Gorilla gorilla diehli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Gorilla di Cross River
Cross river gorilla.jpg
Gorilla gorilla diehli
Stato di conservazione
Status iucn3.1 CR it.svg
Critico[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Haplorrhini
Infraordine Simiiformes
Parvordine Catarrhini
Superfamiglia Hominoidea
Famiglia Hominidae
Genere Gorilla
Specie G. gorilla
Sottospecie G. g. diehli
Nomenclatura trinomiale
Gorilla gorilla diehli
(Matschie, 1904)
Sinonimi

Gorilla gorilla (Nigerian stock)

Il gorilla del Cross River (Gorilla gorilla diehli (Matschie, 1904)) è una sottospecie di gorilla occidentale (Gorilla gorilla) sull'orlo dell'estinzione. Prende il nome dal fiume Cross River, un importante corso fluviale della Nigeria sudorientale.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Differisce dal gorilla occidentale di pianura (Gorilla gorilla gorilla) per il cranio e i denti di dimensioni inferiori.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Vive nelle regioni di confine tra Nigeria e Camerun, nelle foreste di latifoglie umide tropicali e subtropicali.

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

Il gorilla di Cross River non è solo il più minacciato tra tutti i gorilla, ma è il primate a maggior rischio di estinzione. Le stime sul numero di questi animali continuano a variare, ma si ritiene che in natura sopravvivano solamente tra i 250 e i 300 individui, suddivisi tra 9-11 popolazioni isolate tra loro da zone coltivate. La più vicina popolazione di gorilla di pianura occidentale si trova a 250 km di distanza. Sia la distruzione dell'habitat che l'aumento della caccia cui è soggetta hanno pesantemente contribuito al declino di questa sottospecie.

Studi recenti sul comportamento[modifica | modifica sorgente]

Nel 2005 gli scienziati della Wildlife Conservation Society, mentre stavano osservando dei gorilla di questa sottospecie, hanno documentato un caso di utilizzo di utensili da parte di questi animali. I ricercatori hanno infatti scoperto che i gorilla utilizzano dei rametti per saggiare la profondità dei torrenti prima di attraversarli[2].

Uno studio pubblicato nel 2007 sul Journal of Primatology ha annunciato la scoperta di varie reazioni aggressive a possibile minacce dell'uomo. Gli scienziati coinvolti nello studio hanno «riscontrato alcuni casi di gorilla che lanciavano bastoni e ciuffi d'erba[3]». Questo fatto è insolito, poiché quando i gorilla entrano in contatto con l'uomo solitamente fuggono e solo raramente effettuano delle cariche.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Oates, J.F., Bergl, R.A., Sunderland-Groves, J. & Dunn, A. 2008, Gorilla gorilla diehli in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ Science Daily
  3. ^ Science Daily

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi