Magda Olivetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Magda Olivetti (Ivrea, ...) è una traduttrice e germanista italiana.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlia di padre italiano e madre tedesca, è nipote del noto industriale Adriano Olivetti. Dopo aver conseguito la laurea "magna cum laude" in Fisica teorica, ha lavorato per diverso tempo con l'Università di Torino come collaboratrice scientifica. Successivamente si è trasferita a Zagabria con i tre figli, dividendo la propria attività fra la Svizzera francese e gli Stati Uniti d'America. Nel 1975 torna in Italia e decide di stabilirsi a Firenze; tiene conferenze sul tema della traduzione letteraria e pubblica articoli su riviste scientifiche e letterarie.

Nel 1988 ha vinto il premio Grinzane Cavour per la traduzione.

Nel 1992, grazie ai finanziamenti concessi dalla Regione Piemonte, dal Fondo Sociale Europeo e dal Salone del Libro di Torino, ha fondato a Torino la SETL - Scuola Europea di Traduzione Letteraria, che successivamente si è spostata a Firenze trasformandosi in fondazione.

Nel 1993 ha lasciato l'incarico di vicepresidente della Fondazione Adriano Olivetti, a cui collaborava già da diverso tempo come consigliere, per potersi dedicare interamente alla scuola di traduzione.

Nel 2009 ha ricevuto il Premio nazionale di Traduzione della Presidenza della Repubblica italiana.

Specializzata nella versione dal tedesco, ha tradotto principalmente opere di Thomas Bernhard, Musil, Rilke, Schnitzler ed Ingeborg Bachmann, in particolare per le case editrici Einaudi e Adelphi.

Principali traduzioni[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • L. Avirovic - J. Dodds (a cura di), Umberto Eco, Claudio Magris autori e traduttori a confronto, Atti del Convegno internazionale (Trieste, 27-28 novembre 1989), Università di Trieste, Udine 1993, pp. 301-314, ad vocem.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]