Mario Brugnera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mario Brugnera
Brugnera1.jpg
Brugnera con la maglia del Cagliari
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 170 cm
Peso 66 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante, centrocampista
Carriera
Giovanili
Nettuno Venezia
Squadre di club1
1963-1968 Fiorentina Fiorentina 71 (23)
1968-1974 Cagliari Cagliari 149 (19)
1974-1975 Bologna Bologna 5 (0)
1975-1982 Cagliari Cagliari 179 (14)
1982-1983 Carbonia Carbonia 18 (0)
Nazionale
1968 Italia Italia U-23 1 (0)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Mario Brugnera (Venezia, 26 febbraio 1946) è un ex calciatore italiano. Ha legato la sua carriera al Cagliari Calcio conquistando lo storico scudetto 1969-1970.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Cresciuto in una squadra dilettantistica veneziana (F.C. Nettuno Lido di Venezia), la sua carriera di calciatore professionista inizia nella Fiorentina (stagione 1963-1964) dove gioca da attaccante per 5 stagioni; è proprio qui che si guadagna il soprannome del "Piccolo Di Stefano" (71 presenze totali e 23 reti). Con la formazione viola vince una Coppa Italia e una Coppa Mitropa (con un suo gol), e perde una finale di Coppa Mitropa. Nella stagione 1966-1967 raggiunge il suo massimo di realizzazioni in campionato, con 13 reti all'attivo (fra cui una tripletta al Lanerossi Vicenza[1]), classificandosi al quinto posto fra i marcatori dietro Riva, Mazzola, Altafini ed Hamrin.

Nell'estate 1968 Brugnera passa al Cagliari, insieme ad Enrico Albertosi in cambio di Francesco Rizzo, legando alla formazione sarda tutto il resto della sua carriera, con l'eccezione della sfortunata stagione 1974-1975 disputata nelle file del Bologna (sole 5 presenze in campionato).

Brugnera è uno dei simboli del Cagliari di quegli anni: vede lo splendore della banda Scopigno e la caduta di quella magica squadra fino alla serie B, dovuta anche al prematuro ritiro di quel Riva che tanto ha dato al Cagliari e alla Sardegna.

Con il Cagliari giocherà 12 stagioni (arretrando progressivamente a centrocampo e poi in difesa, ricoprendo il ruolo di libero fino a fine carriera) e segnerà 20 reti in 227 presenze in serie A, e 13 reti in 101 presenze nei 3 anni di serie B tra il 1976-1977 e il 1978-1979 (stagione chiusa col ritorno in massima serie dei rossoblu).

È al 12º posto della classifica marcatori dei sardi insieme a Sergio Gori, noto come Bobo.

Nella stagione 1982-1983 termina la sua carriera nel Carbonia nel campionato di serie C2, girone A.

In carriera ha totalizzato complessivamente 304 presenze e 43 reti in Serie A e 101 presenze e 13 reti in Serie B.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Mai presente nella Nazionale maggiore. vanta una presenza nella Nazionale Under-23 (a Genova il 16-10-1968: Italia-Francia 0-1).

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Fiorentina: 1965-1966
Cagliari: 1969-1970

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Fiorentina: 1966

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Serie A 1966-1967 Rsssf.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]