Passer domesticus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Passero" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Passero (disambigua).
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Passero domestico
Arboretum - Passer domesticus 2010-09-20 15-19-06.JPG

Cock House Sparrow (8602035953).jpg
Femmina (in alto) e maschio

Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Tetrapoda
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Oscines
Infraordine Passerida
Superfamiglia Passeroidea
Famiglia Passeridae
Genere Passer
Specie P. domesticus
Nomenclatura binomiale
Passer domesticus
Linnaeus, 1758

Il passero domestico, chiamato anche passera europea o passera oltremontana (Passer domesticus Linnaeus, 1758), chiamato più spesso semplicemente passero, è probabilmente l'uccello più diffuso e noto in Europa, sia nelle città che nelle campagne.[2]

Da alcuni anni la popolazione è in declino in varie parti d'Europa, senza che vi sia una causa certa. [3][4]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Il piumaggio dei maschi adulti differisce dal piumaggio delle femmine e degli immaturi. Il maschio è facilmente confondibile con le altre specie del genere Passer, se non fosse per il vertice grigio. La taglia è di circa 15 cm, per 32 grammi di peso.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

È una specie molto socievole, infatti possono stare in gruppi di una decina di esemplari e spesso si avvicinano agli umani per cercare cibo. È granivoro, ma in estate non disdegna larve e insetti. I passeri europei per liberarsi dei parassiti fanno "bagni" di terra.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Passer domesticus domesticus

Il maschio prepara più nidi, nei posti più disparati ma sempre comodi: sotto le tegole, negli anfratti di edifici e occasionalmente sugli alberi. La paglia è la componente principale dei suoi nidi, che poi imbottisce con piume di altri uccelli; l'ingresso del nido è sempre laterale. La femmina che si farà attirare in uno dei nidi preparati dal maschio, vi deporrà dalle 4 alle 8 uova, come arriva la primavera; la nidiata è svezzata da entrambi i genitori.

Spostamenti[modifica | modifica sorgente]

Non migra e, in zone abitate, si lascia avvicinare parecchio dalle persone. Vive in stormi anche grandi ed è socievole anche nel periodo di cova.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Mappa della distribuzione del passero domestico: in verde scuro l'habitat naturale, in verde chiaro le zone di introduzione.
Primo piano

Si trova in Europa, Mediterraneo, Medio Oriente.

Sistematica[modifica | modifica sorgente]

Ne esistono 16 sottospecie.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) BirdLife International 2012, Passer domesticus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Passeridae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 9 maggio 2014.
  3. ^ Bird Life International, House Sparrow Passer domesticus.
  4. ^ Vittorio Zambaldo, LIPU: Salviamo i passeri.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Passer domesticus in Avibase - il database degli uccelli nel mondo, Bird Studies Canada.
uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli