
  • Polygonum aviculare L. subsp. rurivagum (Jord ex Boreau) Berher – Poligono gracile: questa sottospecie in realtà nella maggioranza delle classificazioni viene considerata specie autonoma (vedi paragrafo “Specie simili”).
  • Polygonum aviculare L. var. angustissimum Meisn. (sinonimo = Polygonum bellardii)
  • Polygonum aviculare L. var. arenastrum (Jord. Es Boreau) Rouy (sinonimo = Polygonum arenastrum)
  • Polygonum aviculare L. var. bellardii (All.) Duby (1828) (sinonimo = Polygonum bellardii)
  • Polygonum aviculare L. var. calcatum (Lindman) Hylander (1945) (sinonimo = P. aviculare subsp. depressum)
  • Polygonum aviculare L. var. depressum Meisner in DC. (1856) (sinonimo = P. aviculare subsp. depressum)
  • Polygonum aviculare L. var. erectum (L.) Roth. Ex Meisn. (sinonimo = Polygonum erectum)
  • Polygonum aviculare L. var. heterophylum Muschei & Javeid (1986)
  • Polygonum aviculare L. var. humifusum (Jordan ex Boreau) Cariot & St-Lager (1889)
  • Polygonum aviculare L. var. littorale (Link) Mertens & Koch [(831) (sinonimo = Polygonum buxiforme)
  • Polygonum aviculare L. var. microspermum (Jordan ex Boreau) Cariot & St-Lager (1889) (sinonimo = P. aviculare subsp. depressum)
  • Polygonum aviculare L. var. minimum Murith (1810)
  • Polygonum aviculare L. var. monspeliense (Pers.) Ascherson (1866)
  • Polygonum aviculare L. var. neglectum (Besser) Nyman (1881)
  • Polygonum aviculare L. var. vegetum Ledeb.

Nomi comuni[modifica | modifica sorgente]

Elenco dei nomi più comuni italiani per la specie Polygonum aviculare :

  • Aviculare
  • Centimorbia
  • Erba correggiola
  • Erba dei cento nodi
  • Erba spaghetta
  • Poligono centinodia
  • Poligono degli uccelli
  • Porcellana selvatica

Sinonimi[modifica | modifica sorgente]

La specie di questa scheda, in altri testi, può essere chiamata con nomi diversi. L'elenco che segue indica alcuni tra i sinonimi più frequenti (se il sinonimo non è specificato, allora è da intendere come sinonmo la P. aviculare subsp. aviculare) :

  • Polygonum acetosellum Klokov (1927) (sinonimo = P. aviculare subsp. depressum)
  • Polygonum acmophyllum Gandoger (1882)
  • Polygonum aequale Lindman (1912) (sinonimo = P. aviculare subsp. depressum)
  • Polygonum agrestinum Jordan ex Boreau (1857)
  • Polygonum angustum Bellynck (1855)
  • Polygonum aphyllum Sennen & Elías in Sennen (1925), non Krocker (sinonimo = P. aviculare subsp. rurivagum)
  • Polygonum araricum Gandoger (1882)
  • Polygonum arenastrum Boreau (1857) (sinonimo = P. aviculare subsp. depressum)
  • Polygonum calcatum Lindman (1904) (sinonimo = P. aviculare subsp. depressum)
  • Polygonum centinodium Lam. (1779)
  • Polygonum chymophyllum Gandoger (1882)
  • Polygonum crispatum Gandoger (1876)
  • Polygonum deloynei Gandoger (1882)
  • Polygonum dissitiflorum Bianca (1858)
  • Polygonum elongatum Sennen & Elías in Sennen (1925), non Bluff & Fingerh. (sinonimo = P. aviculare subsp. rurivagum)
  • Polygonum erectum Roth (1783), non L.
  • Polygonum erythranthum Gandoger (1882)
  • Polygonum erythrellum Gandoger (1882)
  • Polygonum eterophyllum Lindman.
  • Polygonum flagellare Sprengel (1825)
  • Polygonum glaucochloros Gandoger (1882)
  • Polygonum gnidiifolium Gandoger (1882)
  • Polygonum gracile Guss. (1855), non Salisb.
  • Polygonum gussonei Todaro (1864) (sinonimo = P. aviculare subsp. depressum)
  • Polygonum heterophyllum Lindman (1912)
  • Polygonum humifusum Jordan ex Boreau (1857)
  • Polygonum hygrogenes Gandoger (1876)
  • Polygonum laënnecii Sennen (1925) (sinonimo = P. aviculare subsp. rurivagum)
  • Polygonum lapidicola Gandoger (1882)
  • Polygonum leptocladum Gandoger (1882)
  • Polygonum ligerinum Gandoger (1876)
  • Polygonum littorale Link (1821)
  • Polygonum martinii Gandoger (1882)
  • Polygonum martinii Gandoger (1882)
  • Polygonum monspeliense Pers. (1805)
  • Polygonum montivagum Gandoger (1882)
  • Polygonum myriocladum Gandoger (1882)
  • Polygonum nanetanum Gandoger (1876)
  • Polygonum nanum Bory (1820)
  • Polygonum neglectum Besser (1821)
  • Polygonum orogenes Gandoger (1882)
  • Polygonum pallens Gandoger (1876)
  • Polygonum phyllophorum Gandoger (1882)
  • Polygonum pictaviense Gandoger (1882)
  • Polygonum pleianthum Gandoger (1882)
  • Polygonum procumbens Gilib. (1792) (sinonimo = P. aviculare subsp. depressum)
  • Polygonum propinquum Ledeb. (1850) (sinonimo = P. aviculare subsp. depressum)
  • Polygonum provinciale C. Koch (1849)
  • Polygonum pycnophyllum Gandoger (1882) (sinonimo = P. aviculare subsp. depressum)
  • Polygonum rhodanense Gandoger (1882)
  • Polygonum rurivagum Jordan ex Boreau (1857) (sinonimo = P. aviculare subsp. rurivagum)
  • Polygonum sclerophaeum Gandoger (1882)
  • Polygonum stricticaule Gandoger (1876)
  • Polygonum telonense Gandoger (1882)

Specie simili[modifica | modifica sorgente]

Per meglio comprendere la sezione Avicularia (vedi paragrafo “Sistematica”) ed individuare le varie specie simili alla specie aviculare, l'elenco che segue utilizza in parte il sistema delle chiavi analitiche. In particolare le piante qui sotto elencate appartengono al “Gruppo di P. aviculare[3]:

  • Gruppo 1A : i semi sono rugosi, opachi e non superano il perianzio (su questo termine vedere le note relative al paragrafo “Fiori”);
  • Gruppo 2A : il tubo del perianzio è lungo; le foglie sia inferiori che superiori sono indistinguibili come dimensioni;
  • Polygonum arenastrum Boreau – Poligono dei sabbioni: differisce soprattutto per le foglie che sono tutte uguali come dimensioni; mentre il tubo del perianzio è lungo la metà dei suoi segmenti.
  • Gruppo 2B : il tubo del perianzio è brevissimo; le foglie lungo il fusto sono progressivamente più piccole verso l'alto;
  • Polygonum rurivagum Boreau (1857) (sinonimo = Polygonum aviculare L. subsp. rurivagum (Jord ex Boreau) Berher) – Poligono campagnolo: le foglie maggiori sono larghe fino a 4 mm; il portamento di questa specie è (come dice il nome) più gracile della specie aviculare; gli internodi (distanza tra foglie e foglie) sono più lunghi; mentre le foglie sono lanceolate – lineari con evidenti nervature longitudinali; il perianzio è più breve e i vari segmenti sono ben separati (non sovrapposti).
  • Polygonum aviculare : le foglie maggiori sono più larghe di 4 mm (da 5 a 18 mm); i segmenti del perianzio si sovrappongono (almeno in parte);
  • Gruppo 1B : i semi sono lisci e lucidi e in lunghezza superano il perianzio;


A volte la specie Polygonum aviculare può essere confusa anche con le specie come Polygonum minus, Polygonum mite e Poligonum persicaria; in realtà le tre specie citate hanno un portamento più eretto (meno strisciante) e l'infiorescenza è più simile ad una spiga con fiori molto più minuti.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il nome del genere è stato formato da Linneo nell’anno 1737 coniugando le parole di due radici greche: polys (= molto) e gonu (= nodo o ginocchio), alludendo all’aspetto dei numerosi nodi (internodi) che si formano lungo il fusto delle sue specie.
Ma secondo altre ricerche etimologiche sembra che il nome del genere, nella seconda parte, derivi dalla parola greca gònos (= discendenza); e quindi formando, insieme alla prima parte, la frase “tanta discendenza”, si allude alla facilità di propagazione delle piante di questa specie.
Il nome specifico (aviculare) indica che gli uccelli si nutrono dei frutti e dei semi di queste piante.
Gli inglesi chiamano questa pianta Knotweed ma anche Knotgrass; i francesi la chiamano Renouée des oiseaux; i tedeschi la chiamano Vogel-Knöterich.

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

Descrizione delle parti della pianta

Il primo carattere che si osserva in questa pianta è la sua disposizione, piatta e omogenea, sul terreno. La forma biologica infatti è terofita reptante (T rept), ossia si tratta di una pianta a ciclo biologico annuo (raramente biennale) con fusti striscianti al livello del terreno.

Radici[modifica | modifica sorgente]

Questa pianta possiede una radice robusta tipo fittone a volte lignificata.

Fusto[modifica | modifica sorgente]

Portamento strisciante a raggiera

Il fusto può assumere diversi portamenti: da quello strisciante (con apertura a raggiera) a quello prostrato-ascendente fino a quello eretto (in terreni favorevoli possono elevarsi fino a 20 cm). In genere è molto ramificato con accentuazione della fogliosità verso l'alto. La sua superficie è glabra e striata, mentre la sezione è cilindrica. Alla base del fusto sono presenti delle stipole fuse insieme, inguainanti e tubolari (chiamate più propriamente “stipole ocreate”) di consistenza membranosa e colore rossastro e con 4 - 6 nervature (lunghezza 4 mm); queste ocree sono presenti anche alla base degli internodi ma hanno un colore più argentino e sono più lunghe (10 mm). La lunghezza del fusto può variare da 10 a 60 cm, ma in condizioni favorevoli si può formare un tappeto fino a 1,5 metri di diametro.

Foglie[modifica | modifica sorgente]

Questa è una specie polimorfica nella forma delle foglie (vedere il paragrafo “Variabilità”); in effetti in uno dei suoi sinonimi il termine specifico è eterophyllum che significa letteralmente “a foglie diverse”.
Le foglie del fusto principale sono disposte in modo alterno, sono sub-sessili (o con un piccolo picciolo); la forma è oblanceolato - spatolata o anche lanceolato – ovata; il margine è intero con superficie glabra (al massimo è presente una sottile peluria). Le foglie dei rami laterali sono di dimensioni progressivamente minori ed hanno una forma più decisamente lineare - ellittica; l'apice è acuto. Questa “diversità fogliare” è soprattutto evidente in giovane età della pianta. Il colore delle foglie è verde ma anche verde – bluastro e sono persistenti fino all'autunno ma scoloriscono e si rischiarano. Dimensione massima delle foglie maggiori: larghezza quasi 2 cm; lunghezza 4 cm.

Infiorescenza[modifica | modifica sorgente]

Infiorescenza all'ascella delle foglie

L'infiorescenza è composta da fiori raggruppati all'ascella delle foglie; generalmente questi gruppi vanno da 2 a 5 fiori e si trovano da metà fusto fino al termine di rami.

Fiori[modifica | modifica sorgente]

Il fiore

La struttura dei fiori di questa specie è diversa dal “classico” fiore delle Angiorsperme in quanto il calice e la corolla non sono ben differenziati; abbiamo quindi un perigonio con diversi tepali (e non un perianzio con un calice e i suoi sepali e una corolla con i suoi petali). Questa “diversità” non sempre è chiara e ben definita, o accettata dai vari botanici, per cui in alcuni casi strutture di questo tipo si definiscono come “perianzio corollino con tepali”[3] oppure “perianzio aciclico”[4]
I fiori sono ermafroditi, attinomorfi, pentameri e persistenti. Dimensione dei fiori: 1,8 – 5,5 mm; dimensione del perigonio : 3 – 4 mm.

* P 5, A 8, G 3[5]
  • Perigonio: i tepali sono 5 e di sopra sono rosati, verdastri e bianchi (mentre la parte inferiore è completamente verde); la forma è triangolare quasi ellittica; i segmenti sono lunghi da 3 a 4 volte il tubo “corollino” (parte inferiore del perigonio a tepali riuniti).
  • Androceo: gli stami sono 5 – 8 disposti a spirale; non sporgono dal fiore in quanto i filamenti sono più corti dei tepali; le antere sono rotondeggianti.
  • Gineceo: gli stili (brevi) sono 3 su un ovario supero sincarpico formato da tre carpelli.
  • Fioritura: la fioritura avviene fra maggio e novembre; mentre i semi maturano da settembre a novembre.
  • Impollinazione: l'impollinazione avviene tramite insetti.

Frutti[modifica | modifica sorgente]

I frutti sono degli acheni piriforme (a forma di fiamma) ad un solo loculo e quindi un solo seme; la sezione dei frutti è triangolare (sono trigoni) e sono appuntiti all'apice, mentre alla base sono arrotondati; le tre facce sono lievemente concave. Il frutto rimane racchiuso nei tepali che sono persistenti. Questa pianta si riproduce solamente attraverso i semi. Dimensione dei frutti: 2 – 3,5 mm.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

  • Geoelemento: l 'area di origine di questa pianta è sconosciuta in quanto è diffusa in tutto il mondo, per cui il tipo corologico è indicato come Cosmop. (“Cosmopolita”). In effetti la presenza di questa pianta sul globo è antichissima: sono state trovate tracce fossili nei giacimenti del terziario in Europa (un arco di tempo che va da 65 milioni di anni fa ad oggi). Altre classificazioni[6] cercano di definire in modo più specifico il tipo corologico definendolo: Eurasiat. | Nord-Am. (-Subcosmop.).
  • Diffusione: in Italia è presente su tutto il territorio (manca nelle pianure alluvionali come la Pianura Padana), come anche è comune in tutta l'Europa e nel resto del mondo.
  • Habitat: l'habitat tipico per questa pianta sono i bordi dei sentieri o strade, zone di calpestio e antropizzate, ma anche fossi e zone a macerie oppure campi, colture e incolti. Sopporta bene la siccità e cresce anche in terreni compatti e duri. Il substrato per questa pianta è sia calcareo che siliceo, con pH neutro ma bisognoso di terreni con buoni livelli nutrizionali.
  • Diffusione altitudinale: la fasce vegetazionali frequentate da questa pianta sono (oltre al piano a livello zero) la fascia collinare, quella montana e in parte quella subalpina fino a 1800 – 2000 m s.l.m..

Fitosociologia[modifica | modifica sorgente]

Dal punto di vista fitosociologico la specie di questa scheda appartiene alla seguente comunità vegetale:

Formazione : comunità terofitiche pioniere nitrofile
Classe : Stellarietea mediae
Ordine : Polygono aviculari – Poetalia annuae

Usi[modifica | modifica sorgente]

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Farmacia[modifica | modifica sorgente]

  • Sostanze presenti: tannini (tiamina), acido silicico, acido ossalico, mucillagini varie e flavonoidi (riboflavina).
  • Proprietà curative: nell'ambito della medicina popolare questa pianta viene considerata per le sue proprietà cardiotoniche (regola la frequenza cardiaca), vasocostrittrici (restringe i vasi sanguigni aumentandone la pressione), diuretiche (facilita il rilascio dell'urina), emetiche (utile in caso di avvelenamento in quanto provoca il vomito), vermifughe (elimina i vermi intestinali), antiflogistiche (guarisce dagli stati infiammatori), vulnerarie (guarisce le ferite), espettorante (favorisce l'espulsione delle secrezioni bronchiali).
  • Parti usate: foglie e semi (non le radici).

Cucina[modifica | modifica sorgente]

Le parti commestibili di questa pianta sono le foglie e i semi in quanto contengono un albume farinoso. Con le foglie si possono preparare degli infusi.

Coltivazione[modifica | modifica sorgente]

È considerata pianta infestante in quanto disponendosi orizzontalmente si propaga su vaste aree ostacolando le coltivazioni di alcune piante alimentari come i cereali o le bietole; crea problemi anche alle aree a pascolo anche se cavalli, porci e altri animali domestici ricercano avidamente queste piante. È comunque una pianta mellifera.

Industria[modifica | modifica sorgente]

Dalle foglie si può produrre un colorante blu molto simile all'indaco. Il giallo e il verde si possono ottenere dalle parti inferiori della pianta[7].

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Giacomo Nicolini, Enciclopedia Botanica Motta. Volume terzo, Milano, Federico Motta Editore, 1960, pag. 390.
  • Sandro Pignatti, Flora d'Italia. Volume primo, Bologna, Edagricole, 1982, pag. 141, ISBN 88-506-2449-2.
  • AA.VV., Flora Alpina. Volume primo, Bologna, Zanichelli, 2004, pag. 366.
  • 1996 Alfio Musmarra, Dizionario di botanica, Bologna, Edagricole.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ 1996 Alfio Musmarra, Dizionario di botanica, Bologna, Edagricole.
  2. ^ Flora of North America. URL consultato il 24-11-2008.
  3. ^ a b Sandro Pignatti, Flora d'Italia, Bologna, Edagricole, 1982, ISBN 88-506-2449-2.
  4. ^ Giacomo Nicolini, Enciclopedia Botanica Motta, Milano, Federico Motta Editore, 1960.
  5. ^ Tavole di Botanica sistematica. URL consultato il 24-11-2008.
  6. ^ AA.VV., Flora Alpina, Bologna, Zanichelli, 2004.
  7. ^ Plants For A Future. URL consultato il 24-11-2008.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica