Marco Claudio Marcello (console 166 a.C.)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marco Claudio Marcello
Roman SPQR banner.svg Console, Tribuno della plebe, pontefice.
Nome originale Marcus Claudius Marcellus
Gens Claudia
Padre Marco Claudio Marcello (console 196 a.C.)
Consolato 166 a.C.
155 a.C.
152 a.C.

Marco Claudio Marcello (in latino Marcus Claudius Marcellus; ... – ...) è stato un politico e militare romano, nipote del più famoso Marco Claudio Marcello, conquistatore di Siracusa.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Albero genealogico della familia romana con cognomen Marcello della gens Claudia

La prima notizia che abbiamo su di lui si riferisce al 177 a.C., quando divenne pontefice. Tribuno della plebe nel 171 a.C., nel 169 a.C. fu eletto pretore e fu incaricato dell’amministrazione delle province di Spagna Citeriore e Ulteriore. Durante la sua permanenza nella penisola spagnola, secondo la testimonianza di Strabone, fondò la città di Cordova. Poiché i resti archeologici mostrano che l’insediamento è ben più antico, dobbiamo pensare che si tratti di una rifondazione ad opera romana.

Nel 166 a.C. Marcello fu eletto per la prima volta console, come collega di Gaio Sulpicio Gallo. Durante questo primo consolato ottenne il trionfo per la vittoria su alcune tribù alpine di Galli. La vittoria sui Liguri gli valse un nuovo trionfo in occasione del suo secondo consolato, nel 155 a.C.

Nel 152 a.C. fu eletto per la terza volta console, insieme a Lucio Valerio Flacco, e fu incaricato di condurre la guerra in Spagna. Dopo avere ottenuto delle vittorie sui Celtiberi, agì con clemenza verso gli sconfitti, convincendo anche le altre tribù ancora indipendenti a consegnare ostaggi e a chiedere la pace, mandando ambasciatori a Roma. La politica di Marcello non piacque al senato romano, che lo sconfessò, dando mandato al nuovo console designato di continuare la guerra. Marcello tuttavia lo prevenne, ottenendo la completa resa dei Celtiberi prima del suo arrivo.

Nel 148 a.C. Marcello fu inviato come ambasciatore in Numidia, ma morì nel naufragio della nave che lo trasportava.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Console romano Successore Consul et lictores.png
Quinto Elio Peto
e
Marco Giunio Penno
(166 a.C.)
con Gaio Sulpicio Gallo
Gneo Ottavio
e
Tito Manlio Torquato
I
Lucio Cornelio Lentulo Lupo
e
Gaio Marcio Figulo II
(155 a.C.)
con Publio Cornelio Scipione Nasica Corculo II
Lucio Postumio Albino
e
Quinto Opimio
II
Quinto Fulvio Nobiliore
e
Tito Annio Lusco
(152 a.C.)
con Lucio Valerio Flacco
Aulo Postumio Albino
e
Lucio Licinio Lucullo
III