Lepista

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lepista
Lepista flaccida 041024.jpg
Lepista flaccida
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Classe Basidiomycetes
Ordine Agaricales
Famiglia Tricholomataceae
Genere Lepista
Specie

vedi nel testo

Lepista (Fr.) W.G. Sm., J. Bot., London 8: 248 (1870).

Il genere Lepista comprende diverse specie di funghi che una volta erano ascritti al genere Clitocybe.

Descrizione del genere[modifica | modifica wikitesto]

I funghi appartenenti a questo genere presentano spore ornate, al contrario delle specie di Clitocybe che le hanno lisce.

Sono specie di taglia media, occasionalmente grande, con colori spesso vivaci, alcune hanno un portamento imbutiforme con lamelle fitte, sottili, decorrenti sul gambo, altre hanno lamelle smarginate e portamento tricolomoide; la carne ha spesso una consistenza "elastica".
In tutte le specie del genere Lepista le lamelle sono facilmente separabili dalla carne del cappello e si presentano colorate; la sporata in massa va dal rosa al crema.
Il gambo è di solito irregolare, corto e cavo, non presenta anello.

Non si conoscono specie tossiche, eccetto la Lepista nebularis, leggermente tossica e di controversa commestibilità; alcune specie possiedono un sapore mite, mentre in altre risulta poco gradevole se non alquanto sgradevole.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  • La Lepista caespitosa var. pepata possiede un caratteristico sapore "piccante" che preserva in piccola parte dopo la cottura.
  • Particolare il caso della Lepista glaucocana che normalmente possiede un sapore gradevole ma, in alcuni casi, quest' ultimo risulta alquanto cattivo; sembra che il luogo di crescita possa influenzare fortemente le caratteristiche organolettiche che determinano il sapore di questa specie.
  • La L. nebularis, come già detto, è edule con cautela perché ha rivelato una tossicità da accumulo alla lunga durata (in alcuni casi anche seria), specialmente se consumata poco cotta. Secondo un recente studio svizzero contiene muscarina, anche se in tracce.
Lunga "fila" di Lepista nebularis

Specie di Lepista[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gulden, G. 1983. Studies in Lepista (Fr.) W.G. Smith section Lepista (Basidiomycotina, Agaricales). - Sydowia 36: 59-74.
  • Gulden, G. 1992. Lepista. In Hansen, L. & Knudsen, H. (red.): Nordic macromycetes, vol 2. - København
  • Harmaja, H. 1974. A revision of the generic limit between Clitocybe and Lepista. - Karstenia 14: 82-92.
  • Harmaja, H. 1976. A further revision of the generic limit between Lepista and Clitocybe. - Karstenia 15: 13-15.
  • Lange, J. E. 1935. Flora Agaricina Danica, bind 1. - København.
  • Moser, M. 1983. Die Röhrlinge und Blätterpilze. Kleine Kryptogamenflora. 5. Auflage. - Stuttgart.
  • Petersen, J. H. & J. Vesterholt 1990 (red.). Danske storsvampe. - København
  • Reid, A. D. 1968. Coloured icones of rare and interesting fungi, part 3. - Suppl. Nova Hedw. 15: 13-14.

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia