La via dei babbuini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La via dei babbuini
Titolo originale La via dei babbuini
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1974
Durata 110 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Luigi Magni
Soggetto Luigi Magni
Sceneggiatura Luigi Magni
Casa di produzione Nuova
Distribuzione (Italia) Titanus
Fotografia Franco Di Giacomo
Montaggio Amedeo Salfa, Ruggiero Mastroianni
Musiche Armando Trovajoli
Interpreti e personaggi

La via dei babbuini è un film del 1974 diretto da Luigi Magni.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Fiorenza, giovane donna borghese, vive a Roma con il marito Orazio. Il matrimonio dei due è già abbastanza saturo, anche se non esteriormente sfasciato: tale situazione dipende tanto dalla voluta mancanza dei figli, quanto da elementi psicologici e sociali che i due coniugi percepiscono inconsciamente e diversamente. Fiorenza, accorsa a Massaua per assistere il padre, vecchio colonialista da lei neppure conosciuto, lo vede morire e seppellire. Rimasta sola, non ritorna in patria ma si lascia guidare dallo stravagante Getulio alla scoperta del mistero africano. Orazio, uomo colto ma affetto da infantilismo cronico, raggiunge la moglie e cerca di strapparla al continente che la sta quasi plagiando. Ma Fiorenza, dopo la tragica morte di Getulio, si avvia verso la savana seguendo la via dei babbuini che, a differenza degli uomini, risalgono sulle piante ove si trova il segreto della loro genuina natura.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema