Manoscritti del Mar Morto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Il Rotolo dei Salmi con la sua trascrizione
La località del ritrovamento, nella Cisgiordania occupata, sulla sponda del Uadi di Qumran.

I Manoscritti del Mar Morto (o Rotoli del Mar Morto) sono un insieme di manoscritti rinvenuti nei pressi del Mar Morto. Di essi fanno parte varie raccolte di testi, tra cui i Manoscritti di Qumran, che ne costituiscono una delle parti più importanti. I rotoli del Mar Morto sono composti da circa 900 documenti, compresi testi della Bibbia ebraica, scoperti tra il 1947 e il 1956 in undici grotte dentro e intorno al Uadi di Qumran, vicino alle rovine dell'antico insediamento di Khirbet Qumran, sulla riva nord-occidentale del Mar Morto.

I testi sono di grande significato religioso e storico, in quanto comprendono alcune fra le più antiche copie superstiti note dei libri biblici e dei loro commenti, e conservano la testimonianza della fine del tardo giudaismo del Secondo Tempio. Essi sono scritti in ebraico, aramaico e greco, per lo più su pergamena, ma con alcuni scritti su papiro.[1] Tali manoscritti datano in genere tra il 150 a.C. e il 70 d.C.[2] I Rotoli sono comunemente associati all'antica setta ebraica detta degli Esseni.

I Rotoli del Mar Morto sono tradizionalmente divisi in tre gruppi: manoscritti "biblici" (copie di testi dalla Bibbia ebraica), che costituiscono circa il 40% dei rotoli identificati; manoscritti "apocrifi" o "pseudepigrafici" (documenti noti del periodo del Secondo Tempio, come Enoch, Giubilei, Tobia, Siracide, salmi non canonici, ecc. che non sono stati, in ultima analisi, canonizzati nella Bibbia ebraica, ma in qualche caso sono stati accettati dalla versione greca dei Settanta e/o utilizzati dalla tradizione rabbinica), che costituiscono circa il 30% dei rotoli identificati; e manoscritti "settari" (documenti precedentemente sconosciuti, che descrivono le norme e le credenze di un particolare gruppo o gruppi all'interno della maggioranza ebraica) come la Regola della Comunità, il Rotolo della guerra, commento (in ebraico פשר, pesher) ad Abacuc e la Regola della Benedizione, che costituiscono circa il 30% dei rotoli identificati.[3]

Fino al 1968 la maggior parte delle pergamene conosciute e dei frammenti sono stati custoditi nel Museo Rockefeller (già noto come Museo Archeologico della Palestina), a Gerusalemme. Dopo la guerra dei sei giorni, queste pergamene e frammenti sono stati spostati al Santuario del Libro, presso il Museo d'Israele, che tuttora ne conserva numerosi, mentre altri sono presso l'Istituto Orientale dell'Università di Chicago, al Seminario teologico di Princeton, all'Azusa Pacific University e nelle mani di collezionisti privati.

Frammenti dei rotoli in mostra al Museo archeologico di Amman

Manoscritti di Qumran[modifica | modifica sorgente]

I manoscritti di Qumran, detti anche rotoli di Qumran sono una serie di rotoli e frammenti trovati in undici grotte nell'area di Qumran.

Il loro ritrovamento è importante perché:

« [...] Per la prima volta potevamo avere un'intera gamma di composizioni religiose che sono arrivate a noi direttamente, assolutamente prive di ogni interferenza successiva. Visto che i testi sono stati conservati ai margini della vita convenzionale, ci hanno raggiunto prive delle restrizioni censorie. La censura ebraica ha soppresso la letteratura religiosa che non osservava l'ortodossia rabbinica; la censura Cristiana aveva assimilato alcune di queste opere, ma dopo averle modificate per i propri scopi. »
(Florentino García Martínez, Dead Sea Scrolls Translated pagina xlv)

Storia dei manoscritti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia dei manoscritti di Qumran.

I manoscritti sono stati scoperti nel 1947 in una grotta. Nel 1951 furono avviati gli scavi nelle zone circostanti il luogo della scoperta. Si trovarono altre dieci grotte contenenti manoscritti. Oggi i reperti sono conservati in parte nel Museo d'Israele e nel Museo Rockefeller, entrambi a Gerusalemme, in parte ad Amman, altri alla Biblioteca Nazionale di Parigi. Vari frammenti sono poi in possesso di istituzioni o di privati. Il Museo di Israele in collaborazione con Google ha provveduto a digitalizzare i manoscritti e a rilasciarli in rete nel 2011 su un apposito sito Digital Dead Sea Scrolls.

Importanza per il canone della Bibbia[modifica | modifica sorgente]

L'importanza dei rotoli è relativa al campo dell'ecdotica. Prima della scoperta dei rotoli del Mar Morto, i manoscritti più antichi della Bibbia in Ebraico erano nel testo masoretico del IX secolo, tra i quali troviamo il Codex Leningradensis. I manoscritti biblici trovati tra i rotoli del Mar Morto hanno spostato indietro la data fino al II secolo a.C. Prima di questa scoperta, i più antichi manoscritti esistenti del Vecchio Testamento erano in Greco antico, come ad esempio il Codex Vaticanus ed il Codex Sinaiticus. Nonostante pochi manoscritti trovati a Qumran differiscano molto dal testo masoretico, la maggior parte è identica.

Un esempio di differenze tra testo masoretico e Qumranico è la seguente tabella (Tov 2001) che si riferisce al libro di Isaia:

Tipi di differenze tra 1QIsa^b e Codex Leningradensis Numero
Ortografia 107
Aggiunta della congiunzione waw 16
Mancanza della congiunzione waw 13
Articoli (aggiunta/omissione) 4
Differenze nelle consonanti 10
Lettere mancanti 5
Differenze nei numeri 14
Differenze nei pronomi 6
Forme grammaticali diverse 24
Preposizioni diverse 9
Parole diverse 11
Parole omesse 11
Parole aggiunte 6
Sequenze diverse 4

La congiunzione waw, it. "e", serve per collegare parole, clausole o frasi.

Sulla base delle aggiunte a 1QIsa^a di ciò che costituisce Isaia 38:21-22 nel testo masoretico, è stato suggerito da alcuni studiosi che i due versi del testo masoretico ed altre testimonianze costituiscano una tarda aggiunta editoriale al libro. (cfr. Talmon 1976)

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Si dicono biblici tutti quei manoscritti che sono contenuti nei canoni del testo masoretico ebraico. Sono detti non biblici tutti gli altri.

Manoscritti biblici[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Manoscritti biblici di Qumran.

Sono state trovati frammenti di quasi tutti i libri trasmessi dal testo masoretico.

Manoscritti non biblici[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Manoscritti non biblici di Qumran.

Alcuni manoscritti non biblici contengono principi etici che si trovano nelle lettere di san Paolo o nei vangeli. Il metodo del carbonio-14 data i manoscritti del Mar Morto prima della stesura del Nuovo Testamento. Questo fa supporre, come sostiene lo stesso Vangelo (vedi ad esempio 5,17-19[4]), che il Nuovo Testamento sia una codifica di idee già presenti nella cultura ebraica. Il Nuovo Testamento ed i manoscritti del Mar Morto sarebbero quindi due diversi sviluppi di questo modo di pensare.[5]

Nomenclatura[modifica | modifica sorgente]

Le singole grotte nelle quali sono stati rinvenuti dei rotoli sono state enumerate da 1 a 11 nell'ordine cronologico della loro scoperta e contrassegnate con la lettera Q (Qumran), per distinguere i manoscritti ivi rinvenuti da quelli trovati altrove. Queste indicazioni di provenienza sono sempre seguite da una designazione relativa al contenuto del manoscritto, per lo più con le abbreviazioni abitualmente in uso nelle pubblicazioni scientifiche. Le sigle che identificano i manoscritti di Qumran, si presentano quindi in una forma che può essere, ad esempio, 1QIs in riferimento al rotolo con il testo del libro biblico di Isaia, scoperto nella grotta 1 del complesso di Qumran.

Nel caso in cui diversi manoscritti di una determinata opera provengano dalla stessa grotta, si usano per distinguerli, delle lettere collocate in posizione di apice. Così, ad esempio, i due rotoli di Isaia rinvenuti nella prima grotta vengono indicati con 1QIsa e 1QIsb

Lingua[modifica | modifica sorgente]

La grande maggioranza dei testi di Qumran è scritta in lingua ebraica e comprende tutti i manoscritti biblici del testo masoretico, ma un considerevole numero di essi è stato redatto in aramaico, una lingua strettamente connessa con l'ebraico e usata dalla maggioranza dagli ebrei di Palestina negli ultimi due secoli a.C. e nei primi secoli d.C. Ci sono anche pochi testi dell'Antico Testamento in greco, trovati nelle grotte 4 e 7.

Datazione[modifica | modifica sorgente]

La datazione dei rotoli va dal III secolo a.C. al I secolo d.C. La datazione è stata effettuata principalmente con il metodo paleografico, ossia attraverso l'individuazione della forma e dello stile (variabile nel corso dei secoli) con cui gli scribi hanno redatto i testi. Alcuni manoscritti sono stati datati con il metodo della spettrometria di massa e del radiocarbonio. Sono stati distinti tre periodi paleografici:

La datazione con la spettrometria di massa ha comunque fornito alcuni termini di gran lunga anteriori: 4Q534 (388353 a.C.), 4Q365 (339324 a.C.).

Una biblioteca settaria[modifica | modifica sorgente]

Nonostante l'alto numero di composizioni che compongono l'insieme dei manoscritti, il loro contenuto nell'insieme è sorprendentemente uniforme. Comprendono solamente letteratura religiosa, non c'è spazio per la letteratura secolare. Il lettore non ci troverà nemmeno lavori puramente storici o scientifici.

Le composizioni più vicine ad essere scientifiche sono i calendari ed i lavori astronomici, come 4QBrontologion, sono pervasi da chiari scopi religiosi e sono stati scritti e preservati per ragioni liturgiche o per dare un ordine alla vita religiosa.

Nelle composizioni in cui compaiono dettagli scientifici, questi sono motivati da scopi religiosi. Alcuni esempi sono la lista degli alberi trovata in 4QEnoch e la spiegazione della circolazione sanguigna in una copia di 4QD.

Origine dei manoscritti[modifica | modifica sorgente]

Gli epiteti che i manoscritti assegnano ai membri della comunità non permettono di identificare facilmente la setta tra quelle storicamente note. C'è stato molto dibattito sull'origine dei manoscritti di Qumran. La teoria dominante rimane quella secondo la quale i manoscritti erano il prodotto di una setta ebraica vivente nei pressi di Qumran chiamata Esseni. Infatti esistono evidenti somiglianze tra i dettagli citati da antichi scrittori come Giuseppe Flavio, Plinio il Vecchio, Filone Alessandrino, riguardo agli Esseni, e i manoscritti del Mar Morto. In effetti, l'identificazione della comunità di Qumran con gli Esseni è oggi l'opinione della maggioranza degli studiosi che hanno studiato i manoscritti, tra i quali si possono citare: De Vaux[6], Sukenik, Dupont-Sommer, Yadin, Vermes, Milik[7], Cross, Soggin, Fitzmyer, Stegemann, Martinez, Moraldi, Riesner, Martone.

Recentemente questa teoria è stata criticata da diversi studiosi, che hanno proposto spiegazioni alternative che rivoluzionano del tutto le precedenti sino a mettere in dubbio l'esistenza stessa degli esseni e l'organizzazione della comunità del Mar Morto. Secondo tali teorie i rotoli proverrebbero da Gerusalemme, portati a Qumran da sacerdoti in fuga dalle persecuzioni ed accolti, rotoli e sacerdoti, da una comunità di famiglie sacerdotali ebraiche, dedite alla fabbricazione di ceramica rituale «pura»[8].

Manoscritti di Khirbet Mird[modifica | modifica sorgente]

Manoscritti di Murabba'at[modifica | modifica sorgente]

Manoscritti delle Valli tra En Gedi e Masada[modifica | modifica sorgente]

Manoscritti di Masada[modifica | modifica sorgente]

I manoscritti nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

Nell'anime Neon Genesis Evangelion, l'organizzazione segreta Seele fa riferimento alle Pergamene del Mar Morto per quanto riguarda il suo operato e i suoi piani per l'unificazione dell'umanità.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ From papyrus to cyberspace The Guardian August 27, 2008.
  2. ^ Bruce, F. F.. "The Last Thirty Years". Story of the Bible. ed. Frederic G. Kenyon Retrieved June 19, 2007
  3. ^ Abegg, Jr., Martin, Peter Flint, and Eugene Ulrich, The Dead Sea Scrolls Bible: The Oldest Known Bible Translated for the First Time into English, San Francisco: Harper, 2002
  4. ^ 17 Non pensate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non son venuto per abolire, ma per dare compimento. 18 In verità vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, non passerà neppure un iota o un segno dalla legge, senza che tutto sia compiuto. 19 Chi dunque trasgredirà uno solo di questi precetti, anche minimi, e insegnerà agli uomini a fare altrettanto, sarà considerato minimo nel regno dei cieli. Chi invece li osserverà e li insegnerà agli uomini, sarà considerato grande nel regno dei cieli.
  5. ^ Faculteit Theologie en Religiewetenschappen - Research projects. Accessibile solamente con password, consultato il 22/3/2012
  6. ^ de Vaux, Roland, Archaeology and the Dead Sea Scrolls (Schweich Lectures of the British Academy, 1959). Oxford: Oxford University Press, 1973.
  7. ^ Milik, Józef Tadeusz, Ten Years of Discovery in the Wilderness of Judea, London: SCM, 1959.
  8. ^ Qumran: quanti errori su quei papiri in Avvenire, del 22 marzo 2011

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Mar Morto[modifica | modifica sorgente]

  • A. Grohmann, Arabic Papyri from Hirbet el-Mird, Louvain 1963.
  • P. Benoit, J.T. Milik, R. De Vaux, Les grottes de Murabba‘at (DJD 2), Oxford 1961.
  • J.M. Allegro, I rotoli del Mar Morto, Firenze 1958, 193-204.
  • Y. Yadin, Bar-Kokhba: The Rediscovery of the Legendary Hero of the Second Jewish Revolt against Rome, London 1971.
  • Y. Yadin, The Finds from the Bar Kochba Period in the Cave of the Letters, Jerusalem 1963.
  • J Starky e J.T. Milik (RB 61 (1954) 161-168, 182-190; Biblica 38 (1957) 245-268.
  • E. Tov (R.A. Kraft), The Greek Minor Prophets Scroll from Nahal Hever (8HevXIIgr), (DJD 8. The Seiyâl Collection I) Oxford 1990.
  • D. Barthelemy, Les devanciers d’Aquila: Première publication intégrale du texte des fragments du Dodécaprophéton trouvés dans le Désert de Juda, précedée d’une étude sur les traductions et recensions grecques de la Bible réalisées au premier siècle de notre ère sous l’influence du rabbinat palestinien, Leiden 1963.
  • C. Martone, Il Giudaismo Antico, Roma, Carrocci, 2008.

Qumran[modifica | modifica sorgente]

  • Henri-Carles Puech, Storia dell'Ebraismo, Roma-Bari, Laterza, 1976.
  • (EN) Florentino García Martínez, The Dead Sea Scrolls Translated, Leiden - Grand Rapids, Brill - Eerdmans, 1996.
  • (EN) Emanuel Tov, Textual Criticism of the Hebrew Bible, Assen, Uitgeverij Van Gorcum, 2001.
  • Elio Elio Jucci, I manoscritti ebraici di Qumran: A che punto siamo? (PDF), Istituto Lombardo (Rend. Lett.), 1995, pp. 243-273. URL consultato il 01-10-2012.
  • (ES) Florentino García Martínez, Orígenes del movimento esenio y orígenes qumránicos. Pistas para una solución, Il Simposio Bíblico Español, 1987, pp. 527-556.
  • (EN) S. Talmon, The Textual Study of the Bible — A New Outlook, Qumran and the History of the Biblical Text, ed. F. M. Cross and S. Talmon; Cambridge, MA, 1975, 1976.
  • I manoscritti di Qumran, a cura di Luigi Moraldi, Torino, UTET, 1971.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]