Martha Argerich

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Martha Argerich nel 1962
Premio Premio Imperiale 2005

Martha Argerich (Buenos Aires, 5 giugno 1941) è una pianista argentina.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Martha Argerich ha iniziato gli studi con la madre, insegnante di pianoforte, e dai cinque ai quindici anni si è formata con il pianista crotonese Vincenzo Scaramuzza. Ha debuttato in concerto all'età di otto anni, eseguendo il Concerto per pianoforte e orchestra n. 1 in do maggiore Op. 15 di Ludwig van Beethoven al Teatro Astral di Buenos Aires e nel 1952 si esibì al Teatro Colón. Trasferitasi in Europa con la famiglia nel 1955, studiò in Svizzera con Friedrich Gulda. Ha seguito inoltre i corsi di perfezionamento di Arturo Benedetti Michelangeli ad Arezzo e Moncalieri, nel 1960, con il quale in realtà fece solo quattro ore di lezione. Benedetti Michelangeli sosteneva di averle insegnato "la musica del silenzio".[1][2]

Nel 1957, a soli 16 anni e nel giro di poche settimane, vinse due importanti premi - il concorso Ferruccio Busoni di Bolzano e il concorso pianistico di Ginevra - dai quali la sua carriera di pianista ha ricevuto una spinta importante.

Le sue prime registrazioni discografiche di alcuni capolavori quali la Toccata op. 11 di Sergej Prokofiev e la sesta Rapsodia ungherese di Franz Liszt, effettuate dal vivo nel 1957 a Bolzano e a Ginevra, rimangono pietre miliari per queste opere.

Una tappa fondamentale nella carriera artistica della Argerich è la conquista del primo premio al concorso Chopin, nel 1965 a Varsavia. Nello stesso anno la pianista registrò lavori di Fryderyk Chopin, Johannes Brahms, Maurice Ravel, Prokofiev e Liszt. Pochi anni dopo incise la Sonata n. 3 op. 58 e la Polacca op. 53 di Chopin.

In possesso di una tecnica straordinaria e mossa al confronto con Vladimir Horowitz, eccelle soprattutto nell'esecuzione delle ottave, a velocità portentosa, nel controllo delle dinamiche, nella fluidità dell'articolazione e delle note ribattute.

Fin dai primi anni della sua carriera ha anche accompagnato altri strumentisti, in sonate o musica da camera. È particolarmente famosa per le incisioni dei capolavori del XX secolo di compositori quali Sergej Rachmaninov, Olivier Messiaen, Sergej Prokofiev e Maurice Ravel; memorabili le sue esecuzioni del terzo concerto per pianoforte di Rachmaninov, del primo di Čajkovskij ,del Concerto per pianoforte e orchestra in sol maggiore di Ravel e del Concerto per pianoforte e orchestra in do maggiore op. 26 di Prokofieff.

Al Teatro alla Scala di Milano nel 1959 esegue il Concerto per pianoforte e orchestra n. 20 di Mozart, nel 1978 il Concerto n. 1 in mi minore, op. 11 di Fryderyk Chopin diretta da Zubin Mehta, nel 1979 4 Sonate di Beethoven con Salvatore Accardo, nel 1981 due concerti con Mischa Maisky, nel 1991 tre Sonate di Beethoven con Maisky e nel 1994 il Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 (Beethoven) con la Deutsches Symphonie Orchester Berlin diretta da Vladimir Ashkenazy.

Nel 1973 esegue il Concerto per pianoforte e orchestra in sol maggiore di Ravel diretta da Georges Prêtre al Teatro Grande (Brescia), alla Chiesa degli Eremitani di Padova, al Teatro Comunale (Treviso) e al Teatro La Fenice..

Si è sposata tre volte: con Robert Chen, Charles Dutoit (1969-1973), e Stephen Kovacevich. Da ciascuna unione è nata una figlia: Lyda Chen[3], Anne Catherine (Annie) Dutoit e Stéphanie Argerich.

Il Progetto Martha Argerich[modifica | modifica sorgente]

La Argerich è stata instancabile nel promuovere la formazione di giovani pianisti (si ricordino, tra gli altri, Gabriele Baldocci, Mauricio Vallina, Sergio Tiempo, Polina Leschenko), per mezzo dei suoi festival annuali a Lugano (Progetto Martha Argerich): "una settimana di ininterrotto bagno di musica per esecutori e pubblico, lasciando carta bianca a una concertista fra le più grandi del nostro tempo. Con un modo di suonare molto particolare, pieno di intuizioni e soluzioni ogni volta originali, che fanno parlare del suo pianismo come di qualcosa di adolescenziale."[4], Beppu (Giappone) e Buenos Aires, e di compositori emergenti (Giovanni Sollima, Roberto Carnevale, George Benjamin).

La cittadinanza onoraria di Lugano[modifica | modifica sorgente]

In virtù dei suoi grandi meriti culturali il Municipio di Lugano il 23 giugno 2010 ha conferito a Martha Argerich la cittadinanza onoraria[5].

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Commendatore Ordre des Arts et des Lettres - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore Ordre des Arts et des Lettres
— 2004
Cavaliere di IV Classe dell'Ordine del Sol Levante - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di IV Classe dell'Ordine del Sol Levante
— 2005
  • Praemium Imperiale 2005, Giappone
  • Premio Grammy come migliore esecuzione solista strumentale (con orchestra):
Claudio Abbado (direttore), Martha Argerich e l'orchestra da camera Mahler per: Beethoven, concerti per pianoforte No. 2 e 3 (2006)
Martha Argerich e Mikhail Pletnev per: Prokofiev (Arr. Pletnev), Suite Cenerentola per due pianoforti/Ravel: Ma Mere L'Oye (2005)
  • Premio Grammy come migliore esecuzione solista strumentale (con orchestra):
Charles Dutoit (direttore), Martha Argerich e l'Orchestra sinfonica di Montreal per: Prokofiev, concerti per pianoforte n. 1 e 3/Bartók: Concerto per pianoforte No. 3 (2000)

Discografia parziale[modifica | modifica sorgente]

