Lepista nebularis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Fungo delle nebbie
Clitocybe Nebularis.JPG
Lepista nebularis
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Agaricales
Famiglia Tricholomataceae
Genere Lepista
Specie L. nebularis
Nomenclatura binomiale
Lepista nebularis
(Fr.) Harmaja, 1974
Sinonimi

Clitocybe nebularis (Batsch: Fr.) Harmaja

Caratteristiche morfologiche
Lepista nebularis
Cappello convesso icona.svg
Cappello convesso
Gills icon.png
Imenio lamelle
Decurrent gills icon2.svg
Lamelle decorrenti
Cream spore print icon.png
Sporata crema
Bare stipe icon.png
Velo nudo
Immutabile icona.png
Carne immutabile
Saprotrophic ecology icon.png
Saprofita
Nofoodlogo.svg
Sconsigliato

La Lepista nebularis (Fr.) Harmaja, 1974, comunemente noto come fungo delle nebbie, è un fungo di controversa commestibilità di cui è stato detto praticamente tutto ed il contrario di tutto; lo stesso viene consumato da molti per la sua carne dal sapore aromatico ed intenso, anche se non da tutti gradito perché piuttosto forte.

Tuttavia questo fungo da crudo presenta tracce di una tossina scoperta abbastanza di recente denominata Nebularina, con proprietà mutagene molto blande (nei topi di laboratorio ne occorrono concentrazioni elevatissime per osservare la mutagenesi)[senza fonte].

Come per il Lyophyllum connatum, tuttavia, ci si basa su test effettuati in vitro e pertanto non esiste alcuna prova concreta che questo fungo possa provocare mutazioni genetiche negli individui che lo consumano, anche perché la nebularina è idrosolubile e pertanto una prebollitura prolungata dovrebbe far svanire quasi completamente questa molecola.

Questa specie contiene anche altre tossine, fra cui:

  • alcune di tipo "termolabile", ovvero rese inerti dopo l'esposizione del fungo ad alte temperature
  • altre "termostabili" che non vengono metabolizzate dal nostro organismo e, in caso di consumi eccessivi, si accumulano nel fegato che non ha il tempo di smaltirle.

Inoltre la L. nebularis, durante la cottura, sprigiona un vapore che sembra possa scatenare improvvisi attacchi di mal di testa nelle persone che si trovano nelle vicinanze, in quanto le tossine termolabili vaporizzate vengono accidentalmente inalate. Il micologo Riccardo Mazza, nel libro I funghi dal vero, sostiene che questi vapori possano risultare addirittura pericolosi; è comunque sufficiente aerare il locale.

Descrizione della specie[modifica | modifica wikitesto]

Clitocybe nebularis disegno.png

Cappello[modifica | modifica wikitesto]

Convesso, poi piano, talvolta depresso al centro; margine involuto, color grigio-bruno, biancastro, non igrofano, ma pallido a secco, ricoperto da una finissima pruina biancastra; 8–20 cm di diametro, con cuticola color grigio di diverse tonalità e se il fungo non è umido, brillante.

Clitocybe nebularisD.JPG

Lamelle[modifica | modifica wikitesto]

Strette, ineguali, fitte, decorrenti, biancastre infine con sfumature color crema; separabili abbastanza facilmente dalla carne del cappello.

Gambo[modifica | modifica wikitesto]

Cilindrico, elastico, ingrossato alla base e attenuato verso il cappello, biancastro o grigio, striato-fibrilloso, spesso cavo, 6-9 x 1,5–3 cm.

Carne[modifica | modifica wikitesto]

Compatta, soda, poi molle; bianca.

  • Odore: forte e aromatico, a volte sgradevole (come di "sudore"o di legno). Ricorda alla lontana quello della Lepista caespitosa e della Lepista inversa.
  • Sapore: mite, intenso ed aromatico; leggermente acre negli esemplari meno giovani.

Microscopia[modifica | modifica wikitesto]

Spore
crema in massa, ovoidale-ellittiche, 6-7 x 3,5-4,5 µm, lisce.
Basidi
20-25 x 5-7 µm, tetrasporici.
Gruppo di L. nebularis

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

Cresce molto spesso in gruppi di numerosi esemplari, nei boschi di latifoglie e di conifere, in tardo autunno ed in inverno (se non troppo rigido). Il micelio scorre su foglie morte e piccoli frustuli.
Spesso i carpofori crescono formando delle lunghe "linee rette" sul terreno, occasionalmente anche fino a 30 metri! Altre volte i folti gruppi formano i ben noti "cerchi delle streghe".

L'impressione che si può provare nel reperire questi funghi è quella di vedere tante piccole "nuvole" che fuoriescono dal fogliame.

Commestibilità[modifica | modifica wikitesto]

Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero generare situazioni di pericolo o danni. Le informazioni hanno solo fine illustrativo, non esortativo né didattico. L'uso di Wikipedia è a proprio rischio: leggi le avvertenze.

Vivamente sconsigliato! Se non trattato adeguatamente e/o se viene consumato in quantità eccessive, può causare intossicazioni da accumulo a lungo termine con danni epatici.

  1. Sono stati registrati diversi casi di intolleranza soggettiva a questa specie, con disturbi all'apparato digerente che si manifestano attraverso brevi episodi di nausea e vomito; pertanto coloro che non hanno mai consumato la L. nebularis dovrebbero mangiarne solo un frammento per prova.
L. nebularis parassitata da Volvaria surrecta

Da sottolineare inoltre che:

  • In autunno inoltrato spesso i carpofori vengono parassitati da altro fungo, la Volvariella surrecta (vedi foto) che lo rende immangiabile; è quindi importante saper riconoscere gli esemplari infestati. Questo parassita inizialmente si presenta solo come un sottile velo bianco, generalmente presente sulla cuticola del cappello. Dopo qualche giorno la L. nebularis potrebbe quindi manifestare marciumi e/o funghi di altre specie sul proprio carpoforo.
  • Secondo un recente studio svizzero sugli avvelenamenti da funghi la nebularis contiene una modica quantità di muscarina, potente micotossina neurotropica presente in quantità ben più cospicue in diverse specie del genere Inocybe; data la quantità esigua questa tossina non dovrebbe rappresentare un pericolo.
  • Si raccomanda di buttare via l'acqua di cottura sia dopo la prebollitura che dopo aver cucinato i carpofori, per poter eliminare la nebularina che infatti è idrosolubile.
  • La controversa commestibilità della L. nebularis ha avuto l'effetto, peraltro prevedibile, di farne quasi cessare la raccolta, tranne in quei luoghi dove detta specie viene consumata per tradizione; in Italia la vendita di questa specie è vietata.

Preparazione[modifica | modifica wikitesto]

La nebularina, un alcaloide recentemente scoperto nella L. nebularis

Se l'intenzione è quella di consumare comunque questo fungo nonostante tutte le controindicazioni, è bene attenersi ad alcune precauzioni.

  1. Dapprima bisogna sottoporre il fungo ad una prolungata prebollitura (almeno 30 minuti), l'integrità dei funghi non viene intaccata perché la carne è molto compatta; il locale di cottura deve essere aerato.
  2. In seguito si rovesciano i carpofori in uno scolapasta e si verifica che tutta l'acqua di cottura venga persa.
  3. I funghi vanno poi posti a bagnomaria in una bacinella e si lasciano in ammollo per circa 30 minuti.
  4. A questo punto bisogna eliminare tutta l'acqua ed i funghi possono essere cucinati a piacere oppure conservati sott'olio.

È conveniente consumare la nebularis con molta cautela, ovvero pochi esemplari alla volta e in pasti abbastanza distanziati nel tempo.

L'operazione di prebollitura non è ristretta alla sola L. nebularis, ma dovrebbe essere estesa anche a tanti altri funghi, tra i quali si menzionano i seguenti:

Nomi comuni[modifica | modifica wikitesto]

L. nebularis in "fila"

Moltissimi sono i nomi con cui viene chiamato:

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Dal latino nebularis = nebbioso o nuvoloso, per il colore grigio del suo cappello.

Sistematica[modifica | modifica wikitesto]

Moser, Bon ed altri autori avevano collocato questo fungo nel genere Lepista anziché nel genere Clitocybe poiché le spore, pur essendo color crema e cianofile, presentano, al microscopio elettronico, una parete sottilmente verrucosa.

Altri autori come Kuyper, invece, preferiscono mantenerlo nel genere Clitocybe poiché la parete sporale, al microscopio ottico, si presenta liscia come in altre specie di questo genere.

Sinonimi e binomi obsoleti[modifica | modifica wikitesto]

  • Agaricus nebularis Batsch, Elenchus fungorum, cont. sec. (Halle) 2: 25 (1789)
  • Agaricus pileolarius Bull., Herbier de la France: pl. 400 (1789)
  • Clitocybe alba (Bataille) Singer, Lilloa 22: 186 (1951) [1949]
  • Clitocybe nebularis (Batsch: Fr.) Harmaja (1857)
  • Clitocybe nebularis var. alba Bataille, Bulletin de la Société Mycologique de France 27: 370 (1911)
  • Gymnopus nebularis (Batsch) Gray, A Natural Arrangement of British Plants (London) 1: 609 (1821)

Specie simili[modifica | modifica wikitesto]

Esemplari di L. nebularis
  • Può essere confuso con l'Entoloma sinuatum (Entoloma lividum), fungo velenoso con effetti potenzialmente pericolosi, per cui se ne sconsiglia la raccolta ai raccoglitori inesperti.
  • Occasionalmente potrebbe essere confuso dai più inesperti con esemplari molto vecchi di Lepista caespitosa (da scartare).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Enrico Bini, Andrea Catorici, Antonio dell'Uomo, Roberto Falsetti, Ettore Orsomando, Monica Raponi, Funghi del Parco Nazionale dei Monti Sibillini Collana dei Quaderni Scientifico Divulgativi del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, Ancona, Aniballi Grafiche s.r.l.,2002.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia