Malattia di Schindler

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Malattia di Schindler
Malattia rara
Codici di classificazione
ICD-10 (EN) [1]
Sinonimi
Morbo di Schindler
Eponimi
Malattia di Kanzaki

La malattia o (Morbo) di Schindler o deficit di α-N-acetilgalattosaminidasi (α-NAGAL) è una rara malattia genetica di tipo autosomico recessivo facente parte dell'eterogeneo gruppo delle malattie da accumulo lisosomiale.

La forma giovanile è la vera malattia di Schindler nella forma dell'adulto è conosciuta come malattia di Kanzaki. Secondo altre classificazioni si parla di malattia di Schindler di tipo I e di malattia di Schindler di tipo II rispettivamente. Inoltre esiste una forma intermedia della malattia che è chiamata malattia di Schindler di tipo III. Tutte queste fanno parte delle oligosaccaridosi.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

La carenza dell'enzima α-N-acetilgalattosaminidasi fu per la prima volta individuata e descritta nel 1988 da Detlev Schindler genetista di Würzburg.[1][2][3][4]

Mentre nel 1989 la malattia omonima di Kanzaki fu descritta per la prima volta da T. Kanzaki in giappone in una donna anziana che presentava il deficit di α-N-acetilgalattosaminidasi.[5][6]

Epidemiologia[modifica | modifica wikitesto]

Questa malattia da carenza di α-N-acetilgalattosaminidasi è estremamente rara, non è ancora censita la prevalenza da Orphanet.[7]

Cause[modifica | modifica wikitesto]

La causa della malattia di Schindler è la ridotta attività dell'enzima α-N-acetilgalattosaminidasi, per una ridotta sintesi dovuta ad un deficit genetico del gene che lo codifica, situato sul cromosoma 22 nel locus Q11.[8]

L'α-N-acetilgalattosaminidasi è un esoglicosidasi lisosomiale, che scinde i residui terminali di α-N-acetilgalattosammina dai glicopeptidi e glicolipidi[8] prodotti dall'organismo; il suo deficit comporta l'accumulo patologico di glicoproteine, di glicosfingolipidi e proteoglicani legati tra loro con i gruppi terminali N o O. Gli accumuli sono causa del danno cellulare alla base della patologia.[9]

Clinica[modifica | modifica wikitesto]

La malattia nella forma giovanile, tipicamente, nel primo anno di vita determina una caratteristica ipotonia progressiva, con disturbi del movimento di tipo extrapiramidale, una rapida regressione psicomotoria con convulsioni e mioclonie, una paresi tetraplegica e cecità.[10]

Nella forma adulta, invece, per la sintomatologia osservata, è simile alla malattia di Fabry.[4] Le persone affette hanno un angiocheratoma[10] e solo un modesto ritardo mentale.[11]

La forma intermedia della malattia di Schindler (tipo III) si manifesta con problemi di comportamento, convulsioni e ritardo psicomotorio.

Diagnosi[modifica | modifica wikitesto]

La carenza dell'enzima α-N-acetilgalattosaminidasi può essere individuata a fini diagnostici con un esame cromatografico degli oligosaccaridi presenti nelle urine.[12] Utile anche la determinazione dell'attività della α-N-acetilgalattosaminidasi nei leucociti, nei fibroblasti e nel trofoblasto. Si può anche fare un'analisi del DNA, ma ciò di solito non è necessario.

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

La terapia attualmente non ha trattamenti specifici ma solo sintomatici.

Prognosi[modifica | modifica wikitesto]

I soggetti che manifestano la malattia nel primo anno di vita hanno un exitus intorno al 4 anno di vita.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Wang AM, Schindler D, Desnick R, Schindler disease: the molecular lesion in the alpha-N-acetylgalactosaminidase gene that causes an infantile neuroaxonal dystrophy in J. Clin. Invest., vol. 86, nº 5, novembre 1990, pp. 1752–6, DOI:10.1172/JCI114901, PMC 296929, PMID 2243144.
  2. ^ Herrmann T, Schindler D, Tabe H, et al., Molecular cloning, structural organization, sequence, chromosomal assignment, and expression of the mouse alpha-N-acetylgalactosaminidase gene in Gene, vol. 211, nº 2, maggio 1998, pp. 205–14, PMID 9602128.
  3. ^ Rudolf J, Grond M, Schindler D, Heiss WD, Desnick RJ, Cerebral glucose metabolism in type I alpha-N-acetylgalactosaminidase deficiency: an infantile neuroaxonal dystrophy in J. Child Neurol., vol. 14, nº 8, agosto 1999, pp. 543–7, PMID 10456768.
  4. ^ a b Asfaw B, Ledvinová J, Dobrovolńy R, et al., Defects in degradation of blood group A and B glycosphingolipids in Schindler and Fabry diseases in J. Lipid Res., vol. 43, nº 7, luglio 2002, pp. 1096–104, PMID 12091494.
  5. ^ T. Kanzaki u. a.: Novel lysosomal glycoaminoacid storage disease with angiokeratoma corporis diffusum. In: Lancet 1, 1989, S. 875–876. PMID 2564952
  6. ^ T. Kanzaki u. a.: Lysosomal alpha-N-acetylgalactosaminidase deficiency, the enzymatic defect in angiokeratoma corporis diffusum with glycopeptiduria. In: J. Clin. Invest. 88, 1991, S. 707–711. PMID 1907616
  7. ^ Orphanet: Deficit di alfa N acetilgalattosaminidasi tipo 1 Malattia di Schindler tipo 1.
  8. ^ a b Clark NE, Garman SC, The 1.9 a structure of human alpha-N-acetylgalactosaminidase: The molecular basis of Schindler and Kanzaki diseases in J. Mol. Biol., vol. 393, nº 2, ottobre 2009, pp. 435–47, DOI:10.1016/j.jmb.2009.08.021, PMC 2771859, PMID 19683538.
  9. ^ Sakuraba H, Matsuzawa F, Aikawa S, et al., Structural and immunocytochemical studies on alpha-N-acetylgalactosaminidase deficiency (Schindler/Kanzaki disease) in J. Hum. Genet., vol. 49, nº 1, 2004, pp. 1–8, DOI:10.1007/s10038-003-0098-z, PMID 14685826.
  10. ^ a b Kodama K, Kobayashi H, Abe R, et al., A new case of alpha-N-acetylgalactosaminidase deficiency with angiokeratoma corporis diffusum, with Ménière's syndrome and without mental retardation in Br. J. Dermatol., vol. 144, nº 2, febbraio 2001, pp. 363–8, PMID 11251574.
  11. ^ Umehara F, Matsumuro K, Kurono Y, Arimura K, Osame M, Kanzaki T, Neurologic manifestations of Kanzaki disease in Neurology, vol. 62, nº 9, maggio 2004, pp. 1604–6, PMID 15136691.
  12. ^ Horiuchi M, Fukushige T, Saheki T, Kanzaki T, Improved matrix-assisted laser desorption/ionization time-of-flight mass spectrometric method for identification of amino acid O-glycosides in patients with alpha-N-acetylgalactosaminidase deficiency in Clin. Chem., vol. 48, nº 10, ottobre 2002, pp. 1798–9, PMID 12324503.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biologia Portale Biologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biologia