Pier Carpi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pier Carpi

Pier Carpi (Scandiano, 16 gennaio 1940Viadana, 26 giugno 2000) è stato un fumettista, scrittore e regista italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Arnaldo Piero Carpi, dopo il liceo artistico, collaborò al quotidiano Gazzetta di Parma, fondò il CNIG (Centro Nazionale Iniziative Giovanili) e negli anni Sessanta fece parte del giornale satirico Bertoldo, edito da Gino Sansoni. Si dedicò poi ai fumetti scrivendo sceneggiature per Topolino (dal 1963), Superman, Batman, I Naufraghi, Lancillotto, Bob Lance, Zakimort, Teddy Bob, Boy, Brancaleone, l'Agente senza Nome, Kolosso, I Serpenti, Uranella, Jessica e molti altri personaggi. Alcuni di questi pocket - fra cui Zakimort - li scrisse in tandem con lo sceneggiatore Michele Gazzarri.

Curò rubriche e disegna vignette umoristiche per e il Giallo Mondadori, Segretissimo e Settimana Radio TV.

Nel 1970 fondò e diresse la rivista Horror con Alfredo Castelli, per la quale - oltre che scrivere storie sperimentali e colte in gran parte disegnate da Sergio Zaniboni - creò le strips Beatrice e Alice, entrambe ad opera grafica di Marco Rostagno. Diresse inoltre la collana Il romanzo di Diabolik. Adattò una versione a fumetti di Pinocchio illustrata da Giovanni Manca. Per la Sugar ideò la collana L'Olimpo dei Fumetti. Nel 1969 ricevé lo Yellow Kid come migliore autore. Nel 1990 tornò al fumetto scrivendo qualche sceneggiatura di Martin Mystère e Zona X.

Per le Éditions Lug di Lione, casa editrice di Marcel Navarro, produsse sceneggiature di Bob Lance, Dick Demon, Morgane, Sibilla.

Tra i disegnatori che hanno disegnato suoi testi, figurano: Giorgio Montorio, Carlo Peroni, Antonio Toldo, Giancarlo Alessandrini, Luciano Bernasconi, Pini Segna, Flavio Bozzoli, Pietro Gamba, Emilio Uberti, Annibale Casabianca, Sergio Tuis e vari artisti della Disney Italia.

Come scrittore debuttò con La morte facile (1964); seguirono moltissimi libri tra cui Storia della magia, Il mistero di Sherlock Holmes e Le società segrete (1968), Cagliostro il taumaturgo (1972), I mercanti dell'occulto (1973), Un'Ombra nell'Ombra, Rasputin (1975), Le profezie di Papa Giovanni XXIII (1976), Palazzo d´Estate (1978), La Banda Kennedy (1980; nuova edizione nel 1990), Il caso Gelli (1982), Il diavolo (1988), Il venerabile (1993), Gesù contro Cristo (1997).

Diresse due film tratti dai suoi libri, Povero Cristo e Un'ombra nell'ombra. Per il teatro realizzò il dramma religioso L'abbraccio (premio Festival dei Due Mondi di Spoleto), seguito da Il Papa in vacanza e Mandrake a Dallas.

Nella sua carriera ha vinto vari premi come quello internazionale di giornalismo, l'Hans Cristian Andersen per la fiaba, il premio Carlomagno di Aquisgrana, il Bancarella e il Bancarellino, il premio Carlo Alberto Dalla Chiesa e il premio J. L. Borges. Per il cinema è stato selezionato alla Biennale di Venezia e al Festival di Cannes.

Nel 2003 Editoriale Mercury ripubblicò Zakimort in volume cartonato.

La moglie è la scrittrice Franca Bigliardi, premio L'Espresso 1987 con il racconto Il ventre di Maria da cui fu tratto l'omonimo film con la regia di Memè Perlini uscito nel 1993.

È determinante la sua collaborazione con le sorelle Giussani per la creazione di Diabolik e per la scelta del personaggio (scrive alcune sceneggiature dei primi numeri) dato che tale scelta doveva cadere su due proposte, una delle quali era Diabolicus. Suo sarà il "Romanzo di Diabolik" in edicola nel 1969 per i tipi di Sansoni e dirigerà la collana .

Dal suo libro "Cagliostro il Taumaturgo" fu tratto l'omonimo film con la sua sceneggiatura.

Il suo nome era tra quelli rinvenuti nella lista degli appartenenti alla loggia P2 (Reggio Emilia 14). Nel 1983 rilasciò un'intervista al giornalista Enzo Biagi nella quale parlò del suo rapporto con il venerabile maestro della loggia Licio Gelli.[1]

Aderente alla Società Teosofica, fu in buoni rapporti con Edoardo Bratina, Segretario Generale della Società Teosofica Italiana dal 1974 al 1995. Carpi dette vita all’inizio degli Anni Novanta ad un Gruppo Teosofico, da lui presieduto, che aveva sede a Reggio Emilia, in Via S. Ilario d’Enza.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Enzo Biagi intervista Pier Carpi

Pubblicazioni[modifica | modifica sorgente]

  • Storia della magia, Sansoni ca. 1968
  • Il mistero di Sherlock Holmes, Sansoni ca. 1968
  • Le società segrete, Radar 1968
  • Cagliostro il taumaturgo, MEB 1972 (poi, per lo stesso editore, nuove edizioni nel 1975 e 1979)
  • I mercanti dell'occulto, Armenia 1973
  • Abracadabra", Campirone Editore 1974
  • Un'Ombra nell'Ombra, Nord ca. 1974
  • Rasputin, ultimo profeta, Campironi 1974
  • Le profezie di papa Giovanni: la storia dell'umanità dal 1935 al 2033, Edizioni mediterranee 1976
  • Identikiller, Città armoniosa 1978
  • Nel palazzo d'estate quella notte Adolf Hitler strangolò Jacqueline Kennedy, Corno 1978
  • Testimoni del mistero : storie e dialoghi di magia interpretati da Agatha Christie, Giorgio Strehler, Irene Papas, Felix Jussupoff, Giuliana d'Olanda, Walt Disney, Rusconi 1979
  • La Banda Kennedy, Centroedizioni 1980 (poi nuova edizione, Gribaudo ca.1992)
  • Il caso Gelli: la verità sulla loggia P2, parla Licio Gelli con documenti inediti, i.n.e.i. 1982
  • Il diavolo: i riti, i sabba, gli esorcismi, tutti i segreti e i patti satanici, Editoriale Albero 1988
  • Il venerabile, Gribaudo e Zarotti ca. 1993
  • Gesù contro Cristo: tra magia e mistero, il romanzo che svela i segreti del Vangelo, Simonelli 1997

Fonti[modifica | modifica sorgente]

  • Pier Carpi, "Il caso Gelli: la verità sulla loggia P2, parla Licio Gelli con documenti inediti", Fumetti d'Italia, i.n.e.i. 1982
  • Pier Carpi, Il Venerabile, Gribaudo e Zarotti, 1993
  • Pier Carpi, Salvatore Vaglica