Julie London

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Julie London
Julie London nel 1958
Julie London nel 1958
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Jazz
Swing
Pop
Strumento voce
Etichetta Liberty Records

Julie London, nome d'arte di Gayle Peck (Santa Rosa, 26 settembre 1926Encino, 18 ottobre 2000), è stata una cantante e attrice statunitense.

Il suo nome è iscritto fra quello delle celebrità della Hollywood Walk of Fame al n. 7000 dell'Hollywood Boulevard.

Fra i suoi principali successi figurano le canzoni Cry Me a River (Arthur Hamilton) (che ha fatto parte del suo primo 45 giri, registrato nel 1955), Sway, Desafinado, Blue Moon (brano musicale) e Fly Me to the Moon. Interprete poliedrica, ha inciso anche cover di Light My Fire dei Doors e di Yummy Yummy Yummy degli Ohio Express.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di Jack e Josephine Peck, che facevano coppia anche sul palcoscenico come attori e cantanti di vaudeville, a quattordici anni si trasferì con la famiglia a Los Angeles. Poco tempo dopo iniziò a lavorare nel cinema, trovando tuttavia il tempo di diplomarsi nel 1945 alla Hollywood Professional School.

Julie London è ricordata per la sua voce dolce, sensuale, personalissima di cantante swing, pop e soprattutto di ballad, che le permise di incidere diverse hit per la Liberty Records e raggiungere il vertice della notorietà negli anni cinquanta come star della cosiddetta torch song, la canzone d'amore per antonomasia che prevede il lamento dell'amante insoddisfatto. È stata ed è la musa ispiratrice di molte interpreti venute dopo di lei.

La sua carriera di attrice cinematografica e televisiva - impegnata particolarmente in film western e commedie - si è sviluppata lungo trentacinque anni (fra il 1944 ed il 1979) e si è conclusa con l'interpretazione dell'infermiera Dixie McCall nella serie televisiva Emergency!, andata in onda appunto fra il 1972 ed il 1979. Per questo ruolo la London ottenne nel 1974 una nomination al Golden Globe per la miglior attrice in una serie drammatica.

È sepolta al Forest Lawn Memorial Park di Hollywood.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Colonne sonore[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

  1. Julie Is Her Name (1955, U.S. #2)
  2. Lonely Girl (1956, U.S. #16)
  3. Calendar Girl (1956, U.S. #18)
  4. About the Blues (1957, U.S. #15)
  5. Make Love to Me (1957)
  6. Julie (1958)
  7. Julie Is Her Name, Volume II (1958)
  8. London by Night (1958)
  9. Swing Me an Old Song (1959)
  10. Your Number Please (1959)
  11. Julie...At Home (1960)
  12. Around Midnight (1960)
  13. Send for Me (1961)
  14. Whatever Julie Wants (1961)
  15. The Best of Julie London (1962)
  16. Sophisticated Lady (1962)
  17. Love Letters (1962)
  18. Love on the Rocks (1962)
  19. Latin in a Satin Mood (1963)
  20. Julie's Golden Greats (1963)
  21. The End of the World (1963, U.S. #127)
  22. The Wonderful World of Julie London (1963, U.S. #136)
  23. Julie London (1964)
  24. In Person at the Americana (1964)
  25. Our Fair Lady (1965)
  26. Feeling Good (1965)
  27. By Myself (1965, produced exclusively for the Columbia Record Club)
  28. All Through the Night: Julie London Sings the Choicest of Cole Porter (1965)
  29. For the Night People (1966)
  30. Nice Girls Don't Stay for Breakfast (1967)
  31. With Body & Soul (1967)
  32. Easy Does It (1968)
  33. Yummy, Yummy, Yummy (1969)
  34. The Very Best Of Julie London (1975)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  1. (EN) Julie London in Internet Movie Database, IMDb.com Inc.
  2. (EN) Approfondimento biografico, discografia e galleria di immagini
  3. (EN) "The Golden Years", Julie London
  4. (EN) "Voice in the Mirror: A Tribute to Julie London"
  5. (EN) Julie London in Find a Grave.

Controllo di autorità VIAF: 49408698 LCCN: n88100775