Juan José Cobo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Juan José Cobo
Juan José Cobo Vuelta 2011.jpg
Juan José Cobo durante la Vuelta a España 2011
Dati biografici
Nome Juan José Cobo Acebo
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 175 cm
Peso 69 kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada
Squadra Konya-Seker-Torku
Carriera
Squadre di club
2004-2008 Saunier Duval Saunier Duval
2008 Scott Scott
2009 Fuji Fuji
2010 Caisse d'Epargne Caisse d'Epargne
2011 Geox Geox
2012-2013 Movistar Movistar
2014 Konya-Seker-Torku
 

Juan José Cobo Acebo (Cabezón de la Sal, 11 febbraio 1981) è un ciclista su strada spagnolo che corre per il team Konya-Seker-Torku. È professionista dal 2004, e ha vinto la Vuelta a España 2011.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Dopo una stagione tra i dilettanti nella quale ottenne numerose vittorie anche in gare open, esordì come professionista nel 2004, nella Saunier Duval-Prodir di Mauro Gianetti. Conquistò le prime vittorie nel 2007, quando vinse due tappe e la classifica finale della Vuelta al País Vasco. L'anno successivo riuscì ad aggiudicarsi un paio di frazioni in competizioni a tappe minori e si classificò al secondo posto nella decima tappa del Tour de France, dietro al compagno di squadra Leonardo Piepoli[1], che tuttavia risultò positivo ai controlli antidoping effettuati nel corso della stessa competizione[2]. Nel 2009 ottenne una vittoria di tappa in un Grande Giro, trionfando nella diciannovesima tappa della Vuelta a España; l'anno dopo gareggiò per la Caisse d'Epargne di Eusebio Unzué.

Nel 2011 ritornò sotto la guida del direttore sportivo Mauro Gianetti, accasandosi alla Geox-TMC, già Saunier Duval[3][4]. Nel settembre di quell'anno si aggiudicò la quindicesima tappa della Vuelta a España, quella con l'arrivo solitario in cima all'Angliru: ottenne così la maglia rossa di leader della classifica generale. Difese il primato fino al termine della corsa, vincendo così il suo primo Grande Giro. Sul podio di Madrid precedette di appena 13 secondi Chris Froome e di oltre un minuto e mezzo Bradley Wiggins. Oltre alla maglia rossa si aggiudicò anche la maglia bianca della classifica combinata.

Nel 2012, complice la chiusura della Geox-TMC, si accasò alla Movistar, rientrando alla corte di Unzué. In stagione non andò però oltre un decimo posto ai campionati spagnoli a cronometro e la vittoria nella cronometro a squadre alla Vuelta a España (in cui concluse lontano dai migliori, 67º), complice anche un'infezione orale che lo aveva colpito in estate[5]. Anche l'anno dopo, nel 2013, escludendo il secondo posto ottenuto nella cronometro a squadre di Ischia al Giro d'Italia, non colse alcun risultato di rilievo.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Campionati spagnoli, Prova a cronometro dilettanti
2ª tappa Bidasoa Itzulia
4ª tappa, 2ª semitappa Bidasoa Itzulia
5ª tappa, 2ª semitappa Vuelta a Navarra
1ª tappa Vuelta al País Vasco
5ª tappa Vuelta al País Vasco
Classifica generale Vuelta al País Vasco
5ª tappa Vuelta a Burgos
9ª tappa Giro del Portogallo (Fafe > Mondim de Basto)
10ª tappa Tour de France (Pau > Hautacam)
4ª tappa Vuelta a Castilla y León (Santa María del Páramo > Laguna de los Peces)
19ª tappa Vuelta a España (Avila > La Granja)
15ª tappa Vuelta a España (Avilés > Angliru)
Classifica generale Vuelta a España

Altri successi[modifica | modifica sorgente]

Classifica scalatori Vuelta a Burgos
Classifica combinata Vuelta a España

Piazzamenti[modifica | modifica sorgente]

Grandi Giri[modifica | modifica sorgente]

2005: ritirato (14ª tappa)
2013: 116º
2007: 20º
2008: ritirato
2012: 30º
2006: ritirato (9ª tappa)
2009: 10º
2011: vincitore
2012: 67º

Classiche monumento[modifica | modifica sorgente]

2009: 9º
2012: ritirato

Competizioni mondiali[modifica | modifica sorgente]

Mendrisio 2009 - In linea: ritirato

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Tour de France 2008 – Stage 10 Results
  2. ^ Piepoli squalificato due anni per doping
  3. ^ Tanino Lugarà, Team Geox, vicino l'ingaggio di Juan Josè Cobo in spaziociclismo.it, 17 novembre 2010. URL consultato il 18-11-2010.
  4. ^ Luca Pellegrini, Team Geox, ufficiale l'ingaggio di Cobo in spaziociclismo.it, 18 novembre 2010. URL consultato il 18-11-2010.
  5. ^ (EN) Cobo: I’m not in great shape in www.cyclingnews.com, 18 agosto 2012. URL consultato il 21 settembre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]