  • Bach, Son. vlc. e pf. BWV 1027-1029 - Maisky/Argerich, Deutsche Grammophon
  • Bach, Toccata BWV 911/Part. n. 2 - Argerich, 1980 Deutsche Grammophon
  • Bartok Debussy Mozart, Son. 2 pf. e perc./Out doors/En blanc et noir/Andante K. 501 - Argerich/Kovacevich, 1977 Decca
  • Beethoven, Conc. pf. n. 1, 2 - Argerich/Sinopoli/PhO, Deutsche Grammophon
  • Beethoven, Conc. pf. n. 2, 3 - Argerich/Abbado/Mahler CO, 2000/2004 Deutsche Grammophon - Miglior interpretazione solista di musica classica con orchestra (Grammy) 2006
  • Brahms Schumann, Quart. archi n. 1/Fantasiestücke op.88 (trio pf.) - Argerich/Kremer/Bashmet/Maisky, 2002 Deutsche Grammophon
  • Chopin, Prel. n. 1-26/Barcarolle/Polacca Eroica/Scherzo n. 2 - Argerich, Deutsche Grammophon
  • Chopin, Prel. n. 1-26/Sonata per pf. n. 2 - Argerich, 1975/1977 Deutsche Grammophon
  • Chopin, Recital inediti RIAS & WDR 1959-1967 - Argerich, 1959/1967 Deutsche Grammophon
  • Chopin Liszt, Conc. pf. n. 1 - Argerich/Abbado/LSO, 1968 Deutsche Grammophon
  • Chopin Schumann, Son. vlc. e pf./Adagio op. 70 - Rostropovich/Argerich, 1980 Deutsche Grammophon
  • Great Pianists Of The 20th Century. Philips (456 700-2). Orchestra Sinfonica di Londra, Filarmonica di Berlino, Orchestra Sinfonica della Radio di Berlino. Direttori: Claudio Abbado, Riccardo Chailly.
    • Volume 2: Bach, Liszt, Ravel, Prokof'ev e Rachmaninov.
    • Volume 3: Chopin, Schumann e Liszt.
  • Collezione completa: assolo per piano: Chopin, Bach, Schumann, Liszt, Brahms, Ravel, Prokofiev. Due pianoforti: Tchaikovski, Rachmaninov. Concerti per pianoforte: Beethoven, Chopin, Tchaikovski, Schumann, Liszt, Prokofiev, Ravel. Philharmonia, National Symphony, Filarmonica Reale, Orchestra Sinfonica di Londra e Filarmonica di Berlino. Sinopoli, Rostropovich, Dutoit, Abbado. 11 Dischi editi dalla Deutsche Grammophon (453 566-2)
  • Chopin: Sonata in si minore. Mazurke, op. 59. nº 1-3. Scherzo in do diesis minore, op. 39. Polonaise in la bemolle maggiore, op. 53. Emi (7243 5 56805 2 5).
  • Chopin: Piano Concertos. Orchestra Sinfonica di Montreal. Direttore: Dutoit. Emi (7243-5-56798-2-6).
  • Shostakovich: Piano Concerto n. 1. Haydn: Piano Concerto. Orchestra da camera di Würtemberg. Direttore: Faerber. Deutsche Grammophon (439 8642).
  • Chopin: Piano Concerto nº 1. Scherzo nº 3. Filarmónica Nacional de Varsovia. Direttore: Rowicki, Laserlight (14 168).
  • Tchaikovski: Piano Concerto nº 1. Orchestra Sinfonica della Radio di Baviera. Kondraschin. Philips (446 673-2).
  • Ciaikovsky, Conc. pf. n. 1/Schiaccianoci - Argerich/Abbado/BPO/Economou, Deutsche Grammophon
  • Ciaikovsky Prokofiev, Conc. pf. n. 1/Conc. pf. n. 3 - Argerich/Dutoit/Abbado, Deutsche Grammophon
  • Ciaikovsky Rachmaninov, Conc. pf. n. 1/Conc. pf. n. 3 - Argerich/Kondrashin/Chailly, 1980/1982 Philips
  • Mozart, Conc. pf. n. 20, 25 (Live, Festival di Lucerna, marzo 2013) - Argerich/Abbado/Orch. Mozart, 2013 Deutsche Grammophon - sedicesima nella Classifica FIMI Album
  • Prokofiev Ravel, Conc. pf. n. 3/Conc. pf. - Argerich/Abbado/BP, 1967/1974 Deutsche Grammophon
  • Prokofiev Ravel, Cinderella Suite/Ma Mère L'Oye - Argerich/Pletnev – 2004 Deutsche Grammophon - Grammy Award for Best Chamber Music Performance 2005
  • Prokofiev Bartok, Piano Concertos No. 1 and 3/Piano Concerto No. 3 - Dutoit/Argerich/Orchestre symphonique de Montréal, 1998 EMI - Miglior interpretazione solista di musica classica con orchestra (Grammy) 2000
  • Rachmaninov, Conc. pf. n. 3/Suite n. 2 - Argerich/Chailly/Freire, 1982 Philips
  • Rachmaninov: Piano Concerto nº 3. Orchestra Sinfonica della Radio di Berlino. Direttore: Chailly.
  • Ravel, Conc. pf. n. 2/Gaspard/Sonat. - Argerich/Abbado/BP, Deutsche Grammophon
  • Schubert Schumann, Son. arpeggione/Fantasiestücke/Stücke im Volkston - Maisky/Argerich, 1984 Philips
  • Schumann: Piano Concerto in la min. Orchestra nazionale Francese, Direttore: Sergiu Celibidache. Artists Fed (012).
  • Schumann, Kinderszenen/Kreisleriana - Argerich, Deutsche Grammophon
  • Shostakovich Ciaikovsky, Trii con pf. - Argerich/Kremer/Maisky, 1998 Deutsche Grammophon
  • Shostakovich Haydn, Conc. pf. n. 1/Conc. pf. n. 11 - Argerich/Faerber, 1993 Deutsche Grammophon
  • Argerich, Beethoven/Poulenc/Mozart/ Schumann/Prokofiev/Liszt/Bartok/ Schubert/Brahms/Milhaud/Stravinsky - I concerti di Lugano - Deutsche Grammophon
  • Argerich, Debut recital - Chopin/Brahms/Liszt/Ravel - Deutsche Grammophon
  • Argerich, I concerti (1967-2004) - Argerich Collection vol. 2, Deutsche Grammophon
  • Argerich, L'arte di Martha Argerich (50 anni di collaborazione con DG) - 70º compleanno. Ed. limitata, 1960/2009 Deutsche Grammophon
  • Argerich, L'integrale delle registrazioni per duo con Kremer e Maisky - Argerich Collection vol. 5, 1985/2003 Deutsche Grammophon
  • Argerich, Le registrazioni Philips - Argerich Collection vol. 4, 1977/1987 Decca
  • Argerich, Le registrazioni solistiche (1960-1983) - Argerich Collection vol. 1, 1960/1983 Deutsche Grammophon
  • Argerich, Musica da camera - Argerich Collection vol. 3, 1983 Deutsche Grammophon
  • Argerich & Freire, Live in Salzburg (3 agosto 2009) - Argerich/Freire, Deutsche Grammophon

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Pianoforum - Martha Argerich Per Pianoforum!!!
  2. ^ Progetto Martha Argerich
  3. ^ Lyda Chen
  4. ^ Progetto Martha Argerich
  5. ^ Martha Argerich cittadina onoraria di Lugano

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 110790549 LCCN: n81125408