La moglie del soldato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La moglie del soldato
La moglie del soldato.JPG
Una scena del film
Titolo originale The Crying Game
Paese di produzione Gran Bretagna, Giappone
Anno 1992
Durata 112 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Neil Jordan
Soggetto Neil Jordan
Sceneggiatura Neil Jordan
Produttore Stephen Woolley
Fotografia Ian Wilson
Montaggio Kant Pan
Musiche Anne Dudley
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

La moglie del soldato (The Crying Game) è un film del 1992 diretto da Neil Jordan.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Jodie, un soldato di colore dell'esercito britannico, viene rapito da un gruppo dell'IRA con lo scopo di ottenere uno scambio con un leader irlandese, pena la morte ma il militare, subodorando il proprio destino, familiarizza con Fergus, uno dei carcerieri e come sue ultime volontà, gli propone di contattare Dil, la sua ragazza parrucchiera a Londra, una volta morto. Il governo britannico non cede e le truppe irrompono nel covo terroristico causando la morte dell'ostaggio.

Fergus si rifugia a Londra dove, con dei documenti falsi, trova impiego come operaio edile fino a quando decide di incontrarsi con Dil senza parlarle del suo defunto compagno. L'uomo resta conquistato dalla ragazza, ignaro di una sorpresa che ella gli riserva.

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

Il brano portante della colonna sonora, l'omonima The Crying Game (dal titolo inglese originale del film), è stato realizzato del cantante inglese Boy George, leader storico del gruppo dei Culture Club, con la produzione e la collaborazione musicale di un'altra band britannica, i Pet Shop Boys. Il brano, in origine interpretato da Dave Berry nel 1964, raggiunse nel 1992 la posizione numero 22 nella classifica dei singoli nel Regno Unito, mentre in Canada giunse in cima alla classifica.[1]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Nel 1999 il British Film Institute l'ha inserito al 26º posto della lista dei migliori cento film britannici del XX secolo.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Top Singles - Volume 57, No. 19, May 22 1993, Library and Archives Canada. URL consultato il 4 luglio 2011.
  2. ^ (EN) The BFI 100, British Film Institute. URL consultato il 4 luglio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema