Campionati del mondo di ciclismo su strada 2009 - Cronometro maschile Elite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Svizzera Cronometro maschile Elite 2009
Edizione 16ª
Data 24 settembre
Partenza Mendrisio
Arrivo Mendrisio
Percorso 49,8 km
Tempo 57'55"74
Media 51,580 km/h
Ordine d'arrivo
Primo Svizzera Fabian Cancellara
Secondo Svezia Gustav Larsson
Terzo Germania Tony Martin
Cronologia
Edizione precedente
Varese 2008
Edizione successiva
Melbourne 2010

La Cronometro individuale maschile Elite dei Campionati del mondo di ciclismo su strada 2009 è stata corsa il 24 settembre nel territorio circostante Mendrisio, in Svizzera, ed ha affrontato un percorso totale di 49,8 km. Lo svizzero Fabian Cancellara ha vinto la medaglia d'oro, terminando in 57'55"74.

Percorso[modifica | modifica sorgente]

Partenza ed arrivo agli impianti sportivi di Mendrisio. Dopo i primi 3 km pianeggianti che attraversano la sede d'arrivo della prova in linea del Mondiale 1971, inizia la discesa verso il Lago di Lugano. Prosegue poi fino a Capolago per raggiungere Riva San Vitale e da qui il circuito si sposta verso Rancate con due tratti in leggero falsopiano ai quali segue la salita della Rossa di Rancate, 650 m di dura ascesa con punte di pendenza attorno al 10%. Attraversata questa località si attraversano Ligornetto, Stabio e Genestrerio da cui si ripercorre l'ultimo km del percorso della prova in linea. Il circuito, lungo 16,6 chilometri, veniva affrontato tre volte.[1]

Squadre e corridori partecipanti[modifica | modifica sorgente]

Le modalità di qualificazione delle nazioni seguono lo stesso regolamento della gara in linea. Ogni nazione poteva iscrivere alla gara 4 corridori e schierarne due alla partenza. I 66 partecipanti sono stati suddivisi in cinque gruppi; all'interno di ogni gruppo le partenze avvenivano ogni minuto, mentre tra un gruppo e l'altro vi era una pausa di 48 minuti, per permettere ai ciclisti in corsa di terminare il circuito.

Gruppo 1 Gruppo 2 Gruppo 3 Gruppo 4 Gruppo 5
66 Saint Kitts e Nevis James Weekes 66º 53 Saint Kitts e Nevis Reginald Douglas 65º 40 Namibia Erik Hoffmann 43º 27 Lettonia Raivis Belohvoščiks 45º 14 Stati Uniti Tom Danielson 23º
65 Finlandia Jarmo Rissanen 61º 52 Kirghizistan Eugen Wacker 29º 39 Finlandia Matti Helminen 57º 26 Ucraina Dmytro Hrabovs'kyj 58º 13 Russia Michail Ignat'ev 57º
64 Ungheria Rida Cador 55º 51 Ecuador José Ragonessi 60º 38 Australia Adam Hansen 30º 25 Germania Sebastian Lang 20º 12 Paesi Bassi Lars Boom 16º
63 Colombia José Serpa 22º 50 Sudafrica Jay Robert Thomson 28º 37 Francia Jérôme Coppel 56º 24 Slovacchia Martin Velits 34º 11 Kazakistan Aleksandr Vinokurov
62 Bielorussia Branislaŭ Samojlaŭ 37º 49 Slovenia Gregor Gazvoda 48º 36 Argentina Martín Garrido 32º 23 Belgio Dominique Cornu 14º 10 Slovenia Janez Brajkovič
61 Australia Cameron Wurf 53º 48 Slovacchia Pavol Polievka 52º 35 Regno Unito Chris Froome 18º 22 Ucraina Andrij Hrivko 41º 9 Norvegia Edvald Boasson Hagen 27º
60 Romania Gabriel Pop 64º 47 Romania Eduard Novak 63º 34 Svezia Fredrik Ericsson 39º 21 Russia Artёm Ovečkin 17º 8 Rep. Ceca František Raboň 19º
59 Francia Jean-Christophe Péraud 12º 46 Brasile Magno Nazaret 46º 33 Danimarca Lars Bak 13º 20 Lituania Ignatas Konovalovas 45º 7 Canada Svein Tuft 15º
58 Portogallo Sérgio Paulinho 26º 45 Irlanda David McCann 45º 32 Nuova Zelanda Jeremy Vennell 50º 19 Portogallo Tiago Machado 54º 6 Belgio Sébastien Rosseler 38º
57 Argentina Matías Médici 44º 44 Stati Uniti Tom Zirbel 31 Spagna Juan José Cobo 42º 18 Danimarca Alex Rasmussen 24º 5 Germania Tony Martin
56 Ungheria Zoltán Madaras 62º 43 Estonia Ervin Korts-Laur 52º 30 Paesi Bassi Koos Moerenhout 17 Bielorussia Vasil' Kiryenka 49º 4 Regno Unito Bradley Wiggins 21º
55 Polonia Bartosz Huzarski 33º 42 Colombia Juan Carlos López Marín 36º 29 Polonia Maciej Bodnar 59º 17 Italia Marco Pinotti 3 Svezia Gustav Larsson
54 Spagna José Iván Gutiérrez 35º 41 Svizzera Rubens Bertogliati 40º 28 Kazakistan Andrej Kašečkin 25º 15 Lettonia Aleksejs Saramotins 31º 2 Svizzera Fabian Cancellara
1 Germania Bert Grabsch 10º

Resoconto degli eventi[modifica | modifica sorgente]

Gara contro il tempo dominata dal padrone di casa Fabian Cancellara che, partito per penultimo davanti al campione uscente Bert Grabsch, ha raggiunto lo svedese Gustav Larsson ed il britannico Bradley Wiggins partiti rispettivamente uno e due minuti prima, e concluso i tre giri del circuito in meno di un'ora ad una media di 51,6 km/h. Dietro di lui lo stesso Larsson che, sorpassato dallo svizzero, lo ha tenuto come punto di riferimento davanti a sé, ed il tedesco Tony Martin.[2]

Classifica (Top 10)[modifica | modifica sorgente]

Pos. Corridore Squadra Tempo
1 Svizzera Fabian Cancellara Svizzera 57'55"74
2 Svezia Gustav Larsson Svezia a 1'27"13
3 Germania Tony Martin Germania a 2'30"18
4 Stati Uniti Tom Zirbel Stati Uniti a 2'47"12
5 Italia Marco Pinotti Italia a 3'02"88
6 Slovenia Janez Brajkovic Slovenia a 3'08"49
7 Paesi Bassi Koos Moerenhout Paesi Bassi a 3'11"59
8 Kazakistan Aleksandr Vinokurov Kazakistan a 3'20"95
9 Lituania Ignatas Konovalovas Lituania a 3'33"88
10 Germania Bert Grabsch Germania a 3'37"39

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (ITENFRDE) Percorsi - Cronometro Uomini Elite + U23, mendrisio09.ch.
  2. ^ Damiano Franzetti, Fenomeno Cancellara, la Svizzera fa festa in varesenews.it, 24 settembre 2009. URL consultato il 01-10-2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]