Jehan de Braine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jehan de Braine (1200 circa – 1240) è stato, jure uxoris, conte di Mâcon e Vienne dal 1224 fino alla sua morte. Era il figlio più giovane di Roberto II di Dreux e della sua seconda moglie, Yolanta de Couci. Sua moglie era Alix[1], nipote di Guglielmo V di Mâcon. Jehan era inoltre un troviero e un crociato. Segue Teobaldo I di Navarra in Terrasanta nel 1239 e ivi morì l'anno seguente. La sua vedova vendette le sue contee alla corona francese.

Dell'opera poetica di Jehan sopravvive una pastourelle, "Par desous l'ombre d'un bois", e due chansons d'amour, "Pensis d'amours, joians et corociés" e "Je n'os chanter trop tart ne trop souvent". Tra queste solo "Pensis d'amours" è conservata con notazione mensurale, nel Chansonnier Cangé. Nel Manuscrit du Roi e nello Chansonnier de Noailles, la melodia termina su note diverse. Esistono tre componimenti poetici francesi attribuiti a Giovanni di Brienne i quali in realtà sono opera di Jehan de Braine.

Moniot d'Arras indirizza una delle sue chansons a Jehan, riferendosi al nipote di Jehan, Jehan le Roux, come Comte de Bretagne.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ († v. 1260) Contessa di Vienne e di Mâcon, figlia di Girardo II, conte di Mâcon e di Vienne, e di Alix Guigonne di Forez. Jehan la sposa tra il 1218 e il 1227

Fonti[modifica | modifica sorgente]

  • (FR) Guerreau, Alain. "Jean de Braine, trouvère et dernier comte de Mâcon (1224–1240)." Annales de Bourgogne, 43(1971):81–96.
  • (EN) Karp, Theodore. "Jehan de Braine." Grove Music Online. Oxford Music Online. (url consultato il 20 settembre 2008).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 54412825