Luscinia megarhynchos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Usignolo comune
Rossinyol 03 (Luscinia megarhynchos).jpg
Luscinia megarhynchos
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Oscines
Infraordine Passerida
Superfamiglia Muscicapoidea
Famiglia Muscicapidae
Sottofamiglia Saxicolinae
Genere Luscinia
Specie L. megarhynchos
Nomenclatura binomiale
Luscinia megarhynchos
(Brehm, 1831)
Nomi comuni

rosignolo

L'usignolo comune (Luscinia megarhynchos (Brehm, 1831)) è un uccello passeriforme della famiglia dei Muscicapidi, in precedenza collocato fra i Turdidi.[2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Un usignolo adulto misura dal becco fino alla punta della coda circa 16,5 cm[senza fonte] ed è quindi grande quanto un passero domestico (Passer domesticus). L'usignolo può essere confuso con l'usignolo maggiore (Luscinia luscinia), poiché entrambi hanno il ventre tra il marrone chiaro e il grigio scuro, la schiena marrone e la coda rosso marroncino. Diversamente dall'usignolo, l'usignolo maggiore è più o meno a tinte scure.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Canto[modifica | modifica sorgente]

L'usignolo canta bene, con toni chiari e forti. Il suo canto è considerato tra i più belli e i più complessi degli uccelli canori ed è composto di strofe di toni singoli e doppi densamente allineati l'uno all'altro.

Aiuto
Canto dell'usignolo (info file)

All'inizio della primavera gli usignoli cantano prevalentemente di notte fino al mattino, il canto serve in questo punto soprattutto per la delimitazione delle riserve e per l'attrazione di partner femminili. A primavera inoltrata gli usignoli si possono sentire nitidamente anche durante il giorno. Gli usignoli maschi imparano a cantare nella prima giovinezza dagli uccelli vicini e conoscono con scioltezza tra i 120 e i 260 tipi diversi di strofe, che durano per lo più da due a quattro secondi. Le differenze nei repertori di strofe appresi e le variazioni di caratteristiche strofe permettono la differenziazione di dialetti regionali. Il canto dell'usignolo è oggetto di ricerca da parte dell'etologia soprattutto per la sua complessità e per la funzione della memoria.

In passato il canto dell'usignolo veniva considerato un antidolorifico e doveva portare al morente una morte dolce e al malato una pronta guarigione.[senza fonte]

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Gli usignoli si nutrono esclusivamente di insetti, vermi o larve e di tanti altri invertebrati. Ma in autunno il loro nutrimento principale sono le bacche.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Luscinia megarhynchos

L'usignolo costruisce il nido sul terreno. Il fondo è composto di fogliame, dentro vi sono muschio e spighe. L'usignolo femmina costruisce il nido da sola.

Il tempo di cova va da metà maggio a metà giugno. Solitamente c'è una sola covata all'anno, in condizioni climatiche favorevoli tuttavia possono esservi anche due covate. La covata è composta da 4 o 6 uova scure verdastre. Le uova vengono covate dalle femmine per 13 o 14 giorni. I piccoli vengono nutriti da entrambi i genitori. Dopo 11 o 12 giorni i giovani lasciano il nido ma vengono curati ancora per 14 o 15 giorni.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Luscinia megarhynchos in Istria

Gli usignoli sono uccelli migratori e sono comuni in Asia, Europa e Nordafrica. Gli usignoli dell'Europa centrale svernano in Africa.

Si possono trovare in foreste decidue fitte o in boscaglie. Prediligono in particolare terreni umidi ma anche boscaglie non troppo umide. Nidificano vicino al terreno.

Riferimenti nella cultura[modifica | modifica sorgente]

Poesia[modifica | modifica sorgente]

L'usignolo è conosciuto tramite i versi di Shakespeare in Giulietta e Romeo, atto terzo, scena quinta:

Giulietta

« Vuoi già andar via? Il giorno è ancora lontano.

È stato l'usignolo, non l'allodola, che ha colpito l'incavo del tuo orecchio timoroso.

Canta ogni notte, laggiù, su quell'albero di melograno. Credimi, amore, era l'usignolo. »

Romeo

« Era l'allodola, la messaggera del mattino, non l'usignolo... »

L'usignolo è citato anche nella metonimia di Filomele spesso usata in poesia e si trova nelle favole di Jorinde e Joringel e in alcune fiabe di Hans Christian Andersen come "L'usignolo" ("Nattergalen") e "Una rosa sulla tomba di Omero" ("En Rose fra Homers Grav").

Famosa la definizione del canto dell'usignolo del poeta Giambattista Marino, dal suo poema eroico "L'Adone" :

« "In mille fogge il suo cantar distingue / e trasforma una lingua in mille lingue". Inoltre, un'ode all'usignolo è stata composta dal poeta inglese John Keats»

Musica[modifica | modifica sorgente]

Georg Friedrich Händel compose un famoso concerto grosso per organo, detto "Il cuculo e l'usignolo" a causa dell'imitazione del canto degli uccelli nel secondo movimento. L'imitazione include un duetto tra un cuculo e un usignolo.

Antonio Vivaldi compose un concerto per violino chiamato Il Rosignuolo (RV335a).

Nel finale del terzo movimento del poema sinfonico I Pini di Roma, dedicato ai pini del Gianicolo, Ottorino Respighi prescrisse il canto di un vero (anche se riprodotto da un fonografo) usignolo che si perde nella notte.

Felix Mendelssohn ha scritto per coro misto a cappella "Die Nachtigall" (ted. l'Usignolo), opera 59 "Im Grünen".

Franz Liszt compose Usignolo (Alyabyev) nel 1842.

Simboli[modifica | modifica sorgente]

Nelle tradizioni popolari, il rossignolo annuncia la primavera, è l'uccello del mese di maggio, ma è anche e soprattutto il simbolo dell'amore. La contea di Nizza (Francia) ha conservato il suo Rossignol che vola nei canti tradizionali ed i tondi di maggio, il cui tema ha ispirato Čajkovskij per il suo Humoresque opus 10-2.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) BirdLife International 2012, Luscinia megarhynchos in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Muscicapidae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato l'8 maggio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli