Indipendenza del Perù

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Questa voce è parte della serie
Storia del Perù
Localizzazione del Perù
Voci principali

Ordine cronologico
Categoria: Storia del Perù

Si conosce come Independencia del Perú il processo e il periodo storico nel quale il Viceregno del Perú si separa dall'impero spagnolo per costituirsi in stato indipendente.

Il 28 luglio 1821 il generale José de San Martín, al comando della Spedizione di Liberazione del Perú proveniente dal Cile, dichiara l'indipendenza del Perú. Cos¡ il Perú comincia a formarsi sotto il protettorato di José de San Martín mediante la costituzione di un Congresso costituente. La guerra contro la Spagna termina, sotto il comando di Simón Bolívar, con la campagna di Junín e Ayacucho, nel 1824, nella quale viene definitivamente sconfitto l'Esercito realista del Perú.

L'indipendenza del Perù è uno dei tanti capitoli delle guerre di emancipazione hispano-americana, che cominciò nel 1808 e terminò nel 1829, e che vide la monarchia spagnola scontrarsi con i nascenti stati latino-americano che pretendevano l'indipendenza. Inoltre, prima dell'emancipazione hispano-americana e durante la formazione del Perù coloniale, si svilupparono altre ribelioni e rivoluzioni, che avevano come obiettivo la formazione di uno Stato peruviano indipendente dall'impero spagnolo.

Dopo l'indipendenza del Perú seguì l'indipendenza del resto dell'America latina; ciò avviene tra il 1811 e il 1903.

Antefatti del Perú coloniale[modifica | modifica sorgente]

La rivoluzione nel Perú coloniale cominciò già dopo la cattura dell'inca Atahulpa, il 16 novembre 1532, durante la battaglia di Cajamarca, che portò alla conquista dell'impero inca da parte di Francisco Pizarro. Alcuni pretendenti alla successione inca, cercarono di riconquistare il Peru'. Alcuni tentarono immediatamente, gli altri dal XVII al XVIII secolo. Dal 1532 al 1572 si svolse la resistenza degli inca di Villacamba: il primo di essi fu Manco Inca, l'ultimo Tupac Amaru I.

In seguito si svolgeranno la rivoluzione di Tupac Amaru II e la ribellione di Tuoac Catari nell'Alto Perú, attuale Bolivia. Fino all'arrivo del generale José de San Martín in Peru', si produssero molte altre rivolte come quelle di José Quiroga, Javier Mendoza, José Antonio Galán, Miguel Tovar, Felipe Velasco Túpac Inca Yupanqui, la conspiración del Cusco de José Gabriel Aguilar, Manuel Ubalde e Manuel Velarde Ampuero.

La rivoluzione hispanoamericana[modifica | modifica sorgente]

Tre secoli dopo, oltre alle citate rivolte, nel mondo si svolsero altri fatti che influenzarono le idee indipendentiste, vale a dire l'indipendenza del Nordamerica nel 1776 e la Rivoluzione Francese del 1789. Senza dubbio fu molto importante l'invasione napoleonica della Spagna nel 1808, da allora i patrioti, chiamati così per le loro idee liberali, ricorsero alle armi per l'indipendenza della Spagna.

Tacna e le spedizioni argentine nell'Alto Perú[modifica | modifica sorgente]

Prima rivolta di Tacna nel 1811[modifica | modifica sorgente]

Qualche anno prima dello sbarco e sapendo che le truppe del Rio de la Plata (attuale Argentina) stavano organizzando qualcosa di simile, i patrioti organizzarono in Tacna un movimento con caratteristiche liberatorie contro il viceré José Fernando de Abascal y Sousa, marchese della Concordia. Il 28 luglio 1811 (giorno della battaglia di Guaqui, nelle quali le truppe realista al comando del generale José Manuel de Goyeneche vinsero gli indipendentisti del Rio de la Plata), i patrioti peruviani diretti da Francisco Antonio de Zela, attaccarono le caserme militari realiste (così chiamate dagli spagnoli) di Tacna, proclamando Zala comandante militare della piazza, mentre Rabino Gabino Barrios fu nominato colonnello della milizia di fanteria e Toribio Ara comandante della divisione di cavalleria. Il 25 dello stesso mese si seppe della sconfitta dei patrioti argentini nella battaglia di Guaqui), e ciò causò uno smarrimento totale nonostante i patrioti peruviani si stessero organizzando.

Seconda rivolta di Tacna del 1813[modifica | modifica sorgente]

Il comandante argentino Manuel Belgrano riorganizzò le truppe indipendiste sconfitte da Goyeneche e i realisti del Viceregno del Perú nella battaglia di Guaqui. Il 14 settembre 1812 si scontrò con le truppe realiste comandate dal generale Pío Tristan, sconfiggendole e arrestando l'avanzata delle truppe realiste a Tucumán. Inoltre ottenne un'altra vittoria nella battaglia di Salta, durante il quale Pío Tristan capitolò il 20 febbraio 1813, così che l'esercito argentino intraprese un'altra ofensiva e occupando l'Alto Perú.

Il generale spagnolo Joaquín de la Pezuela che aveva rimpiazzato il tenente generale José Manuel de Goyeneche a La Paz, per disposizione del viceré del Perù José Fernando de Abascal y Souza, organizzò una spedizione contro il generale Manuel Belgrano e lo sconfisse nella battaglia di Vilacapugio il 1º ottobre del 1813 e successivamente nella battaglia di Ayohuma il 14 novembre 1813. Il movimento di Belgrano subì un arresto.

Il tecnano Juan Francisco Pallardelli fu l'emissario di Belgrano nelle coordinazioni che il generale argentino voleva stabilire in Perù. Insieme a lui, suo fratello Enrique Pallardelli cospirava in Tacna mentre Enrique Peñaranda cospirava a Tarapacá. Enrique ricevette ordini da Belgrano che stava in Puno. Il piano consisteva di estendere la ribellione in tutto il sud del Perù. Sotto Enrique Pallardelli, i patrioti tecnani, il 3 ottobre 1813 si appropriarono delle caserme tecnani e catturarono il governatore realista della provincia.

Il sovraintendente di Arequipa José Gabriel Moscoso, preoccupato degli avvenimenti, inviò una milizia militare al comando del generale José Gabriel de Santiago. L'esercito patriota lo attaccò e si diede inizio alla battaglia di Carniaria il 13 ottobre, essi furono sconfitti dai patrioti che si dispersero a Tacna. A pochi giorni di distanza si seppe della sconfitta di Belgrano e i patrioti si sciolsero. Enrique Pallardelli, con alcuni dei suoi uomini, si rifugiò verso l'Alto Perù, il 3 novembre 1813, mentre la piazza di Tacna era tornata nuovamente sotto i realisti.

Gli argentini organizzarono una terza spedizione nell'Alto Perù, al comando del generale José Rondeau. Le truppe argentine riuscirono a prendere le miniere di Potosí, però il 28 novembre 1815 subirono una sconfitta decisiva dalle truppe realiste al comando di Joaquín de la Pezuela, nella Battaglia di Sipe-Sipe.

Ribellione di Huánuco del 1812[modifica | modifica sorgente]

La ribellione indigena di Huánuco del 22 febbraio 1812 si scontro' contro il regime coloniale. Le truppe del viceré si organizzarono a Cerro de Pasco e si diressero a Huánuco, dando il via alla battaglia di Ambo il 5 marzo 1812. Il sovrintendente della provincia di Tarma, José González Prada, il 10 marzo, con un forte contingente realista entrarono in entrambe le città il 19 marzo 1812. González Prada uscì dalla città dove si stava attuando una persecuzione sugli insorti, che avevano un esercito di 2.000 uomini. Gli indigeni si dispersero e i loro leader furono catturati da González Prada, dove tra di loro vi erano Juan José Crespo y Castillo, il curaca Norberto Haro e il sindaco di Huamalíes, José Rodríguez, che furono giustiziati sommariamente. Gli altri furono banditi e molti altri furono messi in galera.

Ribellione nel Cusco del 1814[modifica | modifica sorgente]

Nel 1814 si diede inizio alla Ribellione del Cusco. La ribellione del 1814 cominciò durante uno scontro politico tra il Consiglio costituzionale e la Reale Udienza di Cusco. Il primo era filo-creolo, il secondo filo-spagnolo. Quest'evento surgelò la leadership dei fratelli Agulo, i quali furono in carcere fino al 1813. Nell'agosto 1814, i fratelli Agulo con altri creoli scapparono e controllarono politicamente la città di Cusco. Egli era già alleato del brigadiere Mateo Pumacahua. Quest'ultimo personaggio fu un grande difensore della monarchia spagnola, durante la ribellione di Túpac Amaru II, e comandante della malizia realista nella battaglia di Guaqui, però cambio rapidamente parte quando i liberali spagnoli vollero imporre la Costituzione della Spagna anche nel viceregno del Perù.

In una seconda fase, i fratelli Agulo e Pumacahua organizzarono un esercito diviso in tre sezioni: la prima fu inviata nell'Alto Perù, al comando di León Pinelo e del sacerdote argentino Ildefonso Muñecas, ed entrarono a La Paz con 500 fucili e 20.000 indios armati, con pietre e fionde, il 14 settembre 1814. Il 24 settembre dello stesso anno presero La Paz. I realisti furono confinati nelle loro caserme, e in seguito fu fatta saltare la polveria. Per riconquistare La Paz, marcarono da Oruto un reggimento realista con 1.500 fucili e molti indios comandati dal generale spagnolo Juan Ramírez. Si affrontarono fuori di La Paz, il 1º novembre 1814, alla fine i patrioti furono sconfitti. Pinelo e Muñecas ordinarono alle proprie truppe di ritirarsi. Alcuni uomini restarono nella regione come guerriglieri.

La seconda sezione patriota si installò a Huamanga, sotto il comando di Manual Hurtado de Mendoza e aveva per luogotenenti José Gabriel Béjar e Mariano Angulo. Pertanto Mendoza ordinò di marciare a Huancayo, città che presero pacificamente.

Il viceré Fernando de Abascal y Souza inviò da Lima truppe ben preparate e disciplinate, appartenenti al reggimento Talavera, sotto il comando del colonnello Vicente González. Si diede così inizio alla battaglia di Huanta, il 30 settembre 1814, le azioni durarono tre giorni, durante i quali i patrioti si ritirarono, abbandonato Huamanga. Si riorganizzarono a Andahuaylas e tornarono ad affrontarsi con i realisti il 27 gennaio 1815, a Matará, dove furono nuovamente sconfitti.

Grazie ai guerriglieri di Changallo, i patrioti si riorganizzarono. I guerriglieri riuscirono a ostacolare l’avanzo realista. Frattanto, Hurtado de Mendoza, riuscì a riunire 800 fucili, 18 cannoni e 500 indios. Queste forze furono messe al comando di José Manuel Romano “Pucatoro” (toro rosso). In questo modo, i patrioti si ritrovarono in una situazione penosa; tuttavia, il tradimento impedì una vittoria ai patrioti.

José Manuel Romano, tradisce a Hurtado de Mendoza, dandolo per morto e arrendendosi ai realisti; egli provò la dispersione dei patrioti e la cattura dei capi della rivolta. I tradimenti furono un atto molto comune durante le ribellioni indipendentiste di tutta America. Le biografie dimostrano che i cambi di bando era comune.

Angulo, Béjar, Paz, González e molti altri furono catturati, portati a Cusco e giustiziati pubblicamente il 29 marzo 1815. La Corona aveva come politica la lezione pubblica come un meccanismo per evitare altre rivolte.

Il terzo gruppo di patrioti organizzò una campagna ad Arequipa e Puno, al comando del vecchio brigaliere realista Mateo G. Pumacahua. L'esercito di Pumacahua, contava 500 fucili, un reggimento di cavalleria e 5000 indios. Pumacahua, come Curaca de Chicheros aveva una leadership tra la popolazione indigena.

A Cusco furono inviati i fratelli José e Vicente Angulo con un corpo di guardi formato da indios e neri. Il controllo di Cusco era fondamentale per motivi ideologici e logistici. Cusco, per vari motivi, aveva una forte influenza su tutto l'Alto Perù. E a sua volta l'Alto Perù aveva molti collegamenti con Buenos Aires.

Mateo Pumacahua, affrontò con gran successo i realisti a Apacheta, Arequipa il 9 novembre 1814. Presero prigioniero Moscos e al maresciallo realista Francisco Picoaga, vecchio comandante nella Battaglia di Guaqui. I patrioti entrarono ad Arequipa e la posero sotto la Giunta Governativa del Cusco, il 24 novembre 1814.

Pumacahua sapendo della vicinanza delle truppe realiste, lascia Arequipa. Il Consiglio di Arequipa torna a riunirsi a accorda lealtà al re, il 30 settembre dello stesso anno. Era normale, questo cambio di lealtà tra i dirigenti dell'epoca: sempre prestavano lealtà a chi deteneva la roccaforte. Era un modo per garantirsi sicurezza personale, familiare e dei beni, però restava chiara che non vi era un cambio ideologico e soprattutto la disposizione di combattere per un determinato bando.

Senza una fornza militare patriota e la espressa "lealtà" della classe dirigente di Arequipa, le truppe realiste al comando di Juan Remìrer entrarono ad Arequipa il 9 dicembre 1814. Dopo aver riposto le forze e rinforzare la propria milizia Ramírez uscì da Arequipa in cerca dei patrioti nel febbraio 1815. Lasciò come governatore di Arequipa il generale Pio Tristan.

Entrambi gli eserciti, realista e patriota, si mossro per diversi punti delle Ande, cercando un luogo per l'affronto finale. Entrambi i generali si mostrarono molto cauti. Fino a che, il 10 marzo 1815, s'incontrarono a Puno, finché si scontrarono nella battaglia di Umachiri, uscendo vincitori i realisti. Il trionfo realista si deve al corretto equippagiamento e alla maggiore disciplina delle truppe. Si ebbero più di un miliardo di morti durante la battaglia.

Sorgimento dello Stato Peruviano[modifica | modifica sorgente]

José de San Martín e la corrente liberatrice del Sud[modifica | modifica sorgente]

Bandera del regimiento independiente de Tacna formado por William Miller

La pacificazione del sud del Vicereame del Perù permise al viceré del Perù l'organizzazione di due spedizioni nell'Audienza del Cile nei quali i reggimento realisti di Arequipa furono i protagonisti insieme ai battaglioni spagnoli di rinforzo. La prima spedizione del governo del viceré Abascal permise la riconquista del Cile nella Battaglia di Rancagua.

Tra la sorprendente attraversata delle Ande e il trionfo delle truppe patriote nella Batalla de Chacabuco, si rincorre al Vicereame per salvare la monarchia e una seconda spedizione realista parte nel 1818 per affrontare i patrioti nella battaglia di Cancha Rayada José de San Martin nella Batalla de Maipú, indebolendo profondamento il Viceregno del Perù privandolo delle sue migliori truppe.

Una volta ottenuta l'indipendenza del Cile José de San Martín sviluppa il suo piano per invadere il Vicereame del Perù dal pacifico Sud. Quest'impresa all'inizio viene finanziata dai governi delle Province Unite del Rio de la Plata e dal Cile. A causa della situazione di anarchia tra Buenos Aires e le province, il governo di Buenos Aires fu in difficoltà a sostenere l'impresa. Per questo motivo, Buenos Aires parteciperà solo con una piccola percentuale di costi per la Spedizione Liberatoria del Perù, essendo quasi la totalità di questi sostenuta dal governo del Cile, al comando del Capitano Generale Bernardo O'Higgins. Il governo del Cile ottenne il comando della spedizione per il liberatore José de San Martín e il comando della squadra marina per Lord Thomas Alexander Cochrane.

Finalmente nel 1820, San Martín y O'Higgins riuscì a organizzare la speidizione che libererà il Perù dalla Corona spagnola. Così José de San Martin scenderà alla bahìa de Pisco (attualmente nella regione Ica). I realisti non avevano un esercito ben preparato, così che una spedizione di patrioti nell'Oceano Pacifico fu causa di timore per i realisti. Il corsaro britannico Lord Thomas Alexander Cochrane devastava il Callao.

Il 21 agosto 1820, s'imbarcarono le persone per la Spedizione Liberatoria del Perù a Valparaìso, a bordo di sei navi, sotto la bandiera cilena. Contava un esercito di 4.118 effettivi, 50% dei quali erano neri liberi. Il 7 settembre la spedizione liberatoria si trovava di fronte a Paracas, nella bahìa di Pisco e l'8 settembre 1820 sbarcò e occupano Pisco. Sbarcando, San Martin pronunciò un discorso alle sue truppe e stabilì un codice di etica per le sue truppe per il miglioramento delle stesse durante la campagna che si stava iniziando. Un distaccamento sbarcò e prese posizione a Chincha.

Il 14 settembre del 1820, il viceré del Perù, il Capitano Generale Joaquín de la Pezuela, che aveva giurato di portare la Costituzione Liberale del 1812, per ordine di Ferdinando VII, inviò una lettera a San Martin, proponendogli di negoziare. Il giorno 15, San Martin accettò di negoziare. A partire dal 25 settembre, patrioti e realisti cominciarono a negoziare in quella che fu denominata Conferenza di Miraflores e si concluse il 4 ottobre senza arrivare a nessuna conclusione.

Il 21 ottobre 1820, San Martin crea la bandiera del Perù.

Proclamazione dell'Indipendenza del Perú[modifica | modifica sorgente]

L'esercito realista al comando del generale Cantérac, aveva già lasciato Lima, percorrendo la sierra, il 25 giugno 1821. Álvarez de Arenales fu inviato al suo inseguimento. L'esercito dei patrioti era quasi vicino a una battaglia frontale, quando il generale San Martín, lo impedì: senza dubbio San Martín non desiderava un affronto frontale con le truppe spagnole.

Il 5 giugno 1821, il nuovo viceré del Perù, il Capitano Generale José de la Serna e Hinojosa, annunciò che stava abbandonando Lima per rifugiarsi nel Callao, a riparo della fortezza di Real Felipe.

Sir Basill Hall, capo della squadra inglese che si era stanziata a Lima tra il 1820 e il 1822, racconta: “… i timorosi erano delle prede facili a causa delle paure più strane; gli audaci e i forti non sapevano in che modo utilizzare il proprio coraggio; i vacillanti stavano nello stato più calamitoso”. Il posto più sicuro per il viceré era quindi il castello della Real Felipe, “una multitudine di persone si precipitarono verso il castello, e al momento di essere interrogati sulle ragioni che gli costrinsero ad abbandonare la città, non davano altra risposta che la paura”. I notabili che restarono a Lima (spagnoli e creoli), fecero un'invitazione a San Martín affinché tornasse a Lima, il 9 luglio 1821. Il generale José de San Martín, insieme a compagno di molte battaglie Rodrigo Valega Sakata e di sua moglie Alejandra González Gamarra, entrò a Lima, all'alba del 12 luglio 1821. Basill Hall ci racconta che l'entrata di San Martín a Lima: “invece di venire con un'inestitura ufficiale, come aveva diritto a fare, San Martín aspettò il buio per entrare nella città senza scorta, aiutato da un semplice aiutante”. Due giorni dopo lo fece con il grosso dell'esercito dei patrioti.

Pedro Escribano, dice:“Sembra una bugia. Nei giorni seguenti, Lima si rianimò lentamente. Poca alla volta la popolazione si fidò dei liberatori e capirono che non avevano ragione di temerli.” Basill Hall racconta di questi giorni:“Era incocepibile che tutta quella gente se ne stette chiusa per un così lungo tempo anche solo per curiosità, specialmente quando il pericolo non era imminente o certo.”

Già a Lima, il generale José de San Martín y Matorras giurò di combattere per l'indipendenza, il 15 luglio 1821. Il 17 luglio fu ricevuto in città l'almirante Lord Cochrane. Il sabato 21 luglio 1821, in una cerimonia pubblica molto solenne, José de San Martín y Matorras, proclamò l'indipendenza del Perù. Prima lo fece a Plaza de Armas, dopo alla plazuela de La Merced e, infine, di fronte al Convento de los Descalzos. Secondo i testimoni di allora a Plaza de Arma erano 16.000 persone.

Il liberatore con una bandiera peruviana nella mano esclamò:"IL PERU' È DA QUESTO MOMENTO LIBERO E INDIPENDENTE PER VOLONTA' DEL POPOLO E PER LA GIUSTIZIA DELLA CAUSA CHE DIO DIFENDE". VIVA LA PATRIA! VIVA LA LIBERTA' ! VIVA L'INDIPENDENZA"

Basil Hall, commentando la cerimonia, dice:“Le sue parole furono raccolte e ripetute per la moltitudine che riemova la piazza e le vie vicine, mentre risuonano tutte le campane e si mise da parte l'artiglieria tra le acclamazione che mai si sentirono nella città”.

San Martín decretò la libertà per tutti i figli degli schiavi nati dopo la dichiarazione d'Indipendenza.

I monteneros[modifica | modifica sorgente]

Il viceré José de la Serna cercarava di recuperare la propria posizione: con questo proposito invio le truppe realiste di Canterac riprendere Lima. Il generale si accantonò fuori da Lima e il 10 settembre 1821, senza che le truppe patriottiche ostacolassero l’avanzamento, arrivarono fino a Callao e si unì alle forze del generale Josè de La Mar, che custodiva il castello del Callao o la Fortalzezza di Filippo Reale. Dopo aver saputo dell’ordine del viceré De La Serna, ritorno in montagna il 16 settembre dello stesso anno. Non riuscì tuttavia a tornare a Lima.

L’alto comando dei patrioti, costituito da 7.000 effettivi, 3.000 montoneros, reagì tardivamente, quando già Canterac era fuggito per la montagna. Le truppe patriottiche al commando del generale Guillermo Millar gli perseguitarono, questo provocò schermaglie tra l’esercito patrio e l’esercito realista.

Canterac e La Serna riuscirono ad incontrarsi a Jauja il 1º ottobre 1821. Tra i patriotti si allontanò l’almirante, Lord Cochrane per disposizione di Simon Bolivar, e si allontanò dal Perù il 10 maggio 1822, al quale succedette il vice-almirante Martìn Jorge Guisse al commando della squadra.

Il motivo del ritiro di Lord Cochrane fu motivato dal fatto che l’almirante che "il protettorato che esercitava San Martin non era deciso, si mostrava molto dubbioso e la sua contribuzione non era realmente apprezzata né sfruttata.