Homininae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Homininae
South Djoum Chimp.jpg
Scimpanzé comune
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Tetrapoda
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Haplorrhini
Infraordine Simiiformes
Parvordine Catarrhini
Superfamiglia Hominoidea
Famiglia Hominidae
Sottofamiglia Homininae
Tribù

Gli Homininae sono una sottofamiglia di primati della famiglia degli Ominidi.

La famiglia comprende attualmente tutte le forme viventi di grandi scimmie antropomorfe, escludendo i pongidi, oltre che numerosi generi estintisi in tempi preistorici (ad es. Australopithecus). Fino al 1980, alla sottofamiglia veniva ascritta, per motivi di natura puramente antropocentrica, unicamente la specie umana, mentre le grandi scimmie antropomorfe venivano relegate addirittura in una famiglia a se stante, quella dei Pongidi[1]. Le scoperte, sia a livello fossile che filogenetico, avvenute col passare degli anni, hanno fatto sì che una tale classificazione non avesse più senso e portarono ad una revisione tassonomica, con il conseguente spostamento delle grandi scimmie nella sottofamiglia Ponginae e degli uomini nella sottofamiglia Homininae, ambedue facenti parte della famiglia degli Hominidae[2].
Ulteriori ricerche individuarono una parentela fra uomini, gorilla e scimpanzé maggiore rispetto ai legami filogenetici che sussistevano fra questi ultimi due e gli oranghi, il che portò ad un accorpamento dei generi Gorilla e Pan nella sottofamiglia Homininae[3].

Albero evolutivo degli Hominoidea, con gli Homininae messi in evidenza.












La sottofamiglia può essere divisa in due tribù:

  • Quella dei Gorillini, comprendente per l'appunto i gorilla;
  • Quella degli Hominini, comprendente l'uomo e le due specie di scimpanzé.

I primi esponenti attribuibili a questa sottofamiglia, pur non appartenendo a nessuna delle due tribù attuali, sono probabilmente Nakalipithecus nakayamai e Ouranopithecus, vissuti nel tardo Miocene, che dimostrerebbero che il differenziamento degli Homininae dai Ponginae si ebbe all'incirca otto milioni di anni fa.

Le specie e sottospecie attualmente viventi ascritte a questa sottofamiglia sono le seguenti:

Tribù Gorillini

Tribù Hominini

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ M. Goodman, Man’s place in the phylogeny of the primates as reflected in serum proteins in S. L. Washburn (a cura di), Classification and human evolution, Aldine, Chicago, 1964, pp. 204–234.
  2. ^ M. Goodman, Biochemical Evidence on Hominid Phylogeny in Annual Review of Anthropology, vol. 3, 1974, pp. 203–228. DOI:10.1146/annurev.an.03.100174.001223.
  3. ^ M. Goodman, D. A. Tagle, D. H. Fitch, W. Bailey, J. Czelusniak, B. F. Koop, P. Benson, J. L. Slightom, Primate evolution at the DNA level and a classification of hominoids in Journal of Molecular Evolution, vol. 30, 1990, pp. 260–266. DOI:10.1007/BF02099995.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi